Troppo stress? Spegne la salute. Antidoti? una bella vacanza

 1

Si ritiene che i disturbi mentali e i loro sintomi siano associati ad un aumentato rischio di malattie cardiache e ictus, ma studi precedenti hanno prodotto risultati incoerenti e l’interazione tra salute mentale e fisica è poco conosciuta. Gli adulti di età pari o superiore a 45 anni che soffrono di disagio psicologico come depressione e ansia possono avere un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, secondo una nuova ricerca su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes, una rivista American Heart Association. In uno studio condotto su 221.677 partecipanti dall’Australia, i ricercatori hanno scoperto che:

  • tra le donne, il disagio psicologico alto / molto elevato è stato associato a un aumento del 44% del rischio di ictus; e
  • negli uomini tra 45 e 79 anni, il disagio psicologico alto / molto alto rispetto a quello basso era associato a un aumento del rischio di infarto del 30 per cento, con stime più deboli in quegli 80 anni o più.

L’associazione tra disagio psicologico e aumento del rischio di malattie cardiovascolari era presente anche dopo la contabilizzazione dei comportamenti dello stile di vita (fumo, assunzione di alcol, abitudini alimentari, ecc.) E della storia della malattia. “Mentre questi fattori potrebbero spiegare alcuni dei maggiori rischi osservati, non sembrano tener conto di tutto ciò, indicando che altri meccanismi sono probabilmente importanti”, ha detto Caroline Jackson, Ph.D., autore senior dello studio e un Membro del Cancelliere presso l’Università di Edimburgo, a Edimburgo, in Scozia, la ricerca ha coinvolto partecipanti che non avevano avuto un infarto o ictus all’inizio dello studio e che facevano parte del New South Wales 45 e Up Study che reclutavano adulti di 45 anni o più anziani tra il 2006 e il 2009. I ricercatori hanno classificato il disagio psicologico come basso, medio e alto / altissimo utilizzando una scala standard di sofferenza psicologica che chiede alle persone di auto-valutare il livello.

Il sondaggio di 10 domande pone domande come: “Quanto spesso ti senti stanco senza una buona ragione?” Quante volte ti senti così triste che niente potrebbe tirarti su di morale? “Quanto spesso ti senti irrequieto o irrequieto?” Tra i partecipanti – 102.039 uomini (età media 62 anni) e 119.638 donne (età media 60 anni) – il 16,2% ha riferito di avere un disagio psicologico moderato e il 7,3% ha avuto un disagio psicologico alto / molto alto. Durante il follow-up di più di quattro anni, si sono verificati 4.573 attacchi di cuore e 2.421 colpi. Il rischio assoluto – il rischio generale di sviluppare una malattia in un certo periodo di tempo – di infarto e ictus è aumentato con ogni livello di stress psicologico. I risultati aggiungono alle prove esistenti che potrebbe esserci un’associazione tra disagio psicologico e aumento del rischio di infarto e ictus, ha detto. Ma supportano anche la necessità di futuri studi incentrati sui meccanismi sottostanti che connettono il disagio psicologico e le malattie cardiovascolari e il rischio di ictus e cercano di replicare le differenze tra uomini e donne.

Tutti i fattori analizzati in questa ricerca, a parte gli esiti di infarto e ictus, sono stati identificati nello stesso momento, il che ha reso difficile per i ricercatori capire la relazione tra disagio psicologico e variabili come comportamenti non salutari come il tabagismo e una dieta malsana. Con questo approccio analitico, possono aver sottostimato l’effetto che il disagio psicologico ha sul rischio di infarto e ictus. Il dottor Jackson ha suggerito con commenti: “Le persone con sintomi di disagio psicologico dovrebbero essere incoraggiate a cercare aiuto medico perché, a parte l’impatto sulla loro salute mentale, i sintomi di disagio psicologico sembrano avere un impatto anche sulla salute fisica. Incoraggiamo uno screening più proattivo per i sintomi di disagio psicologico. I medici dovrebbero monitorare attivamente i fattori di rischio cardiovascolare nelle persone con questi sintomi di salute mentale “.

