lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Autismo: i farmaci ossitocin-like per facilitare le interazioni sociali

I disturbi dello spettro autistico (ASD) colpiscono circa uno su ogni 59 bambini, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDCs). Anche se i sintomi variano, questi disturbi sono spesso caratterizzati da interazioni sociali compromesse, capacità di comunicazione limitate e comportamenti ripetitivi. I bambini con autismo spesso trovano le interazioni sociali scomode, lasciandole isolate. Alcuni studi hanno dimostrato che l’ossitocina, un ormone che agisce come un neurotrasmettitore nel cervello, può migliorare la capacità di alcuni pazienti ASD di interpretare segnali emotivi e interagire con gli altri. Tuttavia, l’ossitocina non può essere assunta per via orale, viene rapidamente metabolizzata se somministrata per iniezione e non attraversa prontamente la barriera emato-encefalica. Diversi gruppi di ricerca hanno tentato di sviluppare farmaci candidati che superino questi ostacoli con scarso successo. Ora, in uno studio pubblicato sul Journal of Medicinal Chemistry, gli scienziati riferiscono di aver scoperto un composto primo nel suo genere che promuove l’interazione sociale tra i topi di laboratorio che mostrano tratti autistici. La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di farmaci in grado di migliorare i comportamenti sociali in coloro che hanno l’autismo.

In entrambi i genomi umano e del topo, i geni di neuropeptide di ossitocina (OT) e vasopressina (AVP) si trovano adiacenti sullo stesso cromosoma. Spesso i livelli ematici di entrambi gli ormoni sono altamente correlati, suggerendo un rilascio coordinato. I recettori per entrambi i neuropeptidi sono localizzati in specifiche aree del sistema nervoso, specialmente nel tronco cerebrale. Queste regioni cerebrali influenzano i comportamenti sociali e adattativi, oltre a regolare l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e il sistema nervoso autonomo. Poiché OT e AVP sono strettamente correlati e hanno la capacità di agire sui recettori dell’altro, è stato proposto che si siano evoluti per interagire e talvolta abbiano effetti fisiologici opposti. Tuttavia, a livelli elevati i neuropeptidi possono essere agonisti parziali per i loro recettori omologhi, che possono causare dialogo delle vie AVP-OT. La ricerca sugli animali ha generalmente associato il rilascio o l’esposizione a OT con socialità positiva, ansia ridotta e bassi livelli di reattività agli stressanti. L’AVP influenza l’ansia, la regolazione dell’HPA e le risposte allo stress. In generale, l’AVP centrale è descritta come peptide ansiogeno. Es è quello che esattamente hanno i bambini con tratti autistici, una sorta di paura o ansia nei confronti dei contatti sociali.

Data l’influenza di questi neuropeptidi sulle regioni del cervello che influiscono sui comportamenti sia sociali che ripetitivi, la modulazione delle vie OT e AVP viene esplorata come bersagli terapeutici per i disturbi, tra cui la sindrome dell’X fragile (FXS) e i disturbi dello spettro autistico (ASD). Così il dott. Marcel Hibert e colleghi hanno voluto determinare se altri composti in grado di imitare l’ossitocina – e anche di attivare il suo recettore – potrebbero essere la chiave per aiutare i pazienti con ASD. Alcuni composti che si legano al recettore dell’ossitocina si legano anche a un altro gruppo di recettori per la vasopressina, l’ormone antidiuretico che influenza altre funzioni cerebrali. I ricercatori hanno scoperto che questi composti condividono una frazione benzoil-benzazepina comune. Hanno testato le variazioni di questa struttura, trovandone una che sembrava avere caratteristiche simili all’ossitocina senza i suoi inconvenienti. Il team ha testato il composto in topi di laboratorio che sono stati geneticamente modificati e si sono comportati come se avessero ASD. Quando somministrato il composto prototipo, chiamato LIT-001, i topi mostravano contatti del naso aumentati e più prolungati rispetto a prima, un’indicazione che i topi erano più sociali dopo il trattamento.

Sono necessari più test di laboratorio per potere capire a fondo le sue azione e meccanismi, ma i ricercatori hanno concluso che questo nuovo composto potrebbe essere un passo importante verso lo sviluppo di farmaci per alleviare alcuni sintomi dell’ASD.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Frantz MC et al., Hibert M. J Medicinal Chem. 2018 Sep 24.

Muscatelli F et al. Curr Top Behav Neurosci. 2018; 35:239-268.

Karpenko IA et al., Bonnet D. J Med Chem. 2015; 58(5):2547-52.

Anagnostou E et al., Jacob S. Brain Res. 2014 Sep;1580:188-98.

Feldman R, Golan O et al. Br J Psychiatry. 2014; 205(2):107-12.

Miller M et al., Solomon M. Autism Res. 2013 Apr; 6(2):91-102.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Marker ed enzima: la VAP-1, il nuovo bersaglio della sclerosi multipla

La vascular adhesion protein-1 (VAP-1) è una proteina indotta nelle arterie infiammate, ed anche un enzima ossidasi primaria (SSAO), che media l'ingresso dei globuli...

Il risveglio delle cellule tumorali dopo decenni: decifrato il meccanismo per il tumore al seno

Gli scienziati hanno scoperto perché le cellule del cancro al seno che si sono diffuse ai polmoni possono "risvegliarsi" dopo anni di "sonno", formando...

Graft-versus-host disease: are you willing to cure or SIRTing down and watch?

Bone marrow transplant (BMT) offers patients with leukemia and lymphoma a potentially curative treatment. Bone marrow from the donor contains healthy immune cells (T...

Questo si chiuderà in 20 secondi