Home ATTUALITA' & SALUTE Bypass cardiaco: quando si fa, il decorso e le prospettive

Bypass cardiaco: quando si fa, il decorso e le prospettive

Introduzione

L’intervento di bypass cardiaco è una procedura complicata che comporta una quantità significativa di preparazione e tempi di recupero. Il nome medico per l’intervento di bypass cardiaco è l’innesto di bypass delle arterie coronarie (CABG). Occasionalmente, qualcuno deve subire un intervento chirurgico di bypass cardiaco di emergenza, ma la maggior parte delle volte l’operazione è pianificata. L’intervento di bypass cardiaco è una procedura relativamente sicura ed efficace, che riduce il rischio di infarto e morte. La procedura potrebbe anche alleviare i sintomi della malattia coronarica, come il dolore al petto. I medici hanno in genere una gamma di opzioni a loro disposizione per risolvere il blocco. Se non trattata, la malattia coronarica può portare ad un infarto e persino alla morte. Quando possibile, i medici possono provare a risolvere il problema delle arterie bloccate con farmaci e procedure meno invasive, come uno stent. Se queste opzioni non funzionano o non sono adatte per un individuo, i chirurghi potrebbero decidere di eseguire un intervento chirurgico di bypass cardiaco. La chirurgia del bypass cardiaco è una delle armi più efficaci contro le arterie bloccate e i problemi che causano. 

Procedura e decorso

Secondo l’American Heart Association, CABG comporta la rimozione di un vaso sanguigno dal torace, dalle braccia o dalle gambe e il suo utilizzo per creare una deviazione o bypassare il blocco. Ciò consente al sangue di raggiungere nuovamente il cuore. I chirurghi possono rivolgersi a più di un’arteria in un’unica operazione. Un doppio bypass comporta due riparazioni, un triplo bypass ne coinvolge tre e un bypass quadruplo ne coinvolge quattro. Il bypass quintuplo è il più complesso intervento chirurgico di bypass cardiaco e comprende tutte e cinque le principali arterie che alimentano il cuore. La rimozione di un vaso sanguigno da un’altra parte del corpo non influisce sostanzialmente sul flusso sanguigno nell’area da cui proviene il vaso. L’intervento di bypass cardiaco è in genere un intervento a cuore aperto, il che significa che il chirurgo taglia il torace aperto per raggiungere il cuore. Il chirurgo può quindi eseguire l’intervento “on-pump” o “off-pump”. La chirurgia a pompa comporta l’uso di una macchina cuore-polmone che fa circolare il sangue e respira il corpo. La macchina consente ai medici di fermare il cuore, rendendo più semplice l’operazione.

L’intervento fuori pompa, chiamato anche “intervento chirurgico a cuore pulsante”, avviene mentre il cuore batte ancora, ma non usa la macchina cuore-polmone. A volte, un chirurgo può eseguire un intervento chirurgico di bypass cardiaco senza aprire il torace. I rischi e le potenziali complicanze variano per ogni persona. Un medico può aiutare a decidere quale trattamento è l’opzione migliore per ogni persona. Prima dell’intervento di bypass cardiaco, le persone dovrebbero:

  • astenersi dall’assumere farmaci contenenti aspirina per 3 giorni prima dell’intervento
  • smettere di fumare immediatamente, poiché il fumo può interferire con il recupero
  • organizzare che qualcuno rimanga con loro dopo il ritorno a casa
  • evitare di mangiare o bere dopo la mezzanotte della notte prima dell’intervento-
  • seguire qualsiasi altra istruzione fornita dal medico o dal team di assistenza

Alcune persone potrebbero voler donare il proprio sangue in anticipo per l’uso durante l’intervento. Una persona sottoposta a un’operazione di bypass cardiaco pianificata avrà l’opportunità di discutere la procedura con il proprio medico prima dell’operazione. Il team di assistenza spiegherà l’intervento, stabilirà i tempi di arrivo e aiuterà a completare le pratiche burocratiche. Molte persone possono sottoporsi a test prima dell’intervento tra cui un elettrocardiogramma (ECG), radiografia del torace e esami del sangue. Prima dell’operazione, gli infermieri accedono a una vena per inserire i farmaci anche dopo l’intervento quando necessario. Immediatamente prima dell’intervento, il paziente viene portato nel sonno profondo con farmaci adeguati (anestetici). Anche se i tempi possono variare, la chirurgia del bypass cardiaco dura in genere tra 3 e 6 ore. Gli interventi di bypass cardiaco sono gravi ma relativamente sicuri. Più grave è la malattia cardiaca, maggiore è il rischio di complicanze. Tuttavia, il tasso di mortalità è basso e, secondo un rapporto, solo il 2-3% delle persone che subiscono un intervento chirurgico di bypass cardiaco muore a causa dell’operazione.

In media, una persona rimarrà in ospedale per circa una settimana dopo l’intervento chirurgico. È normale che si verifichino dolori e sudorazioni notturne, ed è probabile che ci sia del liquido nei polmoni, quindi la gente dovrebbe aspettarsi un bel po’ di tosse. Di solito le persone iniziano a mangiare e si spostano poco dopo che il medico ha rimosso il tubo di respirazione. I comuni farmaci post-chirurgici includono tipicamente gli inibitori piastrinici o anti-aggreganti, che aiutano a prevenire la formazione di coaguli di sangue. Dopo aver subito un intervento chirurgico di bypass cardiaco, una persona avrà probabilmente bisogno di assumere Cardioaspirina per il resto della sua vita.Le complicazioni sono possibili ma inusuali. Supponendo che non ci siano complicazioni, la maggior parte delle persone può aspettarsi una migliore qualità della vita molto presto dopo l’intervento chirurgico. I miglioramenti comprendono dolore toracico ridotto e altri sintomi correlati alle arterie coronarie bloccate.  E’ tassativo, ovviamente, che l’interessato elimini il vizio del fumo, adotti uno stile di vita meno frenetico e adotti una nutrizione congrua al recupero: Questa comprende verdure fresche, pesce, frutta a guscio (mandorle, noci, anacardi) e frutta di stagione. Questo gli permetterà di avere una dieta a basso contenuto di colesterolo e allo stesso tempo di apportare acidi grassi omega-3 per la protezione cardiovascolare.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI