Caffè: non allerta solo berlo, ma vederne riferimenti e odorarne l’aroma

Solo guardando qualcosa che ci ricorda il caffè può far sì che le nostre menti diventino più vigili e attente, secondo un nuovo studio della University of Tennessee. “Il caffè è una delle bevande più popolari e si conosce molto dei suoi effetti fisici”, afferma il dott. Sam Maglio, professore associato presso i dipartimenti di Management e Rotman School of Management e esperto di comportamento dei consumatori. “Molto meno si sa del suo significato psicologico – in altre parole, come persino il fatto di vederne dei ricordi può influenzare il modo in cui pensiamo: le persone spesso incontrano spunti legati al caffè, o pensano al caffè, senza ingerirlo”. Lo studio, scritto da Maglio e pubblicato sulla rivista Coscienza e Cognizione, osserva un effetto chiamato innesco, attraverso il quale l’esposizione a segnali anche sottili può influenzare i nostri pensieri e comportamenti. Il gruppo di ricerca voleva vedere se esistesse un’associazione tra il caffè e l’eccitazione in modo tale che se semplicemente esponessimo le persone a indizi relativi al caffè, la loro eccitazione fisiologica aumenterebbe, come sarebbe se avessero bevuto il caffè.

L’eccitamento in psicologia si riferisce al modo in cui specifiche aree del cervello vengono attivate in uno stato di essere vigili, svegli e attenti. Può essere innescato da una serie di cose, incluse le nostre emozioni, i neurotrasmettitori nel cervello o le bevande contenenti caffeina che consumiamo. In questo caso i ricercatori hanno voluto esplorare come il semplice essere esposti a cose che ci ricordano il caffè possano avere un effetto sull’eccitazione. Attraverso quattro studi separati e utilizzando un mix di partecipanti provenienti da culture occidentali e orientali, hanno confrontato gli indizi relativi al caffè e al tè. Hanno scoperto che i partecipanti esposti a stimoli correlati al caffè percepivano il tempo come più breve e pensato in termini più concreti e precisi. Il dott. Maglio, le cui ricerche passate hanno esaminato il modo in cui l’incertezza può influenzare la nostra percezione del tempo, ha spiegato: “Le persone che sperimentano l’eccitazione fisiologica – di nuovo, in questo caso come risultato dell’innescare e non bere il caffè stesso – vedono il mondo in modo più specifico, termini dettagliati. Questo ha un certo numero di implicazioni su come le persone elaborano le informazioni e prendono decisioni”.

Tuttavia, l’effetto non è stato così forte tra i partecipanti che sono cresciuti nelle culture orientali, e il team ipotizza che l’associazione tra caffè ed eccitazione non sia così forte nelle culture meno dominate dal caffè. Nell’America del Nord c’è questa immagine di un dirigente prototipo che si precipita a un importante incontro con un triplo espresso in mano. C’è questa connessione tra bere caffeina ed eccitazione che potrebbero non esistere in altre culture. La ricerca passata ha esaminato l’effetto di altre associazioni innescate. Uno studio ha rilevato in particolare che il solo guardare il logo di McDonald’s può ridurre la nostra capacità di rallentare e assaporare esperienze piacevoli nella vita. La ricerca può essere di interesse per una migliore comprensione di una serie di comportamenti relativi ai consumatori e per i marketer nel considerare le posizioni dei negozi al dettaglio. In questo contesto, basta camminare davanti a un negozio familiare per ridurre l’eccitazione e rendere i clienti meno interessati alle indulgenze immediate ea breve termine. Maglio dice che i prossimi passi per la ricerca riguarderanno le associazioni che le persone hanno per cibi e bevande diversi. Il solo pensare a bevande energetiche o vino rosso, ad esempio, potrebbe avere effetti molto diversi sull’eccitazione.

E per concludere riporto la memoria personale di un caro amico fraterno scomparso tre anni fa, che era l’unica persona che conoscevo con questa caratteristica. Quando la domenica, ancora molto giovani, andavo a svegliarlo a casa per fare poi colazione al bar, mettergli  su la moka e farlo scattare in piedi era esattamente il tempo che l’aroma aveva per passare dalla cucina alla sua camera da letto. A lui dedico questa breve recensione scientifica, questo ricordo in mezzo alle centinaia che lo rendevano unico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scinetifiche

Chen EY, Maglio SJ. Conscious Cogn. 2019 Apr; 70:57-69. 

Pramudya RC, Seo HS. Front Psychol. 2018 Jan 11; 8:2264.

Mills L et al. J Psychopharmacol. 2016 Apr; 30(4):388-94.

 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1516 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo