HomePSICHE & SALUTEDepressione e terapia artistica: uno studio svedese

Depressione e terapia artistica: uno studio svedese

Crea una foto di come ti senti in questo particolare giorno, ha detto il primo esercizio nella terapia artistica. Dopo dieci trattamenti i pazienti che hanno sofferto di depressione grave o moderatamente grave, hanno mostrato un miglioramento maggiore rispetto ai pazienti normali, mostrano ricerche all’Accademia Sahlgrenska. “La conclusione è che è stata la terapia artistica a facilitare il loro miglioramento”, afferma Christina Blomdahl, PhD presso l’Istituto di Scienze della Salute e della cura, terapista occupazionale abilitato e arteterapeuta. “Hanno seguito il manuale che avevo creato per garantire che fosse scientifico, ma anche se a tutti è stato dato lo stesso tema da seguire, i pazienti hanno risposto in modo molto diverso agli esercizi: i materiali erano semplici, permettendo alle persone di sentirsi liberi di esprimersi nel modo in cui volevano, e quindi avrebbero parlato del quadro e del suo significato per il partecipante”. 

Come parte della sua tesi, ha permesso a 43 pazienti con depressione grave o moderatamente grave di sottoporsi a una terapia artistica basata sul manuale che lei stessa ha sviluppato. Il gruppo di controllo era composto da 36 persone che soffrivano tutte della stessa condizione medica. Parallelamente a questo, a tutti i partecipanti sono state assegnate diverse combinazioni di farmaci, terapia comportamentale cognitiva, terapia psicodinamica e terapia fisica. La maggior parte dei partecipanti erano così colpiti dalla loro depressione che non erano in grado di lavorare. La terapia artistica individuale ha avuto luogo in psichiatria o cure primarie ed è stata condotta da un terapeuta appositamente formato.

Ogni sessione è iniziata con un breve briefing e un esercizio di rilassamento. Ansia, sonno, capacità di prendere iniziativa e coinvolgimento emotivo sono alcuni dei fattori valutati. Dopo di ciò sono stati i pastelli, i colori ad acqua e la creazione che erano all’ordine del giorno, tutti basati su una configurazione predeterminata. Dopo dieci ore di sessioni di trattamento i pazienti erano migliorati in media di quasi cinque passi su una scala di valutazione utilizzata per la depressione. Un grande salto che comporta un cambiamento considerevole nella vita di tutti i giorni, e talvolta può anche significare che un paziente è in grado di tornare al lavoro. Nel gruppo di controllo che non aveva subito la terapia artistica non vi era alcun cambiamento definitivo. 

Ma anche coloro che non hanno sperimentato alcun beneficio diretto dal trattamento ha mostrato miglioramenti, dipingere quadri basati su temi e discutere le immagini con il terapeuta promuove l’autoriflessione e la stimolazione cerebrale che avviene al di fuori della mente conscia. La dottoressa Blomdahl ha condotto due anni fa un esperimento pilota che ha coinvolto 18 terapisti qualificati sulla terapia occupazionale. Gli esperti hanno risposto a tre round di questionari Delphi e hanno valutato il loro accordo con 74 asserzioni. Il consenso è stato definito pari al 70% o superiore. I principali aspetti della terapia artistica sono stati concordati per essere l’opportunità dei pazienti di esprimersi verbalmente e attraverso l’arte. Era ugualmente importante che le attività artistiche offrissero un’opportunità per affrontare pensieri depressivi, sentimenti, esperienze di vita e sintomi fisici.

La Dr.ssa Blomdahl commenta e conclude: “Il punto focale era che le persone si sentivano come se si incontrassero da sole, che l’immagine serviva da specchio dove si potevano vedere e fare nuove scoperte su di te, un po’ come prendere vita. Anche coloro che non hanno sperimentato alcun beneficio diretto dal trattamento ha mostrato miglioramenti, dipingere quadri basati su temi e discutere le immagini con il terapeuta promuove l’autoriflessione e la stimolazione cerebrale che avviene al di fuori della mente conscia. In base ai requisiti delle prove è stato più o meno scartato dalla psichiatria, ma questo è uno dei più grandi studi condotti in questo settore ed è un passo che può portare a più terapisti che vengano addestrati in un metodo che possa essere usato di nuovo”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche
Blomdahl C et al. Psychiatr Rehabil J. 2018 May 14.
Jang SH et al. J Korean Med Sci. 2018; 33(12):e88.
Ciasca EC et al. Rev Bras Psiquiatr. 2018; 40(3):256.
Blomdahl C et al. J Ment Health. 2016; 25(6):527-535.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI