Malattia infiammatoria intestinale: novità da genetica e biomedicina

Malattia infiammatoria intestinale: novità da genetica e biomedicina

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) comprende due grosse patologie chiamate morbo di Crohn e retto-colite ulcerosa. Almeno 1,2 milioni di persone negli Stati Uniti ne sono affette, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). In Europa le stime sono intorno ai 2,4 milioni ed In Italia la prevalenza è di circa 200 persone su 100.000 abitanti, con il tasso maggiore in Piemonte. La condizione può essere debilitante, in quanto il sistema immunitario del corpo non riconosce parti del suo tratto digestivo e li attacca. Non è attualmente noto quali cause IBD, anche se sono stati studiati lo stile di vita, fattori infettivi, il tabagismo, alcuni traumi emotivi e componenti genetiche. Ma una nuova ricerca ci avvicina alla comprensione di questa malattia, come rivelano i ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute di Hinxton, Inghilterra, in collaborazione con scienziati del Broad Institute della MIT e della Harvard University, sia a Cambridge, MA, sia presso l’Istituto GIGA dell’Università di Liegi in Belgio, I risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature e il primo autore dello studio è il Dr. Hailiang Huang, del Massachusetts General Hospital e del Broad Institute del MIT.

Il Dr. Huang e colleghi hanno eseguito uno studio di associazione genome-wide (GWAS) di una coorte di ben 67.852 persone. Un GWAS è un metodo che analizza rapidamente i markers attraverso intere serie di DNA, o genomi, di un gran numero di persone al fine di trovare associazioni genetiche con una particolare malattia. Come gli autori del nuovo rapporto di studio, studi precedenti hanno trovato 200 loci genetici associati morbo di Crohn, ma non era chiaro con precisione quali varianti fossero coinvolte nella malattia. Nella nuova ricerca, il Dr. Huang e il team hanno usato la “genotipizzazione ad alta densità” e applicato tre analisi statistiche. Di conseguenza, hanno trovato 94 posizioni genetiche. Di questi, il team ha identificato altre 18 posizioni che potrebbero associare a una singola variante genetica, con un grado di certezza di oltre il 95%. In aggiunta, hanno trovato 27 associazioni a una singola variante genetica con una precisione superiore al 50%. Questa procedura di “mappatura fine” ha permesso ai ricercatori di vedere quali geni sono coinvolti nella condizione e quali no, separando queste varianti genetiche da altre  che erano localizzate da vicino nel genoma.

In un altro articolo, i ricercatori descrivono come hanno trovato una rara variante di un gene chiamato ADCY7, che raddoppia il rischio di sviluppare retto-colite ulcerosa (RCU). Per risolvere ulteriormente l’architettura genetica delle malattie infiammatorie dell’intestino e della colite ulcerosa e del morbo di Crohn, è stato sequenziato l’intero genoma di 4.280 pazienti a bassa copertura e confrontato con 3.652 controlli di soggetti precedentemente sequenziati su più di 73 milioni di varianti. Sono state quindi paragonate coorti di studio di GWAS e pre-esistenti e testate per associazione a ~ 12 milioni di varianti in un totale di 16.432 casi e 18.843 controlli. Fra il marasma di sequenze, un variante di missenso di frequenza dello 0,6% nel gene ADCY7 raddoppiava il rischio di colite ulcerosa. La variante, che viene trasportata da 1 persona su 200 nel Regno Unito, è uno dei più forti fattori di rischio per la colite ulcerosa scoperta finora. I ricercatori hanno identificato altri 25 nuovi collegamenti genetici con il rischio di RCU, alcuni dei quali potrebbero essere bersagli di una classe di farmaci che sta già mostrando risultati nel trattamento dell’IBD.

