giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Farmaci per dimagrire contro la dipendenza da alcolici: un’analisi nel mondo reale

Il disturbo da uso di alcol (AUD) contribuisce in modo significativo alla mortalità globale. Il consumo di alcolici non è un problema solamente per persone di regolare costituzione; è riportato che molti appartenenti alla fascia degli obesi fanno un consumo patologico di alcolici. Gli agonisti GLP-1 e GLP-1/GIP sono stati autorizzati dalla FDA statunitense per gestire l’obesità e il diabete di tipo 2. Studi sugli animali hanno riportato che queste molecole possono ridurre efficacemente l’assunzione di alcol; tuttavia, mancano ancora prove scientifiche chiare. In un nuovo studio, i ricercatori hanno indagato se i farmaci semaglutide o tirzepatide riducessero l’assunzione di alcol e l’impatto degli effetti auto-riferiti dell’alcol tra coloro che consumavano i medicinali (gruppo di intervento) rispetto a coloro che non lo facevano (gruppo di controllo). I ricercatori hanno condotto due studi per studiare l’impatto degli agonisti del GLP-1 sul consumo di alcol.

La prima ricerca ha comportato la scansione delle deliberazioni sui social media di Reddit sui farmaci agonisti del GLP-1 con una tecnica di mappatura delle attribuzioni per identificare i temi principali e i post relativi all’alcol. La seconda ricerca includeva un sondaggio su 153 individui con un indice di massa corporea (BMI) pari o superiore a 30 che bevevano alcolici e dichiaravano di usare tirzepatide o semaglutide per almeno 30 giorni. I ricercatori hanno valutato le autovalutazioni precedenti e attuali dei soggetti relative al consumo di alcol e ai suoi effetti. Lo studio ha esaminato i commenti dei social media su medicina, diabete, obesità, perdita di peso, assistenza sanitaria e farmacia. Diabete, peso, dosaggio, assicurazione e farmacia erano le caratteristiche più ponderate. La maggior parte delle voci correlate all’alcol erano eccessivamente arricchite in due gruppi: “perdita di peso e obesità” (n=439) ed “effetti dei farmaci” (n=826).

In totale, 962 persone hanno fornito 1.580 contributi legati all’alcol, di cui il 72% ha affrontato la diminuzione degli impulsi, la diminuzione del consumo e altre ripercussioni negative del bere. Le correlazioni più positive osservate tra i cluster hanno mostrato un aumento dei discorsi simultanei relativi a tutti i temi identificati. L’associazione negativa più degna di nota è stata osservata tra “effetti dei farmaci”, “assicurazione e copertura” e discorsi “correlati alla dose”, mostrando una tendenza ad allontanarsi dal discutere gli effetti dei farmaci e verso la ricerca di informazioni sui dosaggi e l’ottenimento di farmaci tramite l’assicurazione. I partecipanti hanno bevuto molto più alcol nei fine settimana rispetto ai giorni feriali, e quelli con obesità che assumevano tirzepatide o semaglutide hanno consumato significativamente meno alcol e hanno mostrato minori probabilità di binge eating rispetto ai loro coetanei non diabetici o non obesi.

I partecipanti a tirzepatide o semaglutide hanno riportato dosi mediane di 7,5 mg, mentre la dose mediana per i partecipanti a Wegovy o Ozempic era di 1 mg. L’analisi delle misure ripetute ha dimostrato un impatto significativo nel tempo sugli effetti stimolativi e sedativi prima e durante la somministrazione del farmaco. Il gruppo di controllo differiva considerevolmente dal momento attuale per entrambi i farmaci, ma non da prima dell’inizio di ciascun trattamento. I risultati indicano che durante l’assunzione di questi farmaci, le conseguenze dell’intossicazione da alcol, in particolare gli effetti stimolanti e sedativi, erano ridotte al minimo. Nel complesso, i risultati dello studio hanno fornito prove iniziali nel mondo reale di una ridotta assunzione di alcol tra gli individui obesi trattati con tirzepatide o semaglutide. Non si conoscono i meccanismi cellulari dietro questo fenomeno, soprattutto perché non affrontate nelle ricerche descritte.

​Gli agonisti GLP1/GIP inducono riduzione dell’appetito con un meccanismo che comprende sia un effetto diretto sullo stomaco, che a livello del sistema nervoso centrale. Inoltre, molte persone (obese e non) riportano un senso di nausea “sorda” ma continua che gli impedisce di assumere cibo al di fuori di quanto dovuto da protocollo farmacologico. Anche i farmaci anti-alcolici come lil disulfiram (Antabuse) induce nausea verso l’assunzione orale di alcolici. È possibile che dietro l’azione di appetito/craving di cibo ed alcolici ci sia una base neurochimica comune. La dependenza da alcolici, tabacco, droghe e similari è legata a mediatori come la dopamina e la serotonina. E’ possibile che gli agonisti GLP-1/GIP agiscono anche sui neuroni cerebrali che controllano gli impulsi verso la dipendenza attraverso questi neurotrasmettitori.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Bochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Quddos F et al. Sci Reports 2023; 13:20998.

Klausen MK et al. JCI Insight 2022; 7(19).

Thomsen M et al. Psychopharm. 2023; 236:603.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Depressione in rivoluzione: comprendere la neuroinfiammazione per combattere il problema fuori e dentro la gravidanza

Circa il 6% degli adulti nel mondo è affetto da depressione maggiore (MDD) e circa il 33% di loro è resistente ai trattamenti attualmente...

Ipoalbuminemia: cos’è, quando si verifica e come intervenire

Negli esseri umani adulti, l'albumina è la proteina plasmatica più abbondante con una concentrazione compresa tra 35 e 50 g / L. L'albumina rappresenta...

Le novità di ricerca sulle leucemie: e spunta che l’epigenetica non appartiene solo al DNA

Ogni anno in Europa vengono diagnosticati circa 300.000 nuovi casi di leucemia. Nei bambini, i casi di leucemia costituiscono un terzo dei tumori diagnosticati....