giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Intestino irritabile (IBS) nei bambini: le soluzioni naturali possono essere più adatte?

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è influenzata da varie variabili ed è stata tentata di essere trattata con vari approcci, tra cui la nutrizione, le terapie farmaceutiche e psicologiche e la neuromodulazione. Infezioni, infiammazioni, distensione, modifiche del microbiota, nutrizione, allergie e attivazione del sistema immunitario influenzano tutti il microbiota intestinale, che è importante nella patogenesi dell’IBS. La causa dell’IBS è sconosciuta, ma quando altri trattamenti non riescono ad alleviare i sintomi, le persone cercano rimedi alternativi come la terapia a base di erbe.

In una recente recensione pubblicata su Nutrients, i ricercatori hanno esaminato studi recenti sugli effetti positivi e le reazioni avverse di spezie, fibre alimentari ed erbe medicinali per pazienti pediatrici con IBS. Nella review, i ricercatori hanno esaminato i dati esistenti sulle terapie alternative per i pazienti pediatrici con IBS, compresi i rimedi naturali. La revisione comprende studi randomizzati controllati, studi prospettici di tipo osservazionale, studi randomizzati cross-over, studi clinici randomizzati in cluster e revisioni sistematiche scritte in inglese e pubblicate nei database Cochrane, Scopus e PubMed.

Uso di fibre alimentari ed erbe per bambini con IBS

Le fibre alimentari migliorano la salute dell’apparato digerente regolando la consistenza e la frequenza delle feci, nonché il microbiota e il metabolismo. La fermentazione delle fibre genera acidi grassi a catena corta (SCFA) e gas. Gli SCFA promuovono la funzione del colon influenzando l’attività dei neuroni mienterici ed esercitando effetti immunoregolatori. Le fibre insolubili (come mais, cellulosa, lignina, grano ed emicellulosa) accelerano il transito intestinale ispessendo le feci e aumentandone il contenuto di acqua. Gonfiore e fastidio allo stomaco sono i disturbi più comuni riguardanti le fibre alimentari, solitamente causati da fibre insolubili. I semi della Plantago ovata Forsk vengono utilizzati per produrre la fibra di psillio (o ispaghula, idrosolubile). La mucillagine contiene arabinoxilano acido, polisaccaridi ramificati e prebiotici che promuovono lo sviluppo di batteri benefici e stimolano la formazione di SCFA.

Il gel di psillio (arabinoxilano) è parzialmente fermentato e trattiene l’acqua nell’intestino tenue, aumentando la produzione di feci. Lo psillio influenza anche la funzione immunitaria epiteliale gastrica. In uno studio precedente, la fibra di psillio, da sei a dodici grammi al giorno per quattro-sei settimane, ha ridotto la frequenza del dolore nei bambini con IBS, con il 42% che ha raggiunto la remissione. La gomma guar è un galattomannano gelificante derivato dai semi di Cyamopsis tetragonolobus. La gomma guar parzialmente idrolizzata è un derivato solubile in acqua, a bassa viscosità e non gelificante della gomma guar. Cinque g/dose di gomma di guar parzialmente idrolizzata in 50 ml di succo di frutta per quattro settimane hanno abbassato il punteggio dei sintomi dell’IBS di Birmingham e tre punteggi di sottoscala per diarrea, costipazione e dolore a quattro e otto settimane nei bambini di età compresa tra otto e sedici anni. Sono stati notati anche miglioramenti alla Bristol Stool Form Scale (BSFS).

Le preparazioni erboristiche per i bambini con IBS

È stato dimostrato che i medicinali a base di erbe, tra cui STW-5, olio di menta piperita, zenzero, curcumina, finocchio e cannabis, lavorano insieme per trattare l’IBS. STW-5 è una miscela di erbe di nove estratti di piante medicinali che agiscono sulla muscolatura liscia gastrointestinale, aumentano la secrezione gastrica, hanno azioni spasmolitiche, coleretiche e antinfiammatorie e diminuiscono l’ipersensibilità viscerale. Negli studi è stato dimostrato che l’uso di STW-5 (da 10 a 20 gocce tre volte al giorno) allevia i sintomi gastrointestinali del 75%. Mentha piperita, da cui si ricava l’olio di menta piperita, che è il componente principale del mentolo. L’olio di menta piperita viene facilmente assorbito e possiede proprietà antispasmodiche, antinfiammatorie, antibatteriche e antifungine. Non è specifico per l’intestino, ma può concorrere all’effetto antispastico.

