giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Artrite reumatoide: la debolezza muscolare secondaria al danno articolare

L’artrite reumatoide (RA) è una comune malattia infiammatoria autoimmune che porta alla distruzione irreversibile delle articolazioni erosive, alla disabilità e alla qualità della vita compromessa. Negli ultimi decenni, la ricerca sullo stato metabolico nella fisiopatologia della RA è aumentata drammaticamente. Alcuni ricercatori hanno indicato che l’aumento dell’indice di massa corporea (BMI) nei pazienti RA era associato a un rischio più elevato di sviluppo di RA e peggiori esiti patologici, mentre altri non mostravano alcuna associazione con esiti della malattia o risultati contrastanti come riduzione del rischio di sviluppo di RA, danno radiografico e morte prematura. Il legame tra le caratteristiche della BMI e della malattia RA rimane controverso. Inoltre, il BMI è stato messo in discussione per la limitazione della mancata differenziazione che comprende i tessuti del corpo. La massa grassa e altri tessuti sono componenti del peso totale e possono variare enormemente tra gli individui. Le persone con una massa magra bassa ma una massa grassa elevata possono comunque avere un BMI normale. La massa muscolare scheletrica è risultata ridotta nell’artrite reumatoide mediante doppia assorbitometria a raggi X (DXA).

La cachessia reumatoide è caratterizzata da perdita di massa muscolare con o senza perdita di peso in presenza di massa grassa stabile o aumentata. Sebbene non esista un criterio di consenso per la diagnosi della cachessia reumatoide, è stato riportato che varia dal 17% al 60% in AR. Invece del BMI, una composizione corporea più accurata (BC), tra cui massa grassa, massa muscolare e altri tessuti, è stata frequentemente raccomandata per valutare lo stato metabolico. Esistono quattro principali tecniche comunemente utilizzate per valutare la BC nella pratica clinica: DXA, tomografia computerizzata, risonanza magnetica e analisi di impedenza bioelettrica (BIA). Poiché la DXA, la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica sono tecniche radioattive o costose e che richiedono tempo da professionisti qualificati, un team di medici del Dipartimento di Reumatologia, Sun Yat-Sen Memorial Hospital, Guangdong, Cina, ha studiato le caratteristiche del BC in pazienti RA consecutivi confrontando con soggetti di controllo in termini di caratteristiche associate alla malattia, tra cui l’attività della malattia, la limitazione funzionale e il danno articolare radiografico.

Sono stati arruolati 457 pazienti RA (età media 50 anni con 82,7% donne) e 1860 soggetti di controllo (età media 34 anni con il 51,2% donne). I confronti tra BMI e BC tra pazienti RA e soggetti di controllo in età e sesso hanno mostrato che un BMI inferiore con il 17,7% sottopeso e un ASMI inferiore con il 45,1% di miopenia sono le principali caratteristiche dei pazienti con artrite reumatoide. Vi erano pazienti con AR 35.4% in remissione, 14.2% in bassa attività di malattia, 36.1% in attività di malattia moderata, e 14.2% in attività ad alta malattia definita dal criterio DAS28-CRP. Ci sono stati pazienti con AR con il 93,2% di erosione ossea e il 16,8% di pazienti senza precedenti glucocorticoidi o terapia anti-reumatica modificante la malattia per 6 mesi prima dell’arruolamento. I pazienti con artrite reumatoide con miopenia presentavano caratteristiche peggiori di malattia che includevano indicatori significativamente più alti dell’attività della malattia, un più alto tasso di limitazione funzionale e punteggi radiografici. L’analisi statistica ha confermato l’associazione tra ASMI e miopenia con limitazione funzionale e RJD. Questo è il primo rapporto sull’associazione fra miopenia e distruzione articolare.

