venerdì, Giugno 14, 2024

La via molecolare CTLA4-IL23: un dialogo insospettato che apre nuove possibilità contro cancro e autoimmunità

Il sistema immunitario ha molti percorsi per proteggere il...

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Diagnosi delle sinucleinopatie dalla pelle: la fosfo-sinucleina diventa specifica al 100%

Le sinucleinopatie sono malattie neurodegenerative che causano l’accumulo della proteina alfa-sinucleina fosforilata (P-SYN) nel sistema nervoso periferico e centrale. Queste malattie condividono caratteristiche cliniche, tra cui il deterioramento progressivo e la neurodegenerazione. Includono la demenza con corpi di Lewy (DLB), l’atrofia multisistemica (MSA), il morbo di Parkinson (PAD) e l’insufficienza autonomica pura (PAF). L’attuale farmacologia non dispone di farmaci modificanti la malattia per queste malattie e molti individui con diagnosi di sinucleinopatie affrontano ritardi diagnostici o diagnosi errate. Negli ultimi 6-7 anni sono stati pubblicati numerosi studi che hanno identificato le biopsie cutanee come una potenziale fonte efficace di materiale per il rilevamento dell’α-sinucleina fosforilata. Con una sensibilità costantemente elevata (>80%) e una specificità prossima al 100%, il potenziale della biopsia cutanea come strumento clinico di scelta per la diagnosi delle sinucleinopatie sembrava essere elevato.

Le pubblicazioni hanno riportato l’uso dell’α-sinucleina sia fosforilata che non fosforilata come biomarker potenzialmente rilevanti. L’α-sinucleina non fosforilata è una proteina ubiquitaria ed è osservata nei soggetti sani e negli stati patologici, ma aumenta con la progressione della malattia. Al contrario, è stato dimostrato che l’α-sinucleina fosforilata è specifica al 100% per la malattia rispetto ai soggetti di controllo, ma potrebbe non essere correlata alla gravità della malattia. Come marker di malattia, l’α-sinucleina fosforilata è stata selezionata come strumento diagnostico di scelta dalla maggior parte dei laboratori a causa della specificità molto elevata. È urgentemente necessario un biomarker affidabile per identificare le sinucleinopatie, come l’immunoistochimica dell’α-sinucleina fosforilata cutanea. Questo test potrebbe essere sensibile e specifico. In un recente studio pubblicato sulla rivista JAMA, i ricercatori hanno valutato il tasso di positività della deposizione cutanea tra gli individui affetti da queste condizioni.

Dei 428 pazienti (277 con sinucleinopatia e 151 controlli), 343 sono stati inclusi nell’analisi primaria [età media, 70 anni; 175 (51%) uomini]; 223 soddisfacevano i criteri di consenso per la sinucleinopatia e 120 soddisfacevano il criterio come controlli dopo la valutazione del gruppo di esperti. Tra quelli con sinucleinopatia, a 96 (28%) è stata diagnosticata la malattia di Parkinson, 50 (15%) una demenza a corpi di Lewy, 55 (16%) un’atrofia multisistemica e 22 (6,4%) un’insufficienza autonomica completa. La percentuale di partecipanti con P-SYN sulla pelle era del 93% (n = 89) con malattia di Parkinson, 98% (n=54) con MSA, 96% (n=48) con demenza a corpi di Lewy e 100% (n =22) con completo fallimento autonomo; quattro controlli avevano deposizione cutanea di SYN fosforilata. Il rilevamento di P-SYN nel plesso subepidermico variava, con MSA (49%, n=27) che aveva una prevalenza maggiore rispetto alla malattia di Parkinson (3,1%, n=3), DLB (10%, n=5) o PAF (9,1% , n=2).

La neuropatia delle piccole fibre dipendente dalla lunghezza variava tra i sottotipi di sinucleinopatia. La neuropatia era prevalente nei pazienti con DLB (78%, n=39), seguiti da quelli con malattia di Parkinson (63%, n=60), PAF (46%, n=10) e MSA (22%, n=12 ). Il P-SYN complessivo per tutti i partecipanti alla ricerca corrispondeva ai risultati degli esami e ai sondaggi. La deposizione di P-SYN da parte dei partecipanti allo studio è stata associata al periodo successivo alla diagnosi di MSA, PAF e PAD. I risultati hanno dimostrato che la fosfo-sinucleina cutanea è presente in più del 92% dei partecipanti e, con biopsie cutanee, è stata ben tollerata con effetti collaterali minori. Tuttavia, ci sono stati il 21% dei casi diagnosticati erroneamente. Una diagnosi accurata è fondamentale per la consulenza al paziente e alla famiglia, per l’avvio del trattamento sintomatico e per la conduzione di studi clinici su possibili farmaci modificanti la malattia.

I neurologi raccomandano la biopsia cutanea come nuovo metodo per i problemi di movimento. Inoltre, i risultati potrebbero accelerare lo sviluppo di farmaci per le sinucleinopatie migliorando l’omogeneità dei pazienti negli studi clinici.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gibbons CH et al. JAMA 2024 Mar 20:e240792.

Siepmann T et al. Eur J Neurol. 2023; 30(5):1281.

Gibbons CH et al. Biomark Med. 2022; 16(7):499.

Wang N et al. J Histochem Cytochem. 2020; 68(10):669.

Kim JY et al. J Clin Neurol. 2019; 15(2):135–142.

Donadio V et al. J Neurop Exp Neurol. 2018; 77(10):942.

Latest

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Newsletter

Don't miss

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Insulin gets “vegetarian” in stability and delivery: accessibility for everyone is the new keyword

Insulin production has, for the last 50 or so years, come with some risks to the patient. Even so, the medication is necessary for...

Il microbiota come regolatore ed effettore della salute cardiovascolare: dai prebiotici alla regolazione delle cure farmacologiche

Le malattie renali croniche (CKD) e le malattie cardiovascolari (CVD) sono le principali cause di morte e di oneri sanitari in tutto il mondo....

Autoimmunità: gli organi non stanno a guardare senza reagire

Gli organi affetti da malattie autoimmuni potrebbero reagire "estenuando" le cellule immunitarie che causano danni usando metodi simili a quelli usati dalle cellule tumorali...

Questo si chiuderà in 20 secondi