HomeBIOMEDICINA & SALUTESclerosi multipla: le endorfine diventano biomarkers?

Sclerosi multipla: le endorfine diventano biomarkers?

La sclerosi multipla (SM) colpisce oltre due milioni di persone in tutto il mondo. La SM è una malattia immuno-mediata che attacca la mielina, la sostanza grassa che isola le fibre nervose e sconvolge la comunicazione tra il cervello / midollo spinale e il corpo. Il naltrexone a basse dosi (LDN) è una terapia off-label prescritta per una varietà di disturbi immuno-correlati, tra cui la SM. Il naltrexone blocca in modo intermittente i recettori oppioidi che controllano il dolore, la ricompensa e il comportamento di dipendenza, determinando eventi di biofeedback che aumentano la produzione di OGF. Sebbene la LDN influenzi positivamente i livelli di qualità di vita e di fatica nei pazienti con sclerosi multipla, il suo meccanismo d’azione nei pazienti con sclerosi multipla non è stato confermato. Un articolo pubblicato su Experimental Biology and Medicine (Volume 242, Numero 15, settembre 2017) identifica il fattore di crescita oppioide (OGF) come un nuovo biomarker per l’insorgenza e la progressione della sclerosi multipla (SM).

Lo studio, condotto dalla dott.ssa Patricia McLaughlin, docente di scienze neurali e comportamentali presso la Penn State University College of Medicine di Hershey, Pennsylvania, dimostra che i livelli di OGF (chimicamente è la [Met]-enkefalina), un’endorfina, erano diminuiti nei pazienti con SM rispetto ai non- Pazienti affetti da sclerosi multipla e pazienti con SM che ricevono terapie modificanti la malattia. Nel presente studio, la dott.ssa McLaughlin e colleghi hanno esaminato i livelli di OGF nei pazienti con sclerosi multipla e un modello animale MS. I livelli sierici di OGF erano significativamente ridotti nei pazienti con sclerosi multipla rispetto ai soggetti normali. Studi collaborativi condotti da Michael Ludwig, un dottorando in Anatomia nel laboratorio di Drs. McLaughlin e Zagon, nel modello murino di MS con encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE) hanno scoperto che la riduzione dell’OGF era prognostica dello sviluppo della malattia.

Il trattamento con LDN ha ripristinato i livelli di OGF nei topi EAE e non ha avuto alcun effetto sui livelli di OGF nei topi normali. Questi risultati insieme alla disponibilità di una tecnologia non invasiva per misurare i livelli di OGF nei pazienti, supportano l’OGF come biomarker candidato per la SM. L’identificazione dell’OGF come potenziale marker per la SM supporta la nostra ipotesi per molti anni che la segnalazione delle endorfine sia disregolata nei pazienti con SM. Gli studi clinici controllati randomizzati sul trattamento dei pazienti con SM con LDN sono garantiti, date queste nuove osservazioni, che i livelli di OGF sono carenti in questi pazienti e sono stati ripristinati dopo la terapia. Sono necessarie ulteriori ricerche sui potenziali biomarcatori associati a questo percorso al fine di stabilire una diagnosi precoce della SM e possibilmente comprendere l’eziologia della SM.

McLaughlin e il suo team hanno dedicato sforzi all’asse regolatore OGF-OGF recettore per diversi decenni, e questa scoperta seminale di disregolazione nell’espressione di OGF in pazienti con SM e modelli animali, potrebbe portare a biomarkers prognostici per questa malattia autoimmune.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ludwig MD et al. Exp Biol Med (Maywood). 2017 Sep;242(15):1524-1533.

Ludwig MD et al., McLaughlin PJ. Brain Res Bull. 2017 Sep;134:1-9. 

Hammer LA et al. Exp Biol Med (Maywood). 2016 Jan; 241(1):71-78.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI