lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Parkinson: la liquirizia come alternativa di neuroprotezione

La malattia di Parkinson (PD) è una tipica malattia degenerativa del cervello causata dalla morte dei neuroni dopaminergici nelle strutture cerebrali medie. È una malattia con un’incidenza maggiore nella popolazione di 60 anni o più, che presenta sintomi come tremore, rigidità, rallentatore e instabilità posturale. In particolare, poiché la maggior parte dei pazienti affetti da morbo di Parkinson soffre della progressiva malattia neurodegenerativa, molti ricercatori hanno iniziato a concentrarsi sulla morte cellulare, una perdita di neuroni produttori di dopamina, per trattare il PD. Per quanto riguarda il processo di morte cellulare, lo stress e i danni delle cellule in vivo attivano il PARP-1 (Poly-ADP-ribosio polimerasi-1) e inducono un accumulo eccessivo di PAR (poli-ribosio ADP) e tali attività attivano AIF, un enzima dai mitocondri che distruggie il DNA e induce la morte cellulare. Questo nuovo meccanismo di morte cellulare (Parthanatos) è stato recentemente riconosciuto come causa di malattie degenerative del cervello come il morbo di Parkinson, l’ictus, l’infarto, il diabete, ecc. E il meccanismo è stato ampiamente studiato come ricerca precedente per trattare queste malattie. Attualmente, i farmaci vengono utilizzati per alleviare i sintomi della malattia di Parkinson.

Tuttavia, non esistono farmaci approvati dal governo che possano inibire la morte delle cellule neuronali dopaminergiche. Quindi, i gruppi di ricerca hanno trovato la possibilità nella liquirizia, la medicina delle erbe. Il gruppo di ricerca del DGIST, guidato dal dott. Yun-Il Lee nel Welling Research Centre, ha identificato un nuovo meccanismo di inibizione dell’apoptosi neuronale dopaminergica e ha suggerito la possibilità di prevenire e curare il morbo di Parkinson. Il dott. Yun-Il Lee ha condotto una ricerca congiunta con il professor Joo-Ho Shin e il professor Yunjong Lee della Sungkyunkwan University School of Medicine per studiare i composti candidati per il trattamento del morbo di Parkinson. Ad esempio, i ricercatori hanno identificato il meccanismo secondo cui il cortisolo, un ormone dello stress, promuove l’attività neuronale dopaminergica inducendo l’espressione della proteina Parkin che inibisce la morte delle cellule neuronali della dopamina. In questo studio, i gruppi di ricerca hanno trovato i farmaci candidati che inducono l’espressione della proteina RNF146 coinvolta nell’inibizione della morte delle cellule neuronali, attraverso il metodo di screening di massa ad alta velocità utilizzando la libreria di materiali naturali della Fondazione Natural Medicine Bank of Korea.

Di conseguenza, lo studio ha confermato che la liquiritigenina, un polifenolo dell’estratto di liquirizia, induce l’espressione della proteina RNF146 e rimuove le proteine ​​del substrato e il legame eccessivamente accumulato con il sistema del proteasoma-ubiquitina, prevenendo la morte delle cellule neuronali della dopamina. Inoltre, i gruppi di ricerca hanno lavorato all’identificazione del meccanismo che induce l’espressione della proteina RNF146 della liquiritigenina e ha dimostrato che regola la trascrizione attraverso il legame e l’attività con i recettori degli estrogeni in modelli cellulari e animali. Di conseguenza, è stato scientificamente provato che la liquiritigenina della liquirizia, può essere utilizzata come trattamento per la malattia degenerativa di Parkinson. In precedenti ricerche, un altro polifenolo estratto dalla liquirizia, il licocalcone A, è risultato avere effetti antinfiammatori nei ratti con Parkinson indotto, attraverso un’azione diretta sulla microglia, le cellule immunitarie residenti del cervello. Considerando che molti flavonoidi della liquirizia hanno effetto estrogenico,  non viene escluso a priori che effetti estrogeno-simili possano essere responsabili degli effetti anti-infiammatori e della neuroprotezione. L’ormone femminile estradiolo, invero, è noto da lungo tempo avere questa proprietà.

Quindi sembra che la liquirizia, oltre all’effetto estrogeno e di alzare la pressione arteriosa, possa avere effetti sul corpo che necessitano ancora di essere esplorati o addirittura scoperti.

Nella scuola sempiterna di Madre Natura.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Huang B, Liu J, Ju C et al. Int J Mol Sci. 2017 Sep 22;18(10).

Zarmouh NO et al. European J Med Plants. 2016 May; 15(1).

Santoro M et al., Teismann P. Neurobiol Dis. 2016; 91:59-68.

Fujimaki T, Saiki S et al. PLoS One. 2014 Jun; 9(6):e100395.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Gli ormoni della socializzazione: le prove sulle scimmie

In un nuovo studio, gli investigatori dell'Università della Pennsylvania di Filadelfia si sono rivolti ai macachi rhesus per studiare gli effetti di due ormoni,...

Medicina rigenerativa per il rene: la possibilità che si apre capendo tutti gli stadi molecolari del danno

Come si forma il rene nell’embriogenesi? Il rene dei mammiferi, il metanefro, è il terzo paio di organi escretori a formarsi durante l'embriogenesi e l'unico...

La cannella come mezzo naturale per incentivare la perdita di grasso: un’indagine molecolare

La cannella ha diversi benefici per la salute, tra cui proprietà antinfiammatorie e regolazione del glucosio nel sangue. Diversi studi, infatti, hanno riportato che...

Questo si chiuderà in 20 secondi