giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Sclerosi multipla: le endorfine diventano biomarkers?

La sclerosi multipla (SM) colpisce oltre due milioni di persone in tutto il mondo. La SM è una malattia immuno-mediata che attacca la mielina, la sostanza grassa che isola le fibre nervose e sconvolge la comunicazione tra il cervello / midollo spinale e il corpo. Il naltrexone a basse dosi (LDN) è una terapia off-label prescritta per una varietà di disturbi immuno-correlati, tra cui la SM. Il naltrexone blocca in modo intermittente i recettori oppioidi che controllano il dolore, la ricompensa e il comportamento di dipendenza, determinando eventi di biofeedback che aumentano la produzione di OGF. Sebbene la LDN influenzi positivamente i livelli di qualità di vita e di fatica nei pazienti con sclerosi multipla, il suo meccanismo d’azione nei pazienti con sclerosi multipla non è stato confermato. Un articolo pubblicato su Experimental Biology and Medicine (Volume 242, Numero 15, settembre 2017) identifica il fattore di crescita oppioide (OGF) come un nuovo biomarker per l’insorgenza e la progressione della sclerosi multipla (SM).

Lo studio, condotto dalla dott.ssa Patricia McLaughlin, docente di scienze neurali e comportamentali presso la Penn State University College of Medicine di Hershey, Pennsylvania, dimostra che i livelli di OGF (chimicamente è la [Met]-enkefalina), un’endorfina, erano diminuiti nei pazienti con SM rispetto ai non- Pazienti affetti da sclerosi multipla e pazienti con SM che ricevono terapie modificanti la malattia. Nel presente studio, la dott.ssa McLaughlin e colleghi hanno esaminato i livelli di OGF nei pazienti con sclerosi multipla e un modello animale MS. I livelli sierici di OGF erano significativamente ridotti nei pazienti con sclerosi multipla rispetto ai soggetti normali. Studi collaborativi condotti da Michael Ludwig, un dottorando in Anatomia nel laboratorio di Drs. McLaughlin e Zagon, nel modello murino di MS con encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE) hanno scoperto che la riduzione dell’OGF era prognostica dello sviluppo della malattia.

Il trattamento con LDN ha ripristinato i livelli di OGF nei topi EAE e non ha avuto alcun effetto sui livelli di OGF nei topi normali. Questi risultati insieme alla disponibilità di una tecnologia non invasiva per misurare i livelli di OGF nei pazienti, supportano l’OGF come biomarker candidato per la SM. L’identificazione dell’OGF come potenziale marker per la SM supporta la nostra ipotesi per molti anni che la segnalazione delle endorfine sia disregolata nei pazienti con SM. Gli studi clinici controllati randomizzati sul trattamento dei pazienti con SM con LDN sono garantiti, date queste nuove osservazioni, che i livelli di OGF sono carenti in questi pazienti e sono stati ripristinati dopo la terapia. Sono necessarie ulteriori ricerche sui potenziali biomarcatori associati a questo percorso al fine di stabilire una diagnosi precoce della SM e possibilmente comprendere l’eziologia della SM.

McLaughlin e il suo team hanno dedicato sforzi all’asse regolatore OGF-OGF recettore per diversi decenni, e questa scoperta seminale di disregolazione nell’espressione di OGF in pazienti con SM e modelli animali, potrebbe portare a biomarkers prognostici per questa malattia autoimmune.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ludwig MD et al. Exp Biol Med (Maywood). 2017 Sep;242(15):1524-1533.

Ludwig MD et al., McLaughlin PJ. Brain Res Bull. 2017 Sep;134:1-9. 

Hammer LA et al. Exp Biol Med (Maywood). 2016 Jan; 241(1):71-78.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Disturbo bipolare: che finalmente ci sia dietro anche un gene?

Un nuovo studio dei ricercatori del Picower Institute for Learning and Memory al MIT rileva che la proteina CPG2 è significativamente meno abbondante nel...

Medicina di genere (1.1): le differenze di pressione fra uomo e donna svelate da un antiossidante

Un antiossidante, la tetrabiopterina, sembra aiutare a livellare il campo di gioco tra i maschi e le femmine in profondità all’interno dei reni –...

Bioterapia della sclerosi multipla: un integratore ricorda ai precursori nervosi come maturare di nuovo

Il fallimento di una robusta rimielinizzazione dopo la demielinizzazione infiammatoria nella sclerosi multipla porta a disabilità cronica e neurodegenerazione. La mielina isola i lunghi...

Questo si chiuderà in 20 secondi