HomeATTUALITA' & SALUTELe ulteriori prove che vaccinarsi contrasta la diffusione del COVID (al di...

Le ulteriori prove che vaccinarsi contrasta la diffusione del COVID (al di là dell’effetto “gregge”)

La pandemia COVID-19 continua a diffondersi in tutto il mondo. Il virus SARS-CoV-2 è stato, in parte, in grado di diffondersi rapidamente tra le popolazioni a causa di un gran numero di casi asintomatici. Gli studi iniziali sembravano suggerire una correlazione positiva tra la gravità dei sintomi e il grado di anticorpi specifici per COVID, sebbene ciò debba ancora essere dimostrato. Sia i componenti umorali specifici del virus che i componenti cellulari dell’immunità adattativa sono indotti negli individui infettati da SARS-CoV-2, ma i loro ruoli nel controllo virale o nella patogenesi della malattia devono essere chiariti. La clearance virale e la ridotta gravità della malattia sono state associate all’attivazione coordinata delle risposte delle cellule T umorali e cellulari antivirali e robuste specifiche del virus. È stata anche segnalata una relazione positiva tra l’entità degli anticorpi SARS-CoV-2 o dei linfociti T e la gravità della malattia. Tuttavia, solo pochi studi hanno riportato i cambiamenti dinamici dei parametri immunologici virali e specifici del virus in pazienti con COVID-19 grave durante le fasi iniziali dell’infezione.

I ricercatori di Singapore hanno ora studiato il ruolo degli anticorpi e dei linfociti T specifici per SARS-CoV-2 in individui asintomatici affetti da COVID-19. Hanno scoperto che, contrariamente ad alcune ipotesi iniziali, gli individui asintomatici montano una risposta immunitaria adattativa alla pari con gli individui sintomatici, dimostrando che la risposta delle cellule T non sembra essere correlata alla gravità dei sintomi. I ricercatori hanno cercato di indagare ulteriormente, confrontando l’entità delle risposte anticorpali specifiche dei linfociti T e SARS-CoV-2 nei pazienti sintomatici e asintomatici della malattia. Il team di ricerca ha studiato un gruppo di lavoratori stranieri maschi che risiedevano in un dormitorio di Singapore, a seguito di un gruppo reclutato da uno studio precedente che indagava sulla prevalenza della SARS-CoV-2 tra i lavoratori migranti. I linfociti T possono fornire un’immunità a lungo termine contro le malattie, poiché rimangono nel sistema del corpo e possono essere prodotti rapidamente per attivare una risposta aggressiva contro i patogeni ricorrenti.

In precedenza era stato suggerito che gli individui che soffrivano di sintomi meno gravi di SARS-CoV-2 producevano cellule T in volumi inferiori, basandosi invece su anticorpi generali per attivare una risposta immunitaria. Se questo fosse il caso, gli individui asintomatici potrebbero sperimentare SARS-CoV-2 a un grado molto più duro se si verificano future infezioni del virus, poiché mancano della memoria dei linfociti T sufficiente per affrontare rapidamente il virus. Attraverso l’esame del plasma sanguigno nel gruppo di studio, i ricercatori hanno scoperto che entrambi i gruppi di individui, in effetti, avevano montato sufficienti risposte delle cellule T specifiche del virus, indistinguibili l’una dall’altra per grandezza. Le cellule T in individui asintomatici sembravano produrre più quantità di IFN-y e IL-2, citochine che inibiscono la crescita virale e coordinano le citochine infiammatorie e regolatorie negli individui sintomatici. Sebbene di entità quasi identica negli individui infettati di recente, i ricercatori hanno anche scoperto che i livelli di cellule T specifiche per SARS-CoV-2 diminuiscono più rapidamente negli individui asintomatici.

Ciò sembra conferire con studi precedenti che suggerivano che il livello di cellule T negli individui asintomatici era inferiore rispetto ai pazienti sintomatici, poiché questi studi sono stati condotti fino a tre mesi dopo la scomparsa dell’infezione iniziale. Questo sembra essere il primo articolo pubblicato che descrive magnitudini simili di cellule T sia in individui asintomatici che sintomatici esposti a COVID-19. Ciò dimostra in modo promettente che, sebbene i livelli di cellule T diminuiscano più rapidamente nei pazienti senza sintomi, entrambi i gruppi mostrano una risposta immunitaria sufficiente con una memoria persistente delle cellule T. Un’altra buona notizia viene dallo studio di un team indipendente di ricercatori che sembrano aver provato che coloro che si sino vaccinati dopo aver avuto il COVID, possono neutralizzare anche alcune varianti virali chiamate “preoccupanti” (VOCs). I ricercatori dell’Oregon Health & Science University di Portland, negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio che dimostra l’efficacia dei vaccini di prima generazione nella protezione contro le varianti SARS-CoV-2 in individui precedentemente infettati dal virus.

Hanno scoperto che la vaccinazione ha aumentato i livelli preesistenti di anticorpi contro la proteina del picco virale di 10 volte negli individui precedentemente infettati, ma non a livelli significativamente più alti di quelli dei vaccinati precedentemente non infetti. I titoli anticorpali neutralizzanti dei vaccinati precedentemente infettati erano più di cinque volte più alti rispetto alla variante B.1.1.7 emersa nel Regno Unito, più di sei volte più alti rispetto al lignaggio B.1.351 emerso in Sud Africa e più di quattro volte più alto contro il lignaggio P.1 emerso in Brasile. I ricercatori hanno concluso che i loro risultati supportano un recente rapporto secondo cui l’infezione naturale con B.1.351 induce una risposta anticorpale neutralizzante cross-reattiva simile contro B.1.351, P.1 e l’originale SARS-CoV-2. Sebbene questi e altri risultati di laboratorio debbano essere convalidati da studi in corso a livello di popolazione, indicano un nuovo ruolo per i vaccini COVID-19 nella protezione delle popolazioni colpite da future ondate di pandemia.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Le Bert N et al. J Exp Med 2021 May 3; 218(5):e20202617.

Tafesse F et al. medRxiv 2021 Apr 25; 21256049v1.

Kalimuddin S, Tham CY et al. Medicine (NY) 2021 Apr 8.

Chia WN, Zhu F et al. Lancet Microbe. 2021 Mar 23.  

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI