giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

SGLT-1: se lo zucchero non ha problemi in periferia, può averli nell’intestino

Dopo l’ingestione, i carboidrati complessi vengono metabolizzati enzimaticamente per produrre monosaccaridi (glucosio, galattosio e fruttosio), che vengono assorbiti nell’intestino tenue e utilizzati come substrato dei tessuti metabolicamente attivi del corpo. Il co-trasportatore di sodio / glucosio (SGLT) -1 è un fattore limitante la velocità di assorbimento del glucosio e del galattosio nell’intestino tenue e utilizza gradienti di sodio transmembrana per stimolare l’assorbimento cellulare di queste molecole. Le mutazioni di perdita di funzione, comprese le mutazioni missenso, nonsenso e frameshift del gene SGLT1, provocano un alterato trasporto del glucosio cellulare provocano il malassorbimento di glucosio e galattosio (GGM). Il GGM è una malattia mendeliana rara, autosomica, recessiva che causa esordio neonatale di grave diarrea, disidratazione e malassorbimento. I ricercatori dicono di aver scoperto una mutazione genetica che rallenta il metabolismo dello zucchero nell’intestino, dando alle persone che hanno la mutazione un netto vantaggio rispetto a quelli che non lo fanno. Quelli con la mutazione hanno un minor rischio di diabete, obesità, insufficienza cardiaca e persino la morte.

I ricercatori dicono che la loro scoperta potrebbe fornire la base per terapie farmacologiche che potrebbero simulare il funzionamento di questa mutazione genetica, offrendo un potenziale beneficio per milioni di persone che soffrono di diabete, malattie cardiache e obesità. Lo studio, che è ampiamente supportato dal National Heart, Polmone e Blood Institute (NHLBI), parte del National Institutes of Health, appare nel Journal of American College of Cardiology. “Siamo entusiasti di questo studio perché aiuta a chiarire il legame tra ciò che mangiamo, ciò che assorbiamo e il nostro rischio di malattia. Sapendo questo apre la porta a migliori terapie per la malattia cardiometabolica”, ha detto Scott D. Solomon, MD, un professore di medicina alla Harvard Medical School e geriatra al Brigham and Women’s Hospital di Boston, che ha guidato la ricerca. Ha spiegato che lo studio è il primo a valutare appieno il legame tra le mutazioni nel gene principalmente responsabile dell’assorbimento del glucosio nell’intestino SGLT-1, o il co-trasportatore di glucosio di sodio-1 e la malattia cardiometabolica.

Le persone che hanno la mutazione genetica naturale sembrano avere un vantaggio quando si tratta di dieta, ha osservato Solomon. Coloro che mangiano una dieta ricca di carboidrati e hanno questa mutazione assorbiranno meno glucosio rispetto a quelli senza la mutazione. Nello studio, i ricercatori hanno analizzato la relazione tra mutazioni SGLT-1 e malattia cardiometabolica utilizzando dati genetici ottenuti da 8.478 partecipanti allo studio ARIC (Atherosclerosis Risk In Communities). Lo studio è stato uno studio osservazionale di 25 anni sull’aterosclerosi e sui fattori di rischio cardiovascolare nelle persone che vivono in quattro comunità degli Stati Uniti. I ricercatori hanno scoperto che circa il 6 percento dei soggetti trasportava una mutazione in SGLT-1 che causa una limitata compromissione dell’assorbimento del glucosio. Gli individui con questa mutazione avevano un’incidenza più bassa di diabete di tipo 2, erano meno obesi, avevano un’incidenza più bassa di insufficienza cardiaca e avevano un tasso di mortalità più basso rispetto a quelli senza la mutazione, anche dopo aggiustamento per assunzione dietetica (comprese le calorie totali, sodio e zuccheri).

Gli scienziati hanno scoperto che le persone con un particolare aplotipo (N51S / A411T / H615Q) avevano un’incidenza più bassa di diabete, inizio di terapie antidiabetiche, morte e insufficienza cardiaca. Questi dati suggeriscono che le variazioni genetiche in questo gene influenzano il rischio di malattia metabolica in relazione all’assunzione di carboidrati e che gli inibitori selettivi di SGLT1 possono essere utili nella prevenzione riducendo il carico della malattia metabolica e le sue conseguenze sulla malattia cardiovascolare. Coerentemente con questo risultato, la sovraespressione transgenica di SGLT1 cardiaca è stata associata a ipertrofia miocardica e disfunzione ventricolare sinistra reversibile con la soppressione del SGLT1. Sulla base di questi risultati, gli scienziati suggeriscono che il blocco selettivo del trasportatore SGLT-1 potrebbe fornire un modo per rallentare l’assorbimento di glucosio per prevenire o trattare la malattia cardiometabolica e le sue conseguenze. Farmaci così mirati potrebbe richiedere anni e che sono ancora necessari studi clinici per determinare se i farmaci riducono l’incidenza di diabete, insufficienza cardiaca e migliorano la durata della vita.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Seidelmann SB et al. J Am Coll Cardiol. 2018 Oct 9; 72(15):1763-73.

Fernandes-Silva MM et al. Eur J Heart Fail. 2018 Aug; 20(8):1191-201.

Pokharel Y et al. Deswal A. JACC Heart Failure 2017 Jan; 5(1):56-63.

Ndumele CE, Matsushita K et al. J Am Heart Assoc. 2016 Jul 28; 5(8).

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Cellule staminali: amplificarle con mezzi naturali è l’obiettivo

Le novità dal mondo delle cellule staminali si fanno sempre più promettenti: i ricercatori hanno scoperto delle procedure per indirizzare la maturazione delle cellule...

Rischio di tumore al seno: si può dimezzare con l’aspirina

Dopo il cancro della pelle, il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne negli Stati Uniti. Nel 2017 sono stati...

Il cervello che invecchia: cosa succede e come si sta al passo

Con circa 1 chilo e mezzo di peso, il cervello umano è un'impresa di ingegneria impossibile, con circa 100 miliardi di neuroni interconnessi tramite...