venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Malattia coronarica: presto una diagnosi anche dal sangue

Un test basato sui risultati delle analisi del sangue, sarebbe utile per diagnosticare la malattia ostruttiva delle coronarie nei pazienti anziani. A metterlo a punto è stato un team di ricercatori della David Geffen School of Medicine dell’Università della California. Il metodo, elaborato dal dottor Joseph Ladapo, prende in considerazione anche un punteggio che valuta età, sesso ed espressione genica (ASGES – age, sex and gene expression score), ed è stato riportato sul Journal of the American Geriatrics Society. Solitamente, per valutare un disturbo alle coronarie, ci si sottopone un test di stress cardiaco (test da sforzo), ma la diagnosi può anche risultare errata. Ebbene, per questi pazienti diagnosticati in modo sbagliato il rischio di andare incontro a infarto e morte sembra maggiore della media.

Ladapo e colleghi hanno analizzato i dati di un sottogruppo di pazienti inclusi nel registro PRESET, uno studio osservazionale che ha preso in considerazione pazienti asintomatici visitati in 21 centri americani tra il 2012 e il 2014. In totale, dei 566 pazienti visitati a livello ambulatoriale con sintomi che indicavano la possibilità che ci fosse una malattia coronarica ostruttiva, 176 erano ultra-sessantacinquenni e sono stati tenuti sotto controllo per un anno. I ricercatori hanno raccolto informazioni su caratteristiche demografiche, cliniche, risultati del test ASGES, test cardiaci avanzati ed eventi avversi cardiaci importanti. Dai risultati sarebbe emerso che il punteggio ASGES medio era di 25 e il 23% dei partecipanti aveva un punteggio pari a 15 o più basso.

I ricercatori avrebbero quindi inviato il 12,5% dei pazienti con punteggi bassi e il 49,3% con punteggi più alti, ai test cardiologici avanzati. L’analisi del punteggio ASGES avrebbe mostrato che il tasso di invii al consulto cardiologico sarebbe aumentato in modo proporzionale con il punteggio. Per ogni aumento di cinque punti dell’ASGES, ci sarebbe stato un aumento di 1,4 punti nel tasso di invio dei pazienti. Infine, a un anno, l’incidenza di eventi cardiologici gravi sarebbe stata del 10% nel gruppo a punteggio alto e nulla in quello a punteggio basso. Il principale problema legato a questo studio, però, sarebbe però dovuto alla mancanza di un gruppo di controllo, come sottolineato da diversi cardiologi.

Il dottor Ladapo si esprime così: “Lo studio dimostra che il test messo a punto dai ricercatori può essere usato in modo sicuro ed efficace nei pazienti più anziani”. Pima di fare un test di stress cardiaco convenzionale, i colleghi cardiologi dovrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di questo test quando visitano un paziente con dolore toracico o sintomi simili”. Il dottor Daniel Edmundowicz, primario della Cardiologia al Temple University Hospital di Philadelphia, commenta: “Non è chiaro che valore apporti questo punteggio agli attuali sistemi di valutazione. È risaputo che l’età avanzata e il sesso maschile sono fattori di rischio per la malattia coronarica, dunque non sembra ci sia un vantaggio nell’uso di questo punteggio, rispetto a una buona pratica clinica che valuta accuratamente la storia del paziente e gli esami obiettivi. Credo che ci sia bisogno di molti più dati per valutare meglio il reale beneficio di questo mezzo diagnostico”.

In attesa del verdetto, si riguardi la propria salute con ciò che si conosce.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

I termo-linfociti: la prossima generazione di soldati anti-cancro

Gli scienziati hanno ideato un metodo di controllo a distanza che un giorno potrebbe essere utilizzato per far sì che il sistema immunitario monti...

Morbo di Crohn: i batteri intervengono ma anche i geni

L'artrite reumatoide (AR) è una malattia infiammatoria che colpisce più di 1 milione di adulti negli Stati Uniti, la maggior parte dei quali sono donne....

Diabete tipo 1: non tutte le cellule beta sono morte dall’inizio

Si stima che negli Stati Uniti, 1.250.000 persone siano affetti da diabete tipo 1, fra adulti e bambini. Come sanno tutti, la condizione è...