venerdì, Giugno 14, 2024

La via molecolare CTLA4-IL23: un dialogo insospettato che apre nuove possibilità contro cancro e autoimmunità

Il sistema immunitario ha molti percorsi per proteggere il...

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita

Nonostante decenni di ricerche, è notevole quanto poco sappiamo della dieta umana. Probabilmente è giusto dire che la maggior parte di noi pensa di sapere più di quanto in realtà sappiamo. Ci sono molte ragioni per cui le intuizioni dietetiche rimangono sfuggenti. Questi includono le difficoltà intrinseche di studiare le diete in isolamento, con ogni dieta contenente una serie complessa di macronutrienti e molte altre variabili. C’è anche il problema dell’accuratezza, con la maggior parte di noi che sottovaluta il nostro apporto calorico giornaliero e problemi di auto-richiamo che affliggono molti studi dietetici. Esistono fattori culturali, con preferenze e norme dietetiche specifiche ampiamente variabili tra le popolazioni globali.

Infine, ci sono variabili umane dal nostro unico corredo genetico e fisiologico, e la complessa gamma di microbiota all’interno del nostro intestino, unica per ogni individuo. Di fronte a questo insieme complesso e altamente variabile di fattori, non sorprende che abbiamo conoscenze e intuizioni limitate sull’ottimizzazione delle nostre diete per la salute. Sebbene esistano consigli dietetici specifici per alcuni gruppi, la stragrande maggioranza di noi è incoraggiata a seguire i consigli standardizzati del governo riguardo a una dieta sana, con apporti calorici giornalieri raccomandati semplificati in base al sesso. Tuttavia, è necessario un approccio più raffinato, su misura per l’individuo e basato su input molto più sofisticati rispetto al sesso.

Come ormai riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, la nostra dieta dovrebbe costituire una componente essenziale di uno stile di vita sano. Gli sforzi, per esempio, si sono molto concentrati sull’adozione del famoso stile Mediterraneo, per il quale la scienza ha prova to senza ombra di dubbio il suo valore preventivo sui problemi di salute comuni come le cardiovasculopatie e il diabete, includendo per certi versi anche il controllo di un peso corporeo sano. A causa del problema dell’adesione a lungo termine alle modifiche dietetiche, qualsiasi intervento dietetico deve anche essere flessibile e adattarsi agli stili di vita, alle origini, alle culture e alle preferenze alimentari individuali. Anche l’attività fisica e il sonno sono importanti.

Il regime a basso contenuto di carboidrati

La definizione di dieta low-carb (LCD) varia tra gli studi e include una dieta che contiene <130 g di carboidrati al giorno (o <26% di carboidrati da una dieta da 2000Kcal/giorno). Tuttavia, forse la definizione più utilizzata si basa sulla percentuale delle calorie giornaliere totali (<20%) derivate dai carboidrati, con una proporzione relativamente alta di apporto calorico giornaliero da grassi (55-65%) e proteine (25–30%). La composizione alimentare LCD differisce notevolmente dalla dieta a basso contenuto di grassi (LFD) in cui solo il 20-30% delle calorie giornaliere totali deriva dai grassi alimentari, con il 55-65% delle calorie giornaliere derivate dai carboidrati e il 15-20% derivato dalle proteine. Sulla base delle prove disponibili, è chiaro che ci sono benefici metabolici specifici (tra cui, ad esempio, un migliore controllo glicemico) dall’adozione di una LCD.

Tuttavia, questi benefici sembrano di breve durata. Al contrario, i vantaggi a lungo termine sono deludenti. Come strategia di perdita di peso a lungo termine, l’LCD è semplicemente inefficace nella maggior parte delle persone che lo adottano, principalmente a causa della difficoltà di aderenza prolungata agli interventi dietetici. Ci sono anche potenziali problemi di sicurezza con l’applicazione a lungo termine della dieta LCD. In effetti, pochissime persone sono in grado di mantenere la perdita di peso dopo l’attuazione di qualsiasi intervento sullo stile di vita, inclusa la modifica di una dieta a lungo termine. Come possiamo procedere in futuro per ottimizzare le nostre diete per ottenere i massimi benefici per la salute? C’è chiaramente la necessità di più studi prospettici multicentrici su larga scala sugli effetti dell’LCD.

Una questione di prospettiva e cultura

Nonostante la pubblicazione di oltre 100 studi clinici controllati randomizzati LCD e LFD separati, la nostra comprensione dei vantaggi dell’LCD rimane limitata, almeno in parte a causa dell’eterogeneità tra la progettazione di diversi studi. Dobbiamo anche cambiare la nostra mentalità sociale riguardo allo scopo del cambiamento nella dieta. Piuttosto che diete percepite semplicemente come un mezzo per perdere peso, dobbiamo cambiare la nostra prospettiva in una in cui le diete sono considerate una componente essenziale di uno stile di vita sano, che se seguito correttamente con altre misure di stile di vita, migliorerà la nostra prospettiva di salute futura e può anche ottimizzare il nostro peso corporeo.

