Home RICERCA & SALUTE Parkinson: la liquirizia come alternativa di neuroprotezione

Parkinson: la liquirizia come alternativa di neuroprotezione

La malattia di Parkinson (PD) è una tipica malattia degenerativa del cervello causata dalla morte dei neuroni dopaminergici nelle strutture cerebrali medie. È una malattia con un’incidenza maggiore nella popolazione di 60 anni o più, che presenta sintomi come tremore, rigidità, rallentatore e instabilità posturale. In particolare, poiché la maggior parte dei pazienti affetti da morbo di Parkinson soffre della progressiva malattia neurodegenerativa, molti ricercatori hanno iniziato a concentrarsi sulla morte cellulare, una perdita di neuroni produttori di dopamina, per trattare il PD. Per quanto riguarda il processo di morte cellulare, lo stress e i danni delle cellule in vivo attivano il PARP-1 (Poly-ADP-ribosio polimerasi-1) e inducono un accumulo eccessivo di PAR (poli-ribosio ADP) e tali attività attivano AIF, un enzima dai mitocondri che distruggie il DNA e induce la morte cellulare. Questo nuovo meccanismo di morte cellulare (Parthanatos) è stato recentemente riconosciuto come causa di malattie degenerative del cervello come il morbo di Parkinson, l’ictus, l’infarto, il diabete, ecc. E il meccanismo è stato ampiamente studiato come ricerca precedente per trattare queste malattie. Attualmente, i farmaci vengono utilizzati per alleviare i sintomi della malattia di Parkinson.

Tuttavia, non esistono farmaci approvati dal governo che possano inibire la morte delle cellule neuronali dopaminergiche. Quindi, i gruppi di ricerca hanno trovato la possibilità nella liquirizia, la medicina delle erbe. Il gruppo di ricerca del DGIST, guidato dal dott. Yun-Il Lee nel Welling Research Centre, ha identificato un nuovo meccanismo di inibizione dell’apoptosi neuronale dopaminergica e ha suggerito la possibilità di prevenire e curare il morbo di Parkinson. Il dott. Yun-Il Lee ha condotto una ricerca congiunta con il professor Joo-Ho Shin e il professor Yunjong Lee della Sungkyunkwan University School of Medicine per studiare i composti candidati per il trattamento del morbo di Parkinson. Ad esempio, i ricercatori hanno identificato il meccanismo secondo cui il cortisolo, un ormone dello stress, promuove l’attività neuronale dopaminergica inducendo l’espressione della proteina Parkin che inibisce la morte delle cellule neuronali della dopamina. In questo studio, i gruppi di ricerca hanno trovato i farmaci candidati che inducono l’espressione della proteina RNF146 coinvolta nell’inibizione della morte delle cellule neuronali, attraverso il metodo di screening di massa ad alta velocità utilizzando la libreria di materiali naturali della Fondazione Natural Medicine Bank of Korea.

Di conseguenza, lo studio ha confermato che la liquiritigenina, un polifenolo dell’estratto di liquirizia, induce l’espressione della proteina RNF146 e rimuove le proteine ​​del substrato e il legame eccessivamente accumulato con il sistema del proteasoma-ubiquitina, prevenendo la morte delle cellule neuronali della dopamina. Inoltre, i gruppi di ricerca hanno lavorato all’identificazione del meccanismo che induce l’espressione della proteina RNF146 della liquiritigenina e ha dimostrato che regola la trascrizione attraverso il legame e l’attività con i recettori degli estrogeni in modelli cellulari e animali. Di conseguenza, è stato scientificamente provato che la liquiritigenina della liquirizia, può essere utilizzata come trattamento per la malattia degenerativa di Parkinson. In precedenti ricerche, un altro polifenolo estratto dalla liquirizia, il licocalcone A, è risultato avere effetti antinfiammatori nei ratti con Parkinson indotto, attraverso un’azione diretta sulla microglia, le cellule immunitarie residenti del cervello. Considerando che molti flavonoidi della liquirizia hanno effetto estrogenico,  non viene escluso a priori che effetti estrogeno-simili possano essere responsabili degli effetti anti-infiammatori e della neuroprotezione. L’ormone femminile estradiolo, invero, è noto da lungo tempo avere questa proprietà.

Quindi sembra che la liquirizia, oltre all’effetto estrogeno e di alzare la pressione arteriosa, possa avere effetti sul corpo che necessitano ancora di essere esplorati o addirittura scoperti.

Nella scuola sempiterna di Madre Natura.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Huang B, Liu J, Ju C et al. Int J Mol Sci. 2017 Sep 22;18(10).

Zarmouh NO et al. European J Med Plants. 2016 May; 15(1).

Santoro M et al., Teismann P. Neurobiol Dis. 2016; 91:59-68.

Fujimaki T, Saiki S et al. PLoS One. 2014 Jun; 9(6):e100395.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI