giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Omega-3: fanno bene all’artrosi ma con lo stile di vita giusto

L’osteoartrosi è la forma di artrite più diffusa al mondo, con il 18% delle donne e il 9,6% degli uomini di età compresa tra 60 anni e oltre a cui viene diagnosticata questa condizione dolorosa. È probabile che i numeri reali siano più alti di così come il carico globale dell’osteoartrosi è stato molto sottostimato. Si stima che entro il 2050 circa 130 milioni di persone soffriranno di osteoartrite, che imporranno un onere considerevole ai servizi sanitari. Attualmente non esiste un trattamento efficace per questo disturbo doloroso, con solo antidolorifici disponibili per trattare i sintomi e nessuna cura conosciuta. Nello studio più ampio e aggiornato del suo genere, i ricercatori dell’Università del Surrey hanno esaminato il legame tra la dieta e l’efficace autogestione dell’osteoartrosi. Analizzando 68 precedenti studi sul campo, i ricercatori hanno scoperto che un supplemento di olio di pesce a basse dosi potrebbe causare una riduzione del dolore per i pazienti con osteoartrosi e contribuire a migliorare la loro salute cardiovascolare.

Gli acidi grassi essenziali (omega-3) presenti nell’olio di pesce riducono l’infiammazione delle articolazioni, contribuendo ad alleviare il dolore. Gli studiosi hanno anche scoperto che una riduzione del peso per i pazienti sovrappeso e obesi e l’introduzione di un allenamento su misura per la mobilità potrebbe anche aiutare ad alleviare i sintomi dell’osteoartrosi. L’obesità non solo aumenta lo sforzo sulle articolazioni, ma può causare un’infiammazione sistemica di basso grado nel corpo aggravando ulteriormente la condizione. Una dieta ipocalorica, combinata con il rafforzamento, la flessibilità e gli esercizi aerobici, è stata identificata come un approccio efficace nel ridurre il dolore nei pazienti in sovrappeso. Non ci sono prove che una dieta ipocalorica abbia effetti benefici per i pazienti magri con questa condizione. Adottare uno stile di vita più sano aiuterà anche a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue – il colesterolo alto nel sangue è noto per essere associato all’osteoartrite.

Si è inoltre riscontrato che un aumento degli alimenti ricchi di vitamina K come cavoli, spinaci, verza e prezzemolo porta benefici ai pazienti con osteoartrosi. La vitamina K è necessaria per le proteine dipendenti dalla vitamina K (VKD), che si trovano nell’osso e nella cartilagine. Un apporto inadeguato di vitamina influenza negativamente il funzionamento di queste proteine, influendo sulla crescita ossea e sulla riparazione e aumentando il rischio di osteoartrite. Dunque, l’importanza di una buona dieta e di un regolare esercizio fisico non dovrebbe mai essere sottovalutata, non solo ci tiene in forma e in salute ma può anche attenuare i sintomi dolorosi dell’osteoartrite. In breve, siamo ciò che mangiamo ed è importante avere la giusta quantità di nutrienti dal nostro cibo per garantire che i nostri sistemi corporei funzionino come dovrebbero, una combinazione di buona dieta ed esercizio fisico regolare sono necessari per mantenere le articolazioni in buona salute.

Si dovrebbe considerare anche lo stile di vita quando si tenta di ridurre il dolore dell’osteoartrite. I pazienti non possono aspettarsi miracoli con integratori se sono in sovrappeso e bevono o fumano pesantemente. Le prove dimostrano che il fumo e il consumo eccessivo di alcol influiscono negativamente sul metabolismo energetico del corpo, sui markers infiammatori nel fegato, e in altri tessuti, che possono favorire infiammazione e malattia nel corpo. Come dire che “il vero sordo è quello che non vuole sentire”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Frommer KW, Hasseli R et al. .Front Immunol. 2019 Dec 3; 10:2757.

Thomas S et al., Rayman MP. Rheumatology 2018; 57(suppl4):61-74.

Adeyemi WJ, Olayaki LA. Niger J Physiol Sci. 2017; 32(2):179-188.

Phitak T et al., Kongtawelert P. Connect Tiss Res. 2017 Sep 28:1-16.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Voglia di non vaccinarsi: Facebook si fa avanti contro la disinformazione

Le teorie del complotto sulla vaccinazione e le informazioni false sulla sicurezza della vaccinazione hanno portato a un calo nell’assunzione di vaccini tra milioni...

Diabete: va riclassificato da 1 a 5, giudica l’ultimo studio

Gli adulti affetti da diabete mellito potrebbero giovare di una migliore terapia se si distinguessero cinque tipi di malattia e non due come al...

Kids and youngs with rising arthritis: the focus is not treatment but early prevention

Arthritis can affect children and adolescents of all races and ethnicities. However, according to the current study estimates for 2017-2021, about 220,000 children and...

Questo si chiuderà in 20 secondi