Quindi, troppo stress? Forse è ora di prendersi una bella vacanza. Questo è il risultato di uno studio di 40 anni accettato per la pubblicazione su The Journal of Nutrition, Health & Aging. Lo studio comprendeva 1.222 dirigenti maschi di mezza età nati tra il 1919 e il 1934 e reclutati nello studio degli uomini d’affari di Helsinki nel 1974 e 1975. I partecipanti avevano almeno un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari (fumo, ipertensione, colesterolo alto, trigliceridi elevati, glucosio intolleranza, sovrappeso). I partecipanti sono stati randomizzati in un gruppo di controllo (610 uomini) o un gruppo di intervento (612 uomini) per cinque anni. Il gruppo di intervento ha ricevuto una consulenza orale e scritta ogni quattro mesi per svolgere attività fisica aerobica, seguire una dieta sana, raggiungere un peso sano e smettere di fumare. Quando la sola consulenza sanitaria non era efficace, gli uomini nel gruppo di intervento hanno ricevuto anche farmaci raccomandati in quel momento per abbassare la pressione sanguigna (beta-bloccanti e diuretici) e lipidi (clofibrato e probucolo). Gli uomini nel gruppo di controllo hanno ricevuto la normale assistenza sanitaria e non sono stati visti dagli investigatori.

Come riportato in precedenza, il rischio di malattia cardiovascolare è stato ridotto del 46% nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo entro la fine dello studio. Tuttavia, al follow-up di 15 anni nel 1989 ci furono più morti nel gruppo di intervento che nel gruppo di controllo. L’analisi presentata oggi ha esteso il follow-up della mortalità a 40 anni (2014) utilizzando i registri di morte nazionali e ha esaminato i dati di riferimento precedentemente non segnalati su quantità di lavoro, sonno e ferie. I ricercatori hanno scoperto che il tasso di mortalità era costantemente più alto nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo fino al 2004. I tassi di mortalità erano gli stessi in entrambi i gruppi tra il 2004 e il 2014. Le vacanze più brevi erano associate a morti in eccesso nel gruppo di intervento. Nel gruppo di intervento, gli uomini che hanno preso tre settimane o meno le ferie annuali hanno avuto il 37% in più di possibilità di morire tra il 1974 e il 2004 rispetto a quelli che hanno impiegato più di tre settimane. Il tempo di vacanza non ha avuto alcun impatto sul rischio di morte nel gruppo di controllo.

Il professor Strandberg, dell’Università di Helsinki, ha commentato: “Il danno causato dal regime di vita intensiva era concentrato in un sottogruppo di uomini con periodi di vacanza annuali più brevi. Nel nostro studio, gli uomini con vacanze più brevi lavoravano di più e dormivano meno di quelli che prendevano vacanze più lunghe. Questo stile di vita stressante può aver annullato qualsiasi beneficio dell’intervento. Pensiamo che l’intervento stesso possa anche avere avuto un effetto psicologico negativo su questi uomini aggiungendo stress alla loro vita. Non pensare che avere uno stile di vita altrimenti salutare possa compensare lavorare troppo e non fare vacanze, le vacanze possono essere un buon modo per alleviare lo stress”. Ha concluso così: “I nostri risultati non indicano che l’educazione alla salute sia dannosa. Piuttosto, suggeriscono che la riduzione dello stress è una parte essenziale dei programmi volti a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Eguchi H et al. BMJ Open. 2018 Aug 29; 8(8):e022612. 

Jackson CA et al. Age Ageing. 2015 Sep; 44(5):810-6. 

Doan S et al. JMIR Public Health Surveill. 2017; 3(2):e35.

Sutton KP et al. Asia Pac Psychiatry. 2015 Dec;7(4):391.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it