Lotta all’HIV: anticorpi riscoperti, trial clinici e nuove strategie

Un gruppo di scienziati del Texas Biomedical Research Institute si è concentrato su una nuova difesa contro l‘HIV-1, il virus che causa l’AIDS. Guidato da Ruth Ruprecht, M.D., Ph.D., il team ha usato un modello animale per mostrare per la prima volta che un anticorpo chiamato Immunoglobulin M (IgM) era efficace nel prevenire l’infezione dopo esposizione al virus della mucosa dell’AIDS. In tutto il mondo, circa il 90% dei nuovi casi di HIV-1 è causato dall’esposizione nelle cavità della mucosa come il rivestimento interno del retto o della vagina. Il Dr. Ruprecht, scienziato e direttore del programma di ricerca sull’AIDS del Texas Biomed ha dichiarato: “L’IgM è una sorta di anticorpo dimenticato. La maggior parte degli scienziati riteneva che il suo effetto protettivo fosse troppo breve per essere sfruttato come qualsiasi tipo di schermo protettivo contro un agente patogeno invasivo come l’HIV -1 “Le scimmie Rhesus presso il Southwest National Primate Research Center del Texas Biomed campus sono servite come modelli per lo studio in vivo. Gli scienziati hanno prima trattato gli animali con una versione artificiale di IgM, che è prodotta naturalmente da cellule plasmatiche situate sotto gli epiteli (cute e mucose). Mezz’ora dopo, gli stessi animali sono stati esposti a SHIV (virus dell’immunodeficienza umana-simian).

Quattro dei sei animali trattati in questo modo erano completamente protetti dal virus. Gli animali sono stati monitorati per 82 giorni. Il team del Dr. Ruprecht ha scoperto che l’applicazione degli anticorpi IgM ha provocato quella che viene chiamata immunizzazione. Le IgM ammassavano il virus, impedendogli di attraversare la barriera mucosa e di diffondersi nel resto del corpo. La tecnica di introdurre anticorpi preformati nel corpo per creare l’immunità è nota come immunizzazione passiva. IgM ha un’alta affinità per i suoi antigeni, li afferra molto velocemente e non li lascia andare. Lo studio rivela per la prima volta il potenziale protettivo delle IgM anti-HIV-1 della mucosa. L’IgM ha una capacità cinque volte superiore di legarsi alle particelle virali rispetto alla forma di anticorpo standard chiamata IgG. Un editoriale di accompagnamento afferma che il Dr. Ruprecht ha lanciato una nuova ondata nel valutare l’attività degli anticorpi IgM nel neutralizzare l’HIV-1. Il team ha ampiamente allargato l’orizzonte di neutralizzazione degli anticorpi dell’HIV-1, che, come agenti singoli o combinati, possono essere utilizzati per la prevenzione e il trattamento dell’HIV-1. IgM può fare più di quanto è stato dato credito. Questo in pratica apre una nuova area di ricerca”.

Lo studio è pubblicato nell’edizione del 17 luglio 2018 della rivista AIDS.

I ricercatori hanno riportato i risultati del primo trial clinico randomizzato per testare una nuova strategia che coinvolge il risveglio e quindi l’uccisione dell’HIV “dormiente” che si nasconde nel corpo usando un approccio sperimentale noto come “colpisci e uccidi”. Guidati dall’Imperial College di Londra, dall’Università di Oxford, dalla Clinical Trials Unit della MRC della UCL e dall’Università di Cambridge, lo studio RIVER mirava a migliorare le cure attuali eliminando l’HIV dal corpo, il che rappresenterebbe un importante passo avanti nella ricerca per una cura. Sebbene gli investigatori non abbiano rilevato alcuna differenza tra i partecipanti che hanno ricevuto la terapia attiva “calci e uccidi” e coloro che hanno avuto un trattamento standard, affermano che la sperimentazione spiana la strada per testare diverse combinazioni di terapie per contrastare l’HIV che persiste nei pazienti che ricevono trattamento antiretrovirale (ART). Lo studio dimostra come i ricercatori guardino al di là delle attuali terapie che, nonostante la rivoluzione della vita delle persone affette da HIV, non sono una cura e devono essere prese per la vita. Lo studio RIVER, che si è svolto tra il 2015 e il 2018 a Londra e Brighton, ha testato l’approccio “colpisci e uccidi” in 60 uomini con diagnosi di HIV recenti e che avevano il virus sotto controllo assumendo ART. Nonostante abbiano livelli di HIV non rilevabili nel sangue, i pazienti trattati con ART non sono guariti. Se smettono di prendere l’ART, il virus ritorna dai nascondigli nel corpo noti come “serbatoi”. Ciò ha portato i ricercatori a proporre che una possibile cura per l’HIV sarebbe quella di prendere di mira questi serbatoi, costringere l’HIV a nascondersi e poi ucciderlo.

Per testare questa idea, RIVER ha usato due farmaci oltre al trattamento standard di ART. In primo luogo, due vaccini per allenare il sistema immunitario del corpo a riconoscere e distruggere l’HIV, e in secondo luogo un farmaco chiamato vorinostat (usato anche per la gestione del cancro) che “sveglia” le cellule del reservoir in cui l’HIV si nasconde e costringe il virus a rivelare stesso e affrontare il sistema immunitario. Questo approccio alla cura dell’HIV è chiamato “colpisci e uccidi”: il colpo viene rilasciato da vorinostat e l’uccisione proviene dalle cellule killer del proprio sistema immunitario che sono state addestrate dai vaccini. Per rivendicare il successo nel trial “proof of concept” di RIVER, i ricercatori hanno affermato che coloro che ricevono i farmaci “colpisci e uccidi” dovrebbero registrare un calo significativo dei livelli di HIV nelle cellule del reservoir, noti come linfociti T CD4. Tuttavia, quando i risultati furono svelati per la prima volta ai ricercatori nell’aprile 2018, scoprirono che la metà dei partecipanti al trial che avevano somministrato questi farmaci in aggiunta all’ART, aveva livelli simili di cellule del reservoir infettate rispetto a quelli che ricevevano solo terapia ART standard.

I risultati dello studio saranno presentati per la pubblicazione in una rivista peer-reviewed.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Miller-Novak LK et al. J Virol. 2018 Jul 18. 

Schmidt B. AIDS. 2018 Jul 17;32(11):1535-1536.

Gong S et al. AIDS. 2018 Jul 17;32(11):F5-F13.

Devito C et al. Sci Rep. 2018 Jul 5; 8(1):10180.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it