I pazienti asiatici con AR hanno riportato meno obesità ma più sottopeso rispetto a quelli dei paesi occidentali. Infatti, i pazienti con artrite reumatica in questo studio hanno mostrato anche una minore prevalenza dell’obesità (4,2%) ma una maggiore prevalenza di sottopeso (17,7%). Precedenti studi hanno riportato l’associazione tra basso indice di massa corporea e danno articolare e la rapida perdita di peso era un forte predittore di morte nei pazienti con artrite reumatoide. Al contrario, i dati non hanno mostrato alcuna associazione tra BMI e caratteristiche della malattia RA compreso il danno articolare nelle analisi di regressione logistica. Ci sono stati il ​​32,4% di pazienti RA con sovrappeso in visfatinquesto studio. Tuttavia, non è stata trovata alcuna associazione in BF% o overfat con caratteristiche della malattia della RA nella regressione multivariata. Il tessuto grasso può produrre un’ampia varietà di adipochine. Leptina, adiponectina, resistina e visfatina elevate sono state riportate nel siero e nel liquido sinoviale dei pazienti RA che sono correlati con i parametri della malattia, come ESR, CRP, DAS28, punteggio HAQ e danno radiografico.

La risposta infiammatoria cronica in RA è un processo che consuma molta energia, inducendo uno stato iper-metabolico e catabolico con un maggiore dispendio energetico a riposo, che si traduce in una perdita di massa muscolare nonostante un’adeguata alimentazione. La diminuzione della massa muscolare scheletrica, in particolare del muscolo appendicolare, è risultata associata a una ridotta funzionalità fisica nella RA. Nella presente ricerca, i medici hanno dimostrato che i pazienti con artrite reumatoide avevano una maggiore prevalenza di miopenia (45,1% vs 13,2%) rispetto ai controlli. La scarsa mobilità causata dalla limitazione funzionale può portare alla perdita di massa muscolare e viceversa. Tuttavia, la causalità e il meccanismo sottostante di miopenia e distruzione articolare rimangono elusivi. Elevate quantità di citochine infiammatorie, come TNF-α, IL-1β e IL-6, possono promuovere il riassorbimento osseo e inibire la differenziazione degli osteoblasti; nel frattempo sopprimono la proliferazione e differenziazione miogenica e aumentano la degradazione proteica, con conseguente distruzione articolare e riduzione muscolare.

Le implicazioni pratiche della scoperta sull’effetto del miglioramento della massa muscolare scheletrica nella gestione della RA sono degne di essere esplorate Alcuni trattamenti adiuvanti erano stati tentati per attenuare la perdita muscolare nei pazienti con RA. Sono stati testati effetti di integratori come la creatina, che hanno fatto registrare una aumento della massa muscolare ma non della forza. Anche l’integrazione alimentare extra con preparazioni a base di aminoacidi essenziali e non-, non ha migliorato significativamente la progressione della malattia. Altre prove pre-cliniche o cliniche si sono incentrate sull’importanza dell’esercizio fisico aerobico. Ma non ci saranno molti effetti sulla malattia se non si elimina la componente infiammatoria. Questo può essere fatto o con i classici farmaci impiegati nella malattia (steroidi, modificanti DMARD, terapia biologica) o con un approccio sullo stile di vita. L’eliminazione di fattori scatenanti o aggravanti (tabagismo, stress, fattori psicologici) e l’adozione di una dieta anti-infiammatoria o una nutrizione mirata allo scopo, possono essere associate all’esercizio fisico controllato. Solo in questo caso l’attività fisica ha un senso logico di complemento.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lin JZ et al. J Cachexia Sarcopenia Muscle 2019 Jan 30. 

Santillán‐Díaz C et al. Clin Rheumatol 2018; 37:607–614.

Turesson C et al. Rheumatology (Oxford) 2016; 55:307-14.

Qin B, Yang M, Fu H et al. Arthritis Res Ther 2015; 17:86.

Ajeganova S et al. Arthritis Care Res. 2013; 65:78–87.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

La sindrome X-fragile si mette in lista per la terapia genica: è ancora una volta l’antisenso che vince

La sindrome dell'X fragile è una condizione genetica risultante da un'espansione della ripetizione CGG nella sequenza del DNA del gene dell'X fragile (FMR1). Le...

Demenza fronto-temporale: una terapia mirata verrà con l’aumento delle conoscenze

Gli scienziati riportano in un nuovo studio che imitando un processo naturale di cellule, hanno impedito la formazione di aggregati proteici associati alla sclerosi...

“Sesso chiodo fisso”? E’ colpa dell’istamina e del sistema immunitario

Siamo "cablati" per agire in modo più "femminile" o "maschile", in particolare quando si tratta di comportamenti sessuali? Questa è una domanda molto carica;...

Questo si chiuderà in 20 secondi