Lo zenzero, derivato dalle radici di Zingiber officinale Roscoe, ha proprietà antiemetiche ed è stato usato per trattare nausea e vomito associati a gravidanza, chemioterapia, dispepsia, gastroenterite e altre condizioni. Inoltre possiede proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, epatoprotettive e antiossidanti. La curcumina, derivata dalla curcuma (C. zedoaria), è un agente antinfiammatorio, antiossidante, epatoprotettivo e antiallergico. Tuttavia, i ricercatori hanno sollevato dubbi sull’assorbimento limitato, sulla biodisponibilità e sulla rapida escrezione della curcumina. La farmacocinetica della curcumina sembra migliorare se combinata con altri estratti botanici. La curcumina sembra essere efficace sui sintomi digestivi nei pazienti con IBS se usata indipendentemente o come componente di miscele di erbe. Migliorando anche le funzioni epatiche, inoltre, la curcuma può concorrere al miglioramente della dispepsia e dei sintomi di maldigesto nei bambini

La senna, un lassativo a base di glicosidi antrachinoni derivato dalle foglie e dai frutti di Senna alexandrina, Cassia acutifolia e C. augustifolia, migliora la motilità intestinale influenzando il sistema nervoso enterico dell’intestino. Ha dimostrato azioni purgative tra soggetti affetti da stitichezza cronica o per preparare l’intestino prima di una colonscopia. Tuttavia, potrebbe non essere ideale per il trattamento a lungo termie dei bambini, dato che le sue proprietà irritanti sulla mucosa intestinale potrebbero esacerbare la colite della mucosa. L’olio di finocchio, derivato dai semi di Foeniculum vulgare, lenisce la muscolatura liscia dell’intestino, riducendo il disagio allo stomaco tra chi soffre di IBS. La ricerca su pazienti adulti con IBS ha scoperto che l’olio di finocchio, se usato con la curcumina, migliora i sintomi e la qualità della vita; tuttavia, mancano prove tra i soggetti pediatrici.

L’estratto di foglie di carciofo abbassa il colesterolo e possiede proprietà antiemetiche, coleretiche e spasmolitiche. Al pari della curcuma, essendo un depurante ed un antinfiammatorio per le cellule epatiche, può aiutare i bambini con IBS nelle difficoltà digestive. La cannabis, che contiene due cannabinoidi primari, cannabidiolo e delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), può aiutare ad alleviare il disagio nei malati di IBS. Tuttavia, non è stato identificato alcun cambiamento significativo nei livelli di dolore tra i pazienti adulti con IBS che hanno ricevuto cannabidiolo anziché un placebo.

Conclusioni

Sulla base dei risultati della revisione, le terapie a base di erbe, le fibre solubili e alcune spezie possono apportare benefici ai pazienti con IBS; tuttavia, le prove esistenti sono scarse, soprattutto in campo pediatrico. Inoltre, non esistono dati di ricerca di alta qualità inadeguati per supportare la cannabis e i modulatori degli endocannabinoidi come terapie per l’IBS. Gli studi si sono concentrati sulle malattie gastrointestinali funzionali piuttosto che sull’IBS, con campioni di dimensioni limitate, follow-up brevi e validazione della misurazione dei sintomi solo tra gli adulti. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche sulle terapie alternative per i pazienti pediatrici con IBS.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pop D, Pop RS, Farcau D. Nutrients 2023; 15:4351.

Ammar RM et al. Phytomedicine. 2023; 119:154996.

Chiarioni G et al. Nutrients. 2023 Sep; 15(19):4216.

Gu Y et al. Front Pharmacol. 2023 Jun; 14:1201240.

Michael R et a. Compl Ther Med. 2022; 71:102873.

Cherry RN et al. Children (Basel). 2022; 9(8):1266.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il ruolo dei neurotrasmettitori nella sclerosi multipla (III): la serotonina

La sclerosi multipla è notoriamente una malattia infiammatoria oltre che autoimmune. Il processo di neuro-infiammazione è guidato dal sistema immunitario e dalle citochine che...

Gli effetti delle avversità sociali sulla salute psicologica dei bambini: il ruolo della neuroinfiammazione ed i risvolti

Le avversità sociali sono associate a una cattiva salute generale e a un basso stato emotivo nei bambini. I fattori di rischio sociale, come...

Pregnancy “under pressure”: endocrine disruptors keep it low

Hypertensive disorders during pregnancy are one of the main causes of maternal and child mortality and morbidity. Exposure to environmental chemicals is suspected to...