sabato, Febbraio 24, 2024

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale...

Caffè: non allerta solo berlo, ma vederne riferimenti e odorarne l’aroma

Solo guardando qualcosa che ci ricorda il caffè può far sì che le nostre menti diventino più vigili e attente, secondo un nuovo studio della University of Tennessee. “Il caffè è una delle bevande più popolari e si conosce molto dei suoi effetti fisici”, afferma il dott. Sam Maglio, professore associato presso i dipartimenti di Management e Rotman School of Management e esperto di comportamento dei consumatori. “Molto meno si sa del suo significato psicologico – in altre parole, come persino il fatto di vederne dei ricordi può influenzare il modo in cui pensiamo: le persone spesso incontrano spunti legati al caffè, o pensano al caffè, senza ingerirlo”. Lo studio, scritto da Maglio e pubblicato sulla rivista Coscienza e Cognizione, osserva un effetto chiamato innesco, attraverso il quale l’esposizione a segnali anche sottili può influenzare i nostri pensieri e comportamenti. Il gruppo di ricerca voleva vedere se esistesse un’associazione tra il caffè e l’eccitazione in modo tale che se semplicemente esponessimo le persone a indizi relativi al caffè, la loro eccitazione fisiologica aumenterebbe, come sarebbe se avessero bevuto il caffè.

L’eccitamento in psicologia si riferisce al modo in cui specifiche aree del cervello vengono attivate in uno stato di essere vigili, svegli e attenti. Può essere innescato da una serie di cose, incluse le nostre emozioni, i neurotrasmettitori nel cervello o le bevande contenenti caffeina che consumiamo. In questo caso i ricercatori hanno voluto esplorare come il semplice essere esposti a cose che ci ricordano il caffè possano avere un effetto sull’eccitazione. Attraverso quattro studi separati e utilizzando un mix di partecipanti provenienti da culture occidentali e orientali, hanno confrontato gli indizi relativi al caffè e al tè. Hanno scoperto che i partecipanti esposti a stimoli correlati al caffè percepivano il tempo come più breve e pensato in termini più concreti e precisi. Il dott. Maglio, le cui ricerche passate hanno esaminato il modo in cui l’incertezza può influenzare la nostra percezione del tempo, ha spiegato: “Le persone che sperimentano l’eccitazione fisiologica – di nuovo, in questo caso come risultato dell’innescare e non bere il caffè stesso – vedono il mondo in modo più specifico, termini dettagliati. Questo ha un certo numero di implicazioni su come le persone elaborano le informazioni e prendono decisioni”.

Tuttavia, l’effetto non è stato così forte tra i partecipanti che sono cresciuti nelle culture orientali, e il team ipotizza che l’associazione tra caffè ed eccitazione non sia così forte nelle culture meno dominate dal caffè. Nell’America del Nord c’è questa immagine di un dirigente prototipo che si precipita a un importante incontro con un triplo espresso in mano. C’è questa connessione tra bere caffeina ed eccitazione che potrebbero non esistere in altre culture. La ricerca passata ha esaminato l’effetto di altre associazioni innescate. Uno studio ha rilevato in particolare che il solo guardare il logo di McDonald’s può ridurre la nostra capacità di rallentare e assaporare esperienze piacevoli nella vita. La ricerca può essere di interesse per una migliore comprensione di una serie di comportamenti relativi ai consumatori e per i marketer nel considerare le posizioni dei negozi al dettaglio. In questo contesto, basta camminare davanti a un negozio familiare per ridurre l’eccitazione e rendere i clienti meno interessati alle indulgenze immediate ea breve termine. Maglio dice che i prossimi passi per la ricerca riguarderanno le associazioni che le persone hanno per cibi e bevande diversi. Il solo pensare a bevande energetiche o vino rosso, ad esempio, potrebbe avere effetti molto diversi sull’eccitazione.

E per concludere riporto la memoria personale di un caro amico fraterno scomparso tre anni fa, che era l’unica persona che conoscevo con questa caratteristica. Quando la domenica, ancora molto giovani, andavo a svegliarlo a casa per fare poi colazione al bar, mettergli  su la moka e farlo scattare in piedi era esattamente il tempo che l’aroma aveva per passare dalla cucina alla sua camera da letto. A lui dedico questa breve recensione scientifica, questo ricordo in mezzo alle centinaia che lo rendevano unico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scinetifiche

Chen EY, Maglio SJ. Conscious Cogn. 2019 Apr; 70:57-69. 

Pramudya RC, Seo HS. Front Psychol. 2018 Jan 11; 8:2264.

Mills L et al. J Psychopharmacol. 2016 Apr; 30(4):388-94.

 

Latest

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Newsletter

Don't miss

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

CMT syndrome: the mechanism beneath that keeps “hands and feet” tied

About 1 in 2,500 people have a degenerative nerve disease called Charcot-Marie-Tooth (CMT). The disease is typically diagnosed in children, who may lose their...

Sclerosi multipla: i solventi come fattore di rischio lavorativo ad impatto elevato

La sclerosi multipla (SM) è una malattia infiammatoria cronica che si pensa affligga circa 400.000 persone negli Stati Uniti e 2,1 milioni di persone...

Le polveri di cemento ed i problemi respiratori nei lavoratori: una recensione fa il punto

Gli effetti sulla salute associati all'esposizione al cemento furono segnalati da Bernardino Ramazzini già nel 1700. Circa 250 anni dopo, furono riportate prove di un'associazione...