mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Sonno: regolatore del peso dall’interno e dall’esterno

Gli scienziati del King’s College di Londra hanno recentemente condotto uno studio pilota per studiare il sonno e la dieta. Le loro scoperte potrebbero essere buone notizie per quelli di noi che si sentono stanchi e paffuti al momento. Il sonno è una strana bestia. La maggior parte di noi sa che ci sentiamo male se non ne abbiamo abbastanza, ma quasi nessuno di noi gestisce le 7 ore raccomandate di cui abbiamo bisogno. In realtà, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), 1 su 3 americani non ha la giusta quantità di occhi chiusi. Questa è una statistica piuttosto preoccupante, poiché il sonno – o la sua mancanza – è ora considerato un fattore di rischio per l’obesità, la ridotta tolleranza al glucosio e l’ipertensione. Se la mancanza di sonno può avere un impatto così importante, sembra ragionevole cercare modi per estendere il sonno in individui che potrebbero essere a rischio.

Il Dr. Wendy Hall, del Dipartimento di Scienze Nutrizionali del King’s College di Londra, e il team hanno recentemente completato uno studio pilota in cui hanno testato se un semplice intervento potrebbe aumentare la durata del sonno in un gruppo di adulti. I loro risultati sono pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition. Complessivamente, 21 persone in buona salute hanno effettuato una consultazione del sonno di 45 minuti. Durante questa sessione, al gruppo di estensione del sonno sono stati forniti almeno quattro suggerimenti utili per allungare il loro tempo di sonno, comprese le informazioni sulla riduzione dell’assunzione di caffeina, o rilassarsi con un bagno caldo. Nei successivi 7 giorni, i partecipanti hanno tenuto i diari del sonno. Indossavano anche un sensore di movimento in grado di rilevare esattamente quanto tempo i partecipanti dormivano e quanto tempo trascorrevano a letto prima di addormentarsi.

Accanto agli sforzi dei ricercatori per estendere la durata del sonno, hanno anche monitorato l’apporto nutrizionale durante tutto il periodo di studio. Complessivamente, l’86% del gruppo di estensione del sonno ha aumentato il tempo trascorso a letto e circa la metà ha aumentato la durata del sonno (di 52-90 minuti). Tre membri del gruppo hanno raggiunto la media settimanale raccomandata di 7-9 ore di sonno per notte. Tuttavia, i ricercatori ritengono che il sonno extra ottenuto dai partecipanti non avrebbe potuto essere di una qualità particolarmente elevata. Concludono che potrebbe volerci un po ‘più di tempo per entrare in una nuova routine del sonno. “Il fatto che estendere il sonno ha portato ad una riduzione dell’assunzione di zuccheri liberi, con cui intendiamo gli zuccheri che vengono aggiunti agli alimenti dai produttori o in cucina a casa così come gli zuccheri nel miele, sciroppi e succo di frutta, suggerisce che un semplice cambiamento nello stile di vita può davvero aiutare le persone a consumare diete più sane”.

Ma prima che tutti noi interpretiamo questi risultati con entusiasmo, è importante notare che questo è solo uno studio pilota. Ha coinvolto 21 persone, solo 18 delle quali hanno prolungato il loro tempo a letto, e ci sono voluti poco più di 1 settimana per completare. Detto questo, poiché il sonno è un noto fattore di rischio per molte malattie, è importante costruire su queste basi limitate. Ulteriori ricerche devono identificare se è possibile apportare modifiche significative alle abitudini del sonno in questo modo. Lo studio, è vero, dimostra che le abitudini del sonno possono essere cambiate con relativa facilità negli adulti sani utilizzando un approccio personalizzato, e che anche aumentare il tempo a letto per un’ora o più può portare a scegliere un cibo più sano. Ciò rafforza ulteriormente il legame tra il sonno breve e diete di qualità inferiore, che è già stato osservato da studi precedenti.

La ragione dei mutamenti metabolici, però, potrebbe essere trovata in uno studio precedente condotto da Christian Benedict del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Uppsala in Svezia – alcuni studi su topi e umani hanno suggerito che i batteri intestinali hanno un ritmo circadiano che potrebbe essere interrotto dalla perdita di sonno. Tuttavia, ad oggi, non ci sono studi che hanno studiato l’impatto del sonno insufficiente sulla composizione del microbiota intestinale umano. Mancano quindi studi che valutano se importanti cambiamenti metabolici avversi che possono aumentare il rischio di diabete mellito di tipo 2 e l’obesità, come la ridotta sensibilità all’insulina, siano associati a cambiamenti nel microbiota intestinale come risultato di ricorrenti perdite di sonno.

Per saperne di più sul legame tra la perdita di sonno, il microbiota intestinale e i cambiamenti metabolici, Benedict e il team hanno reclutato nove maschi sani e normopeso. I ricercatori hanno analizzato i campioni fecali degli uomini dopo due condizioni di sonno: 1 giorno di sonno normale (circa 8 ore) e 2 giorni di sonno limitato (circa 4 ore ogni notte). I tempi di pasto e l’assunzione di cibo possono influenzare la composizione dei batteri intestinali, quindi questi sono stati mantenuti coerenti in entrambe le condizioni di sonno. Mentre la squadra non ha trovato prove che la perdita di sonno alterasse la diversità dei batteri intestinali, la loro analisi ha identificato i cambiamenti nel microbiota – come un aumento del rapporto tra Firmicutes e Bacteriodetes – che studi precedenti hanno associato all’obesità. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che a seguito della restrizione del sonno, i soggetti hanno mostrato una riduzione del 20% della sensibilità all’insulina. “Questa diminuzione della sensibilità all’insulina non era tuttavia correlata alle alterazioni del microbiota intestinale in seguito alla perdita di sonno”, afferma Benedict.

Questo suggerisce che i cambiamenti nel microbiota potrebbero non rappresentare, almeno a breve termine, un meccanismo centrale attraverso il quale una o più notti di sonno accorciato riducono la sensibilità all’insulina negli esseri umani. Mentre questi risultati suggeriscono che la perdita di sonno può innescare cambiamenti nei batteri intestinali, i ricercatori dicono che faranno ulteriori indagini per capire meglio se questi cambiamenti influenzano la salute metabolica. E aggiungono che data la ristrettezza del campione che coinvolge solo giovani uomini sani, sono necessari studi più ampi e più a lungo termine per indagare in che misura questi risultati persistono per periodi di tempo più lunghi e se questi sono osservati anche nelle donne o negli anziani. Tuttavia, questo studio è il primo a fornire prove per cambiamenti  del microbiota indotti dalla privazione del sonno, che sono stati collegati a disturbi metabolici.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Letteratura scientifica

Anderson JR et al. J. Sleep Med. 2017 Oct; 38:104-107.

Parekh PJ  et al. Clin Gastroenterol. 2018 Mar; 52(3):204-209. 

Thompson RS et al. Front Behav Neurosci. 2017 Jan 10; 10:240.

Benedict C et al. Mol Metab. 2016 Oct 24; 5(12):1175-1186.

Poroyko VA et al. Sci Rep. 2016 Oct 14; 6:35405.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Come fa lo stress cronico a far spuntare la colite? I risultati di un lavoro ultraspecialistico

Lo stress psicologico influisce profondamente sulle risposte infiammatorie. L'impatto dello stress psicologico sulla gravità della malattia è particolarmente notevole nella malattia infiammatoria intestinale (IBD)....

Disfunzione erettile: il banco degli imputati che tramano alle spalle

La disfunzione erettile (DER) è definita come difficoltà persistente nel raggiungere e mantenere un'erezione sufficiente per fare sesso. Si ritiene che un uomo abbia...

Depressione e terapia artistica: uno studio svedese

Crea una foto di come ti senti in questo particolare giorno, ha detto il primo esercizio nella terapia artistica. Dopo dieci trattamenti i pazienti...

Questo si chiuderà in 20 secondi