giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Allergie alimentari: sono molto meno di quello che si dice in giro

È facile confondere un’allergia alimentare con una reazione molto più frequente detta intolleranza alimentare. Pur essendo fastidiosa, l’intolleranza alimentare è un disturbo molto meno grave e che esclude il sistema immunitario. Gli unici sintomi sono di solito distensione addominale, dolore ed eventuale comparsa di diarrea. E poi i sintomi di un’intolleranza compaiono a distanza di ore dal consumo dell’alimento, mentre nel caso dell’allergia sono immediati. Nel caso dell’allergia, inoltre, basta il semplice contatto fisico mentre per manifestare i sintomi dell’intolleranza sono in genere necessari abbondanti quantità del cibo interessato da ingerire. Nelle allergie alimentari il sistema immunitario scambia un determinato alimento o sostanza alimentare presente in un cibo per qualcosa di dannoso. Il sistema immunitario fa sì che le cellule rilascino una classe di anticorpi detti immunoglobuline E (IgE) in grado di reagire contro l’alimento o la sostanza dannosa (cioè contro l’allergene). La volta successiva che si assumerà quell’alimento, anche in dosi minime, gli anticorpi IgE se ne accorgeranno e segnaleranno al sistema immunitario di rilasciare nel sangue una sostanza chimica detta istamina e altre sostanze dotate di effetto sui vasi sanguigni e sulle strutture cutanee o mucose. Perchè si verifichino le manifestazioni da allergia alimentare è necessaria una prima assunzione in cui non compariranno sintomi, mentre dalla seconda assunzione in poi il corpo scatenerà la reazione allergica.

Un nuovo studio ha dimostrato che le allergie alimentari che le persone dichiarano di avere potrebbero non essere vere. Lo studio rivela che ben il 20% degli americani di età superiore ai 18 anni ritiene che siano allergici a uno o più prodotti alimentari. Lo studio rileva che il numero effettivo di persone che hanno un’allergia alimentare è vicino al 10% della popolazione. Mostrano anche che uno su 20 americani ha avuto un caso diagnosticato di allergia alimentare. I risultati di questo studio della Feinberg School of Medicine della Northwestern University e dell’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago, sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista JAMA Network Open. Il team di ricercatori ha esaminato una popolazione di oltre 40.000 adulti americani per telefono e via internet tra ottobre 2015 e settembre 2016. A tutti i partecipanti è stato chiesto di segnalare se avessero avuto allergie alimentari e se è stata chiesta la diagnosi della suddetta allergia alimentare è stato mai confermato da un medico. Hanno scoperto che solo il 10,8% circa aveva un’allergia alimentare. Tuttavia, il 19% della popolazione dello studio ha riferito di avere un’allergia alimentare. Il 10,8% della popolazione con le allergie ha confermato i sintomi di un’allergia alimentare che comprende orticaria, gonfiore delle labbra, costrizione della gola e difficoltà di respirazione, dolore toracico ecc. Gli altri che in realtà non hanno avuto allergie alimentari hanno riferito sintomi non specifici come mal di stomaco, naso che cola, occhi arrossati, nausea ecc.

I cibi più comuni che le persone erano allergiche ai molluschi includevano 7,2 milioni di adulti. Altri alimenti che hanno causato reazioni allergiche negli adulti includono arachidi, latte, noci, uova, grano, pesce, soia e semi di sesamo. Il sondaggio ha rilevato che quasi la metà di tutti i casi accertati di allergie sono stati sviluppati dopo che la persona ha raggiunto l’età adulta e il 38% ha avuto un grave caso di allergia alimentare che ha richiesto cure mediche di emergenza. Il team sottolinea che ci sono molte persone che credono di avere un’allergia a certi cibi e si auto-diagnosticano da soli. Il team ritiene che tutte le diagnosi debbano essere confermate da un medico e che le persone con allergie confermate necessitino dell’accesso all’epinefrina di emergenza che potrebbe salvare vite umane. Le persone con false allergie auto-diagnosticate potrebbero privarsi di una dieta sana ed equilibrata, credono gli autori dello studio. Lo studio stima che in tutta la nazione ci sono circa 26 milioni di persone che vivono con un’allergia alimentare. Quasi lo stesso numero di persone ritiene anche di avere allergie alimentari. Gli esperti hanno affermato che le persone allergiche di solito hanno un titolo elevato di IgE nel sangue. Tuttavia essere intolleranti a un prodotto alimentare potrebbe non essere mediato da questo processo allergico. Ad esempio, le persone con allergia al latte possono effettivamente avere intolleranza al lattosio. Ciò significa che i loro corpi non sono in grado di metabolizzare il lattosio nel latte. Dall’altro lato, essere allergici a certe proteine ​​del latte è un fenomeno che inizia nella primissima vita, il più delle volte subito dopo la nascita, essendo estremamente raro nell’età adulta.

Gli esperti dicono che le attuali allergie alimentari sono difficili da individuare ma esistono. Devono essere diagnosticate precocemente e devono essere prese precauzioni per prevenire le emergenze. Il team sottolinea che la mancanza di una diagnosi accurata delle allergie alimentari è una preoccupazione. Il Dr. Ruchi Gupta, ricercatore di Salute Pubblica e professore di Pediatria alla Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, autore principale dello studio, ha commentato in una dichiarazione: “Siamo stati sorpresi di scoprire che le allergie alimentari ad esordio nell’adulto erano così comuni. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire perché questo si sta verificando e come possiamo prevenirlo. L’autodiagnosi di un’allergia alimentare non è una buona idea ed è imperativo visitare uno specialista se ci sono preoccupazioni sulle reazioni allergiche. Una falsa diagnosi può comportare l’esclusione di alimenti dalla dieta inutilmente, mentre d’altra parte, ignorare i sintomi di un’allergia alimentare può mettere i pazienti a rischio di gravi reazioni all’esposizione a cibi ingeriti. Se l’allergia alimentare è confermata, anche la comprensione della gestione è fondamentale, compreso il riconoscimento dei sintomi di anafilassi e come e quando usare l’adrenalina”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gupta RS et al., Nadeau KC. Pediatrics. 2018 Dec; 142(6).

Samady W et al. Ann Allergy Asthma Immunol. 2018; 121(3):360.

Mustafa SS et al., Gupta RS. BMC Pediatr.  2018 May; 18(1):164. 

Gupta M et al. Immunol Allergy Clin North Am. 2018; 38(1):39-52.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Keto-diet spinta e Mediterranea a confronto per migliorare la fertilità assistita nelle pazienti con PCOS: un’indagine

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) rappresenta il disturbo ormonale più comune che colpisce le donne. In circa il 75% delle donne con PCOS, l’ovulazione...

Rischio celiachia legato all’alimentazione: quanto è importante l’esposizione sin dalla nascita?

La celiachia è una malattia autoimmune cronica caratterizzata da una reazione immunitaria al glutine alimentare, con conseguente danno al rivestimento dell'intestino tenue. I sintomi...

Antidepressants vs. exercise: who’s the best synaptic modulator to fight depression off?

SSRI antidepressants normally take a few weeks before any showing mental health benefits, but how come it takes so long? Now a study from...