HomeBENESSERE & SALUTEIgiene orale nell'anziano: il rischio di infezioni polmonari non è da sottovalutare

Igiene orale nell’anziano: il rischio di infezioni polmonari non è da sottovalutare

Negli Stati Uniti, oltre 540.000 anziani sono stati ospedalizzati e diagnosticati con polmonite nel 2015. Circa 52.000 persone sono morte come risultato. Una nuova ricerca ora pubblicata sulla rivista mSphere esamina gli effetti della scarsa igiene dentale sulla salute respiratoria degli anziani giapponesi. I recenti risultati fanno luce sull’importanza del microbiota della lingua per la nostra salute respiratoria. Il nuovo studio è stato condotto da un team di scienziati giapponesi con sede presso l’Università Kyushu di Fukuoka. La dott.ssa Yoshihisa Yamashita, della divisione di Salute Orale, Crescita e Sviluppo nella Facoltà di Odontoiatria di Kyushu, è l’autore corrispondente dello studio. Come il Dr. Yamashita e i suoi colleghi spiegano nel loro articolo, il microbiota orale è importante per la salute generale perché i batteri che ingeriamo influenzano ogni aspetto della nostra salute. Inoltre, spiega gli autori della nuova ricerca, non solo i batteri nella nostra lingua microbiota raggiungono le nostre viscere, ma anche gli anziani sono particolarmente propensi a inalare alcuni di questi microrganismi.

Problemi come difficoltà di deglutizione e reflusso di tosse possono indurre gli anziani a inalare accidentalmente batteri che potrebbero portare a infezioni polmonari come la polmonite. Al fine di studiare l’effetto dell’igiene dentale sugli anziani, il Dr. Yamashita e il team hanno esaminato la composizione del microbiota della lingua di 506 anziani che vivono in comunità di età compresa tra 70 e 80 anni. Gli anziani erano residenti a Hisayama, in Giappone, e avevano ricevuto una visita odontoiatrica nel 2016. Utilizzando una tecnica avanzata di sequenziamento genomico chiamata sequenziamento genetico dell’rRNA 16S, i ricercatori hanno determinato la composizione e la densità del microbiota degli anziani. I principali batteri identificati erano Prevotella histicola, Veillonella atypica, Streptococcus salivarius e S. parasanguinis. Studi precedenti, affermano i ricercatori, hanno collegato questi microrganismi a un più alto rischio di morte per polmonite. Questi batteri sono stati trovati prevalentemente negli anziani con più placca, più cavità e meno denti. Inoltre, lo studio ha trovato più funghi in questi microbiotici degli anziani, così come tra quelli che indossavano protesi.

La disbiosi descrive uno squilibrio microbico nell’intestino o nella lingua. Lo squilibrio microbico nell’intestino, per esempio, è stato associato a diverse malattie che coinvolgono il sistema immunitario, come le malattie infiammatorie intestinali come la malattia di Crohn e l’artrite reumatoide. Negli anziani, tale squilibrio nel microbiota della lingua era anche legato a un più alto rischio di morte correlata alla polmonite negli studi precedenti. Nel complesso, lo studio evidenzia l’importanza della salute dentale. Il Dr. Yamashita riassume questi risultati, commentando: “Questi risultati suggeriscono che gli anziani con problemi di salute orale inghiottiscono un microbiota disbiotico più formato sulla lingua: meno denti, meno igiene dentale e più carie dentale sono strettamente correlati allo spostamento della composizione del microbiota nella lingua. Ciò potrebbe essere dannoso per la salute delle vie respiratorie degli anziani con problemi di deglutizione. Maggiore attenzione dovrebbe essere data allo stato del microbiota della lingua negli anziani con condizioni dentistiche più scarse”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Asakawa M et al., Yamashita Y. mSphere. 2018 Aug 15;3(4).

Rabello F, Araújo VE, Magalhães S. Int J Dent Hyg. 2018 Feb 23.

Veitz-Keenan A, Ferraiolo DM. Evid Based Dent. 2017;18(4):113.

Konomura K et al. Pneumonia (Nathan). 2017 Dec 5; 9:19.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI