Dieta gluten-free: i celiaci si chiedono se va bene anche per chi non lo è

Dieta gluten-free: i celiaci si chiedono se va bene anche per chi non lo è

La dieta senza glutine comprende gruppi alimentari che sono naturalmente privi di glutine, come frutta fresca, verdura, pesce, carne, pollame, legumi, noci e la maggior parte dei prodotti caseari. I dati del mercato globale indicano che le vendite di prodotti senza glutine sono previste in aumento di un tasso di crescita annuale composto del 10,4% tra il 2015 e il 2020. Mentre l’applicazione clinica e la popolarità della dieta priva di glutine si intensificano, le richieste dei consumatori continuano a influenzare il cibo standard di mercato e di etichettatura dei prodotti gluten-free. Nel 2013, il regolamento dell’Unione Europea 609/2013 ha stabilito norme in materia di requisiti di composizione e di etichettatura per i prodotti senza glutine. Queste linee guida garantiscono che le persone intolleranti al glutine siano adeguatamente informate della differenza tra alimenti che sono naturalmente privi di glutine e alimenti che sono prodotti, preparati e / o lavorati al fine di ridurre il loro contenuto di glutine. Nello stesso anno, la Food and Drug Administration ha stabilito che i prodotti etichettati “senza glutine” non possono superare una soglia di 20 parti per milione, anche se la data ufficiale di conformità è stata fissata per il 2014. Questa linea guida aiuta i clienti che vogliono evitare il glutine a navigare nell’attuale mercato, proteggendosi dal consumo di prodotti che possono esacerbare i loro sintomi e/o attivare il danno intestinale anche in assenza di sintomi.

A parte i reali celiaci, dei quali si ha la certificazione medica specialistica, una grossa fetta di popolazione mondiale sta subendo un fenomeno molto più vasto: quello della sensibilità al glutine e dell’intolleranza allo stesso. Non serve qui ricordare che celiachia e intolleranza al glutine riconoscono basi patogenetiche perfettamente distinguibili. La seconda è stata riconosciuta dagli esperti come derivante dall’eccessivo consumo di prodotti da forno, in una società dove la disbiosi (il sovvertimento della normale flora batterica intestinale) è presente in media in 90 persone su 100. E’ quest’ultima che fa da terreno preparatorio per l’esagerata reazione immunitaria nei confronti del glutine alimentare. Nonostante la raccomandazione di limitare l’assunzione quotidiana di pane e pasta possa rappresentare una valida soluzione al problema, questo non è sempre attuabile. Sebbene non ortodosso quanto ingiustificato, diverse persone approcciano ad una dieta con sfarinati gluten-free al semplice scopo di non rinunciare alla loro razione quotidiana di pane o pasta. E questo sembra causare delle perplessità fra i veri celiaci. E’ chiaro che non è intenzione di alcuno con intolleranza al glutine di invadere il mercato, o sottrarre dei privilegi alimentari a coloro che sono affetti da una reale condizione medica. Sembra che tutto dipenda dalle opportunità e dalle richieste del mercato corrente.

Un nuovo studio Journal of Human Nutrition and Dietetics ha studiato come la recente proliferazione dell’industria senza glutine abbia colpito le persone affette da celiachia. Nelle interviste con 17 adulti con celiachia residenti in Canada, i partecipanti hanno sperimentato la crescita dell’industria senza glutine come “un’arma a doppio taglio”. Mentre erano grati per le opzioni più senza glutine e più appetibili, si sono sempre più trovati di fronte a malintesi circa la gravità della celiachia, a causa di molti soggetti non celiaci che si iscrivono alla dieta priva di glutine. Ciò ha reso più facilmente gestibili alcuni tipi di situazioni sociali – ad esempio, c’erano più opzioni gluten-free disponibili nei ristoranti. Tuttavia, altri hanno causato disagio, come la preoccupazione per un aumentato rischio di inavvertitamente consumare glutine. I partecipanti hanno anche ritenuto di poter essere percepiti, o addirittura percepire sé stessi, come un gravoso onere pubblico. “Mentre la divulgazione della dieta gluten-free ha offerto benefici a molte persone affette da celiachia, ha anche amplificato alcune delle sfide comuni associate al dover seguire la dieta in modo così rigoroso, poiché questa condizione è sempre più diagnosticata. E’ importante che gli operatori sanitari e i responsabili politici capiscono questi oneri più sottili quando sviluppano strategie con i pazienti per migliorare la gestione della malattia celiaca”, ha detto il Dr. James King, dell’Università di Calgary.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

King JA et al. J. J Hum Nutr Diet. 2018 Oct 2.

Allen B, Orfila C. Nutrients. 2018 Sep 25;10(10).

Czaja-Bulsa G, Bulsa M. Nutrients. 2018 Oct 4;10(10).

El Khoury D et al. Nutrients. 2018 Oct 2;10(10).

Rabinowitz LG et al. Dig Dis Sci. 2018 May; 63(5):1158.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1028 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it