Colite ulcerosa: la fatica cronica è il fardello che dipende da molti fattori

La fatica è una caratteristica clinica comune tra i pazienti con malattie infiammatorie croniche, inclusa la malattia infiammatoria intestinale (IBD). È stato riportato che la prevalenza dell’affaticamento è del 21–41% nei pazienti con IBD con malattia inattiva e del 70-75% nei pazienti con malattia attiva. La fatica è associata a una riduzione della qualità della vita correlata alla salute e mancano opzioni di gestione efficaci. Inoltre, la fatica è un sintomo complesso con componenti sia fisiche che mentali. L’attività della malattia, il disagio psicologico, lo stress percepito, la qualità del sonno e il genere femminile sono stati tutti correlati ad alti livelli di affaticamento, mentre i fattori importanti per l’affaticamento tra i pazienti con IBD con malattia inattiva non sono completamente compresi. Inoltre, l’anemia e la carenza di ferro sono state suggerite come importanti fattori che contribuiscono alla fatica. Tuttavia, i dati esistenti sull’associazione tra anemia e affaticamento nell’IBD sono contrastanti e studi precedenti non hanno riportato alcuna correlazione tra affaticamento e carenza di ferro nei pazienti con IBD, ma la misurazione e la definizione della carenza di ferro nei pazienti con IBD sono problematiche.

I marcatori sierologici per la carenza di ferro, come la saturazione di ferritina e transferrina, sono influenzati dall’infiammazione. Pertanto, è stato suggerito l’uso di più marcatori in combinazione per fornire la valutazione più affidabile della carenza di ferro nell’IBD. Un’attività immunitaria di basso grado potrebbe anche essere un fattore importante per l’affaticamento nell’IBD, poiché i pazienti con diverse condizioni infiammatorie croniche riportano alti livelli di affaticamento. La sindrome da affaticamento cronico è una condizione multidimensionale caratterizzata da affaticamento cronico, invalidante e vari altri sintomi somatici. La patogenesi e la fisiopatologia di questa sindrome sono sconosciute, ma le alterazioni immunitarie post-infettive sono state proposte come spiegazione plausibile. Una revisione sistematica ha riferito che il 51% dei pazienti con sindrome da stanchezza cronica ha una sindrome dell’intestino irritabile (IBS) coesistente, e l’attività immunitaria postinfettiva di basso grado è considerata un potenziale fattore che contribuisce ai sintomi nell’IBS. Tra i pazienti con IBS, la fatica è un sintomo comune, che è associato alla gravità dei sintomi gastrointestinali e al disagio psicologico.

Inoltre, i sintomi simil-IBS durante la remissione tra i pazienti con IBD sono comuni e sono stati associati a livelli più elevati di affaticamento, suggerendo possibili percorsi patofisiologici comuni. L’attività immunitaria di basso grado durante la remissione non è stata studiata in precedenza come potenziale fattore di rischio di affaticamento tra i pazienti con colite ulcerosa (CU). Un team dell’Istituto di medicina dell’Università di Göteborg ha ipotizzato che l’attività della malattia, il disagio psicologico, l’anemia e la carenza di ferro siano tutti associati alla fatica nei pazienti con CU. Attraverso appropriati questionari e analisi mediche hanno valutato questa ipotesi su quasi 300 soggetti con la malattia. I risultati hanno indicato che i pazienti con affaticamento elevato avevano un’età media inferiore e una durata più breve della malattia, e il genere femminile era più prevalente rispetto ai pazienti con affaticamento lieve / lieve. Inoltre, questi pazienti hanno riportato un benessere psicologico più scarso e una qualità della vita ridotta rispetto ai pazienti con stanchezza nulla / lieve. Inoltre, i marcatori per una maggiore attività immunitaria, la calprotectina fecale e il siero IL-17A, erano significativamente più alti tra i pazienti che presentavano affaticamento elevato.

Sono stati inclusi nell’analisi anche l’età, il genere femminile e la carenza di ferro. L’analisi di regressione logistica multivariata ha identificato i seguenti fattori di rischio indipendenti per l’alta fatica: probabile disturbo psichiatrico, carenza di ferro, malattia attiva e sesso femminile. È stata eseguita un’analisi post-hoc per confrontare i pazienti con bassi livelli di ferritina (<30 mg / L) e alti livelli di ferritina (>100 mg / L) indipendentemente dall’attività della malattia e dai livelli di CRP. Questa analisi ha mostrato che i pazienti con bassi livelli di ferritina hanno riportato livelli più elevati di affaticamento. Come osservato nella popolazione totale dello studio, il genere femminile era più comune, il grado di sofferenza psicologica era più elevato, la qualità della vita era ridotta e la carenza di ferro tendeva ad essere più diffusa tra i pazienti in remissione profonda con elevata affaticamento rispetto ai pazienti senza / lieve affaticamento. o esplorare il ruolo dell’attività immunitaria di basso grado, i livelli di marcatori infiammatori della mucosa e sistemici sono stati confrontati tra i pazienti con CU in remissione profonda con elevata affaticamento e assenza di affaticamento lieve / lieve. Tuttavia, i pazienti in remissione profonda con affaticamento elevato non presentavano livelli più alti di marker infiammatori rispetto ai pazienti con fatica nulla o lieve.

È stato riportato che il livello di affaticamento tra i pazienti con IBD è simile a quello dei pazienti con altre malattie infiammatorie croniche, come malattie reumatiche e cancro, e l’infiammazione sistemica è stato suggerito di essere un legame comune tra affaticamento, dolore e sofferenza psicologica. La maggior parte degli studi precedenti riporta livelli più elevati di affaticamento tra i pazienti con IBD femminile. In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che il genere femminile è più diffuso tra i pazienti con CU affetti da affaticamento elevato ed è stato anche identificato come un fattore di rischio indipendente per l’affaticamento elevato. Questo risultato è anche in linea con gli studi sulla sindrome da stanchezza cronica, che è più diffusa tra le donne. La carenza di ferro sembra essere importante per l’affaticamento e confermiamo che il disagio psicologico, l’attività della malattia e il genere femminile sono associati all’affaticamento elevato. Tuttavia, l’attività infiammatoria di basso grado non sembra essere la causa dell’affaticamento tra i pazienti con CU in remissione profonda. Ma data la complessità della biologia di fondo, servono altri studi per chiarire intimamente come questi fattori si intersecano o si escludono a vicenda, andando a condizionare la qualità di vita di chi è affetto da una condizione medica così invalidante.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pratt JJ, Khan KS. Eur J Haematol 2016; 96: 618–628.

Cohen BL et al. Aliment Pharm Ther 2014; 39: 811-822.

Opheim R et al. Qual Life Research 2014; 23:707–717.

Graff LA et al. Inflamm Bowel Dis 2011; 17:1882–1889.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it