mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Telefoni cellulari: l’impatto sulla memoria degli adolescenti

La rapida evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) si accompagna ad un aumento dell’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) nella nostra vita quotidiana. La fonte di esposizione più rilevante per il cervello è l’uso di un telefono cellulare vicino alla testa. Numerosi studi sono stati condotti per identificare potenziali effetti sulla salute correlati al RF-EMF, anche se i risultati sono rimasti inconcludenti. Studi sull’esposizione controllata in animali ed esseri umani hanno trovato prove limitate per gli effetti sia positivi che negativi di RF-EMF sulle prestazioni della memoria e sui relativi processi neurali. Tra i pochi studi epidemiologici, la coorte australiana Mobile Radiofrequency Phone Exposed Users Study (MoRPhEUS) di 317 adolescenti con un’età media di 13 anni ha osservato risposte più veloci ma meno precise nella memoria di lavoro e attività di apprendimento associativo per utenti di telefonia mobile frequenti.

La ricerca condotta dagli scienziati dell’Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) ha esaminato la relazione tra l’esposizione a RF-EMF dai dispositivi di comunicazione wireless e le prestazioni di memoria negli adolescenti. Lo studio fa seguito a un rapporto pubblicato sulla rivista scientifica Environment International nel 2015, con il doppio delle dimensioni del campione e informazioni più recenti sull’assorbimento di RF-EMF nel cervello degli adolescenti durante diversi tipi di utilizzo di dispositivi di comunicazione wireless. Questi sono i primi studi epidemiologici al mondo per stimare la dose cumulativa del cervello RF-EMF negli adolescenti. Lo studio ha rilevato che l’esposizione cumulativa del cervello con RF-EMF dall’uso di telefoni cellulari nell’arco di un anno può avere un effetto negativo sullo sviluppo delle prestazioni della memoria figurale negli adolescenti, confermando i risultati precedenti pubblicati nel 2015.

La memoria figurale si trova principalmente nell’emisfero destro del cervello e l’associazione con RF-EMF è stata più pronunciata negli adolescenti utilizzando il telefono cellulare sul lato destro della testa. “Questo potrebbe suggerire che il RF-EMF assorbito dal cervello sia responsabile delle associazioni osservate”, ha dichiarato Martin Röösli, Responsabile delle esposizioni e salute ambientale presso Swiss TPH. Altri aspetti dell’uso della comunicazione wireless, come l’invio di messaggi di testo, la riproduzione di giochi o la navigazione in Internet causano solo un’esposizione marginale RF-EMF al cervello e non sono associati allo sviluppo delle prestazioni della memoria. Ha sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per escludere l’influenza di altri fattori. “Una caratteristica unica di questo studio è l’utilizzo di dati utente di telefoni cellulari raccolti in modo oggettivo dagli operatori di telefonia mobile”. ha detto Röösli.

Ad esempio, i risultati dello studio potrebbero essere stati influenzati dalla pubertà, che influisce sia sull’uso del telefono cellulare che sullo stato cognitivo e comportamentale del partecipante. I dati raccolti dagli effetti sulla salute relativi all’uso dei telefoni cellulari nella coorte di adolescenti (HERMES) hanno esaminato la relazione tra l’esposizione a RF-EMF e lo sviluppo delle prestazioni della memoria di circa 700 adolescenti nel corso di un anno. I partecipanti, di età compresa tra 12 e 17 anni, sono stati reclutati dal 7° al 9° anno scolastico nelle aree urbane e rurali. L’effetto potenziale dell’esposizione RF-EMF al cervello è un campo relativamente nuovo di indagine scientifica. Non è ancora chiaro quali processi cerebrali potrebbero essere potenzialmente interessati e quale meccanismo biofisico possa svolgere un ruolo. Il potenziale rischio a lungo termine può essere minimizzato evitando situazioni di esposizione cerebrale elevata come accade quando si utilizza un telefono cellulare con la massima potenza vicino all’orecchio a causa, ad esempio, della cattiva qualità della rete.

Qualità o tacche o auricolari, si tratta di onde non naturali e con le quali bisogna andarci cauti con l’uso prima di sapere cosa potrebbero fare fino in fondo…..

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Birks LE et al., Guxens M. Environ Int. 2018 Aug; 117:204-214.

Foerster M et al. Environ Health Perspect. 2018 Jul 23; 126(7):077007.

Schoeni A, Roser K, Röösli M. Environ Res. 2017 Apr; 154:275-283.

Sagar S et al. J Expo Sci Environ Epidemiol. 2018 Mar; 28(2):147-160.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Fibrosi e malattia interstiziale polmonare da trattare con gli omega-3: alla ricerca di prove, conferme e riscontri visibili

Gli acidi grassi Omega-3 sono già stati collegati a una serie di benefici per la salute. Gli studi hanno suggerito, ad esempio, che riducono...

Bullismo e depressione: autistici e disadattati sono più vulnerabili

Gli adolescenti con difficoltà nella comunicazione sociale, compreso l'autismo hanno tassi più alti di sintomi depressivi, specialmente se sono vittime di bullismo. Ricercatori dell'Università...

Lo stigma che circonda il Parkinson: focus sui fattori sociali e come influiscono sull’autostima del paziente

La malattia di Parkinson provoca sintomi ad ampio raggio; alcuni non sono visibili ma altri eventualmente non possono essere nascosti. Questi possono includere tremore,...

Questo si chiuderà in 20 secondi