Soprattutto, per un’adesione a lungo termine, è essenziale che qualunque sia la strategia di stile di vita scelta, questa sia pratica, fattibile e soprattutto piacevole per l’individuo che deve operare tali cambiamenti. A chi non pesa il rinunciare a certi piaceri della tavola? Senza divertimento, qualsiasi cambiamento a lungo termine è destinato a fallire. Forse uno dei motivi per cui i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita sono così deludenti a lungo termine, è che le opzioni disponibili sono troppo rigide, mentre gli operatori sanitari non investono abbastanza tempo nell’accertare la praticità, la fattibilità e la piacevolezza dei cambiamenti di comportamento suggeriti per ogni individuo prima a formulare tali raccomandazioni. Con tali valutazioni a priori, qualsiasi cambiamento di stile di vita consigliato avrà maggiori possibilità di successo a lungo termine.

Oltre alla rigidità, forse il nostro approccio tradizionale alle diete è anche troppo prescrittivo. Le prove disponibili mostrano che la perdita di peso si verifica a seguito di una riduzione dell’apporto calorico giornaliero, indipendentemente dall’origine dei macronutrienti di tali calorie, sebbene l’entità della perdita di peso vari a seconda del tipo di macronutriente e degli effetti sulla termogenesi indotta dalla dieta. Pertanto, piuttosto che considerare i meriti della dieta alow-carb rispetto alla low-fat o qualsiasi altro cambiamento di macronutrienti, forse il nostro approccio dovrebbe essere semplicemente quello di limitare l’apporto calorico, pur mantenendo una dieta sana e piacevole e nutrendo il nostro microbiota intestinale con fibre e cibi a base vegetale in il processo. Da sempre, infatti, la scienza raccomanda la varietà e la diversità alimentare per promuovere la salute.

L’entità della limitazione nell’apporto calorico richiede un’attenta personalizzazione dell’individuo, con l’occasionale evitamento della restrizione calorica, anche nel sottogruppo di pazienti con diabete di tipo 2 e peso normale e/o età avanzata. Nei pazienti anziani, l’adozione di un regime a basso tenore di carboidrati può peggiorare la perdita di tessuto adiposo sottocutaneo, lo sviluppo di sarcopenia e il rischio di insufficienza renale. Nella maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2, tuttavia, la restrizione calorica rappresenta un’eccellente opzione di trattamento. Rispetto alla low-carb, la restrizione calorica offre una maggiore selezione di opzioni alimentari (incluse a base di piante e fibre) con meno problemi di sicurezza, a condizione di mantenere una dieta equilibrata.

Forse anche una restrizione calorica relativamente modesta fornisce un’alternativa dietetica pratica, fattibile e divertente alla vera dieta low-carb, realizzabile a lungo termine e offrendo speranze più concrete per il futuro. Alla fine però, nozioni sicure e veritiere o meno, la scelta finale è di chi è interessato, con l’accento sull’auspicabile contributo di una visione “modificata” degli esperti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Goldenberg JZ, Day A et al. Brit Med J. 2021; 372:m4743.

Cipryan L, Maffetone P et al. Nutr Health 2020; 26:35–42.

Seckold R, Fisher E et al. Diab Med. 2019, 36:326–334.

Friedman MI, Appel S. PLoS ONE 2019, 14:e0222971.

Ludwig D et al. JAMA Intern. Med. 2018, 178:1098–1103.

Burke LM, Ross M et al. J Physiol. 2017; 595:2785–2807.

Latest

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Newsletter

Don't miss

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Immunoterapia dei tumori: se fallisce non è colpa del sistema immunitario

Una domanda urgente per gli scienziati oncologici è il motivo per cui l'immunoterapia raggiunge risultati drammatici in alcuni casi, ma non aiuta la maggior...

Chirurgia bariatrica: come cambia la preferenza alimentare a tavola dopo l’intervento

Il bypass gastrico Roux-en-Y (RYGB) comporta la separazione della parte superiore dello stomaco in una tasca più piccola, che viene quindi collegata direttamente all'intestino...

Neuroblastoma: nascerà una terapia ormonale basata sugli estrogeni?

Il neuroblastoma si forma nel sistema nervoso periferico ed è una delle forme più comuni di cancro solido nei bambini piccoli. La malattia colpisce...

Questo si chiuderà in 20 secondi