venerdì, Luglio 12, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Nascosto in “bella vista”: il regolatore IkB-zeta non è solo un inibitore ma un”doppio agente” immunitario

Il nostro sistema immunitario è straordinariamente potente. Assembla rapidamente squadre di cellule per eliminare le minacce all’interno dei nostri corpi. Ma a volte colpisce il bersaglio sbagliato. Le malattie autoimmuni come il lupus sistemico e la sclerosi multipla derivano da cellule immunitarie che attaccano per errore tessuti e organi sani. Per queste condizioni sono assolutamente necessari nuovi trattamenti e obiettivi terapeutici. Ora, il professor Christopher Vakoc del Cold Spring Harbor Laboratory potrebbe essersi imbattuto in un nuovo obiettivo terapeutico, nascosto in bella vista. Vakoc e il suo team hanno scoperto che IκB-zeta, una proteina ben studiata nel campo dell’immunologia e dell’oncologia, contiene una sequenza trascurata, che le consente di attivare proteine chiave nelle cellule immunitarie. Sebbene la sequenza (il peptide OCA o motivo ottamerico) sia minuscola, prenderla di mira potrebbe avere effetti significativi nel ristabilire le cellule immunitarie andate in tilt.

Per anni, IκB-zeta era noto per un ruolo importante ovvero il controllo di fattore di trascrizione NF-kB, cruciale per innescare una risposta immunitaria. Ad esempio, è stato identificato come un regolatore chiave richiesto affinché TNF-alfa e IL-17A inducano l’espressione di IL-36 nei cheratinociti della psoriasi, insieme alla proteina chinasi dello stress p38 e alle vie di segnalazione ERK1/2. IkB-zeta è anche un induttore del gene Lcn2 (lipocalina-2), che è regolato nella sepsi. L’elevata espressione di IkB-zeta nei tessuti probabilmente contribuisce all’elevata espressione di Lcn2 nella sepsi. Poiché IkB-zeta è anche in grado di promuovere o reprimere altri geni infiammatori, potrebbe esercitare un ruolo centrale nella sepsi. Sembra che sia coinvolto nell’induzione della differenziazione delle cellule T helper 17 (Th17) in seguito al riconoscimento da parte del recettore dell’antigene delle cellule T (TCR).

Viene reclutato nei promotore genico dell’IL-6 attivandolo ma diminuisce la produzione di TNF-alfa in risposta all’endotossina batterica (LPS), il primo induttore della sepsi come detto sopra. Ma si scopre che IκB-zeta ha una doppia funzione: attiva anche un’altra importante famiglia di proteine nucleari immunitarie chiamate POU. E lo fa attraverso il peptide con motivo ottamero OCA. L’attivazione di entrambe le reazioni immunitarie può garantire la risposta più rapida ai pericoli invasori. Perché l’evoluzione ha assegnato a IκB-zeta questo compito “doppia faccia”? Vakoc sospetta che abbia qualcosa a che fare con l’enorme numero di compiti svolti dal sistema immunitario. Sebbene le cellule immunitarie attivino molte delle stesse proteine, ciascuna cellula ha anche i propri compiti. La dualità di IκB-zeta potrebbe fornire ai difensori del nostro corpo la versatilità necessaria per passare rapidamente da un ruolo all’altro.

Oppure questo è il ruolo che IkB-zeta ha nell’organismo da adulto, mentre a livello embrionale potrebbe essere un altro. Le proteine POU, infatti, sono conivolte in alcuni aspetti dell’embriogenesi: il membro Oct-6, per esempio, serve alla determinazione delle cellule di Schwann nella mielina. Il fattore di trascrizione POU1F1, invece, serve a specificare le cellule che comporranno l’ipofisi; mentre Oct-4 servirà ai processi di auto-rinnovamento di alcune tipologie di cellule staminali. Gli scienziati ritengono che il peptide OCA consenta a diversi tipi di cellule immunitarie di rispondere rapidamente, con i geni giusti al momento e nel luogo giusti. Questa scoperta potrebbe costituire la base per future immunoterapie contro le malattie autoimmuni. Fondamentalmente si tratta di personalizzare la risposta immunitaria per le diverse cellule del corpo. Poiché il peptide OCA è ben definito e presente in molte cellule immunitarie, potrebbe costituire un bersaglio farmacologico primario.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Alpsoy A et al. Molecular Cell 2024 Jan 24; in press.

Feng Y, Chen Z et al. Front Immunol. 2023; 14:1188253.

Gautam P et al. Clin Transl Med. 2022; 12(10):e1032.

Müller A et al. PNAS USA. 2018; 115(40):10088-093.

Kohda A et al. J Biol Chem. 2016; 291(39):20739-52.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Ovaio policistico: le correlazioni fra diabete e pillole anticoncezionali

I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) riferiscono che la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è la principale causa di infertilità...

Emulsionanti: gli additivi alimentari responsabili del cancro intestinale?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nel 2015 a 137.000 americani è stato diagnosticato un cancro del colon-retto. L'incidenza del carcinoma...

Il valore della terapia antidepressiva negli anni: gli sforzi per migliorare la qualità della vita hanno fatto fiasco?

È generalmente noto che il disturbo depressivo ha un impatto significativo sulla qualità della vita correlata alla salute dei pazienti. Sebbene gli studi abbiano...