giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Crisi finanziaria e lockdown da pandemia che si intrecciano: qual’è il peso sulla salute mentale?

Gli studi hanno riportato negli ultimi anni un notevole aumento del disagio psicologico tra i residenti negli Stati Uniti e in Inghilterra, associato all’età lavorativa, alla precarietà del mercato del lavoro e al basso livello di istruzione. Secondo quanto riferito, l’aumento della “morte per disperazione” è stato aggravato dalla pandemia di COVID-19. Già tutti possono ricordare la crisi finanziaria iniziata nel 2008 che incluse a partire dal 2009 una epidemia di influenza “suina”, che durò quasi un anno. Durante quel frangente, i tassi di suicidio salirono di varie colte rispetto alla media fra le popolazioni di età compresa fra i 45-65 anni. A livello globale, la crisi economica a livello di popolazione tra il 2008 e il 2010 e durante l’epidemia di coronavirus nel 2020, è risultata associata a una salute mentale peggiore e a un maggiore disagio emotivo tra i paesi colpiti.

Tuttavia, le tendenze globali del disagio devono essere studiate. In un rapporto pubblicato da poco, i ricercatori hanno esaminato il disagio emotivo analizzando le informazioni del sondaggio annuale Gallup World Poll (GWP) di 1,5 milioni di persone intervistate in 113 nazioni tra il 2009 e il 2021. I sondaggi sono stati distribuiti fisicamente nelle nazioni con minore copertura telefonica, tra cui Asia, Africa e Medio Oriente. Durante il COVID-19, la maggior parte delle persone è stata intervistata tramite conversazioni telefoniche e 1.000 persone hanno partecipato a sondaggi ogni anno. I paesi sono stati inclusi nell’analisi se i dati erano disponibili per >50% del periodo di studio, compreso il periodo della pandemia di SARS-CoV2. I dati sono stati ottenuti su età individuale (raggruppata come <35 anni, tra 35 e 54 anni e >55 anni), sesso, stato di istruzione e reddito familiare.

La popolazione campione comprendeva 1.527.616 individui in 113 nazioni. Le stime intranazionali hanno indicato che la prevalenza del disagio emotivo è aumentata dal 25% al 31% tra il 2009 e il 2021. Il maggiore aumento del disagio emotivo è stato osservato tra gli individui sotto i 35 anni, con un livello di istruzione elementare (9,5%) e gli individui nel quintile più basso del reddito familiare (7,3%). Le stime globali hanno indicato che il periodo della pandemia di SARS-CoV-2 è stato caratterizzato da un iniziale aumento del disagio nel 2020, seguito da una ripresa nel 2021. Nel periodo dell’indagine, un notevole aumento del dolore (6,3%), della preoccupazione (6,2%) ed è stato osservato stress (10%), ma stranamente senza un aumento significativo della rabbia (1,6%).

La variabile pandemica del 2020 ha mostrato significatività statistica nei modelli che considerano il modello curvilineo nel disagio emotivo. I risultati hanno indicato che nel 2020 il disagio emotivo è aumentato del 2,5% rispetto ai livelli di disagio esistenti nel periodo pre-pandemia. Il team ha osservato aumenti statisticamente significativi del disagio emotivo durante il 2020 nella maggior parte dei singoli gruppi demografici, ad eccezione degli individui di età pari o superiore a 55 anni, individui con basso livello di istruzione e basso reddito familiare. I livelli di disagio sono stati ridotti tra il 2020 e il 2021, con risultati non significativi per l’onda fittizia COVID-19 2021. Entro il 2021, il livello di disagio non si è discostato in modo significativo dalle tendenze esistenti, come stimato utilizzando i dati sul disagio emotivo della pandemia pre-COVID-19.

Nel complesso, i risultati del rapporto hanno evidenziato i cambiamenti globali nel disagio emotivo. Tra il 2009 e il 2021, la prevalenza del disagio emotivo ha mostrato un notevole aumento di sei punti percentuali dal 25% (2009) al 31% (2021). Il COVID-19 ha influenzato negativamente, sebbene transitoriamente, il benessere psicologico degli individui, indicando che il pubblico si è adattato alle situazioni stressanti associate a COVID-19 con un recupero relativamente rapido dall’impatto dei lockdowns. E’ chiaro che non tutte le fasce di popolazione sono suscettibili allo stesso modo agli efffetti di una crisi finanziaria; e i cambiamenti lavorativi verificatisi durante la pandemia sono stati per lo più spostamenti al domicilio (smar-working). Ma c’è chi lo stesso ha perso il lavoro e questo è un enorme problema socio-economico con un impatto non indifferente sulla salute mentale pubblica.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Daly M, Macchia L. PNAS USA 2023; 120(14):e2216207120.

Konieczna A et al. Scand J Pub Health. 2022; 50(5):584-592.

Kamekis A et al. Int J Soc Psychiatry. 2021; 67(6):801-815.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il problema dei COVID lungo può toccare anche i bambini: il ruolo della vaccinazione e analisi delle conseguenze

Dall’inizio della pandemia, gli sforzi concertati in tutto il mondo hanno portato al rapido sviluppo di numerosi vaccini e alla successiva vaccinazione di gran...

Emicrania: arriva l’erenumab per i casi intrattabili

L'emicrania è una condizione neurologica invalidante per la quale non esiste ancora una cura. Un episodio può durare fino a 72 ore ed è...

Malattie infiammatorie intestinali: come la depressione le peggiora

Affrontare una diagnosi di morbo di Crohn è già abbastanza traumatico, considerata la natura della patologia. Essa, generalmente, riconosce dei fattori esterni che possono...