Inquinamento e salute pubblica: gli svedesi danno l’esempio

Inquinamento e salute pubblica
(FILES) This picture taken 18 July 2006 shows cyclists passing through thick pollution from a factory in Yutian, 100km east of Beijing in China's northwest Hebei province. China has no plans to radically change its reliance on coal and other dirty fuels despite already feeling the impacts of global warming, a leading Chinese meteorologist said 06 February 2007. In the first official Chinese response to a stark UN report issued last week on climate change, Qin Dahe said China lacked the technology and financial resources for a wholesale conversion to cleaner energy sources. AFP PHOTO/Peter PARKS/FILES (Photo credit should read PETER PARKS/AFP/Getty Images)

Ogni anno, oltre 400.000 persone in Europa muoiono prematuramente a causa dell’inquinamento atmosferico – e vi è una chiara evidenza che il tasso di mortalità è più alto tra le persone che vivono in aree con aria più inquinata. Cosa succederebbe se tutti i veicoli a benzina e diesel venissero rimossi da una città europea più piccola? Si può prevenire fino al 4% di tutti i decessi prematuri, secondo un nuovo studio dell’Università di Lund in Svezia. I ricercatori hanno utilizzato Malmö, in Svezia, come caso di studio per calcolare i costi sanitari del traffico cittadino. Malmö, in Svezia, con una popolazione di 320000, rimane generalmente al di sotto della soglia UE raccomandata per le polveri sottili e gli ossidi di azoto ogni anno. Nonostante ciò, i benefici per la salute derivanti dalla rimozione dei fumi di scarico dalla città sarebbero significativi. Ebba Malmqvist, ricercatrice presso il Dipartimento di medicina occupazionale e ambientale dell’Università di Lund, spiega: “Un inquinamento ridotto impedirebbe il 55-93% delle morti premature (2-4% di tutti i casi) ogni anno, 21 nuovi casi di asma infantile (6% di tutti i casi), 95 casi di bronchite infantile (10% di tutti i casi), 30 ospedalizzazioni per malattie respiratorie (1% di tutti i casi), 87 casi di demenza (4% di tutti i casi) e 11 casi di donne in gravidanza con preeclampsia (11% di tutti i casi) “.

Il cambiamento avrebbe anche impedito 2 729 giorni di assenze per malattia e 16 472 giorni di attività ridotta a causa di problemi di salute, lo studio ha rilevato. I ricercatori sono stati molto cauti nelle loro interpretazioni e gli effetti di una riduzione dell’inquinamento atmosferico sarebbero probabilmente molto più grandi nella realtà. A Malmö, sette volte più persone muoiono da queste fonti di inquinamento atmosferico che da incidenti stradali. Malmö rimane generalmente al di sotto dei livelli medi di inquinamento atmosferico dell’UE per polveri sottili e ossidi di azoto. Secondo i ricercatori, la soglia prescelta è un compromesso tra le linee guida e le considerazioni politiche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, gli studi epidemiologici non includono valori limite; man mano che i valori aumentano, aumentano anche i rischi. “La nostra visione è zero morti da traffico e sono stati fatti notevoli investimenti per garantire questo – eppure chiudiamo gli occhi per gli effetti sulla salute dell’inquinamento atmosferico”, afferma la Dr.ssa Malmqvist. “Il valore limite è quello di offrire ai cittadini dell’UE una certa protezione contro alti livelli di particelle, ma non rappresenta un livello di sicurezza“.

Non vi è nulla che suggerisca che il semplice essere al di sotto del valore limite avrebbe effetti sulla salute – al contrario, si sono notati effetti negativi anche a livelli inferiori al valore UE. Nonostante i ricercatori abbiano lavorato su considerazioni ambientali per oltre 10 anni, i decisori non sembrano aver assorbito le informazioni. Come risultato dello studio, saranno offerti numerosi workshop per i dipendenti che lavorano con le questioni di pianificazione urbana nella città di Malmö, per discutere come risolvere i problemi ambientali in futuro. Una delle tante idee è introdurre zone ambientali. Quest’area esistono in altre città, dove la zona più rigida proibisce le auto alimentate a benzina o diesel. Ma Malmö deve capire cosa gli si addice. Tuttavia, lo studio ha dimostrato che è utile promuovere l’aria più pulita e una migliore salute della popolazione. Questo riflette la conferma di risultati precedenti ottenuti dal team della dottoressa Malmqvist (vedere bibliografia allegata) sulla correlazione fra concentrazioni di gas serra (ossidi di azoto e carbonio) in alcune città svedesi e la qualità della salute globale fra i cittadini. Ciò che ci auspichiamo è che questo interesse per la salute si espanda a livello mondiale.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Malmqvist E et al., Oudin A. Environ Int. 2018 May 25; 118:78-85.

Malmqvist E et al. Curr Environ Health Rep. 2018 Mar; 5(1):34-43.

Sabra S, Malmqvist E et al. PLoS One. 2017 Oct; 12(10):e0185645.

Hagenbjörk A, Malmqvist E et al. Environ Monit Assess. 2017;189(4):161.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 968 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.