E le novità per queste malattie ci sono anche dal punto di vista alimentare. Ci sono sempre maggiori associazioni fra il consumo di glutine e la possibilità di comparsa di IBD. La sensibilità al glutine compare in una buona fetta di persone che sono afflitte dalla malattia infiammatoria intestinale, come evidenzia uno studio pubblicato lo scorso Dicembre. Su 102 pazienti in totale (55 con morbo di Crohn, 46 con retto-colite ulcerosa e 3 con IBD-non classificate), la sensibilità al glutine è stata riportata rispettivamente nel 23,6 e nel 27,3% dei pazienti con Crohn e colite ulcerosa, cioè in media un quarto. Un gruppo di ricerca in Italia ha valutato che una dieta gluten-free potrebbe essere più indicata per i pazienti con morbo di Crohn che retto-colite ulcerosa Da cui la ragione del consiglio da parte dei gastroenterologi di limitare il consumo di pane e pasta, fra coloro che sono affetti dal problema. Adesso questa raccomandazione trova un fondamento più razionale, non legato semplicemente al potenziale antigenico del glutine come ritenuto in passato.

Negli ultimi anni, sono stati fatti molti tentativi per modificare la flora con i probiotici ed è stato riportato che alcuni batteri dell’intestino probiotico prevengono e / o abrogano l’IBD. Esistono alcuni criteri per i batteri probiotici, tra cui l’origine umana, la stabilità dell’acido e della bile, l’aderenza alle cellule intestinali, la persistenza per qualche tempo nell’intestino e, cosa più importante, la capacità di modulare la risposta immunitaria. L’attività probiotica è stata associata principalmente a lattobacilli, bifidobatteri e lieviti come il Saccharomyces boulardii. Le prove cliniche più forti, ottenute fra il 2000 ed il 2008 suggeriscono che i probiotici possono migliorare le condizioni di salute in pazienti con colite ulcerosa, Crohn o colite microscopica (pouchite) [69-72]. Non sono stati però pubblicati dei trials clinici controllati e su vaste coorti. Nel complesso, i dati della letteratura indicano che i probiotici mostrano una grande promessa nell’abbattimento della IBD, ma l’attuale consenso garantisce un gran numero di studi clinici controllati prima che la malattia infiammatoria intestinale possa beneficiare dei probiotici come trattamento medico di routine.

Considerato che la malattia infiammatoria intestinale è associata a squilibrio del microbiota intestinale, è consigliabile seguire comunque una dieta a base di alimenti non elaborati o raffinati. Alle fibre grezze vegetali, sconsigliate per l’effetto irritante sulle mucose intestinali, si dovrebbero preferire fibre solubili, che è possibile trovare in vegetali come carciofi, cicoria, cipolla, aglio, porri, segale, asparagi e frutta, come le banane. Queste fibre solubili sono chiamate pre-biotici e sono un nutrimento specifico per i probiotici, ovvero i batteri “buoni” del nostro intestino, mentre non sono digeriti o assorbiti dalle nostre cellule. Se si ha intenzione di assumere probiotici, la scelta non è scoraggiata poiché i fermenti lattici hanno una generale azione anti-infiammatoria sull’intestino e, anche se senza specificità, potrebbero giovare alla salute in generale. Alleviando l’infiammazione sulla mucosa intestinale, inoltre, favoriscono un migliore assorbimento di tanti nutrienti che i pazienti con IBD assorbono male, come vitamine, molti minerali e anche certi amminoacidi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica

Letteratura selezionata

Zhang Y et al. International IBD Genetics Consortium. Eur J Hum Genet. 2017 Dec 4. 

Marigorta UM et al. Nat Genet. 2017 Oct; 49(10):1517-1521.

Yan J et al. J Clin Invest. 2017 Jun 1; 127(6):2192-2205.

Di Narzo AF et al. PLoS Genet. 2017; 13(1):e1006565. 

Brant SR et al. Gastroenterology. 2017;152(1):206-217.

Barbalho SM et al. Crit Rev Food Sci Nutr. 2017 Dec 13:1-10.

Limketkai BN et al. Scand J Gastroenterol. 2017 Dec 7:1-5.

Scaioli E et al. Int J Mol Sci. 2017 Dec 5; 18(12).

Pronio A et al. Inflamm Bowel Dis. 2008;14:662–668.

Soo I et al. Can J Gastroenterol. 2008;22:237–242.

Guslandi M et al. Dig Dis Sci. 2000;45:1462–1464.

Hart AL et al. Gut. 2004; 53:1602–1609.

Mimura T et al. Gut. 2004; 53:108–114.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 826 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.