Home RICERCA & SALUTE Il fuoco divampa dall'infezione? C'è il farmaco che chiude il canale

Il fuoco divampa dall’infezione? C’è il farmaco che chiude il canale

Una nuova scoperta sul sistema immunitario può consentire ai medici di trattare l’infiammazione dannosa che danneggia il cervello nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Potrebbe anche consentire ai medici di salvare i pazienti dall’infiammazione potenzialmente mortale della sepsi, Questa infezione completa uccide ogni anno un quarto di milione di americani. I trattamenti tradizionali per l’infiammazione neurologica, come l’Alzheimer e il morbo di Parkinson, sono in gran parte inefficaci perché i farmaci biologici sono bloccati dalla cosiddetta barriera emato-encefalica. Quella barriera protegge il cervello da pericoli come batteri o tossine nel sangue, ma rende anche molto difficile ottenere farmaci nel cervello. Il ricercatore capo Bimal Desai, PhD, della Facoltà di Medicina dell’Università della Virginia, Dipartimento di Farmacologia, spiega: “Il risultato apre una nuova area di ricerca per esaminare la neuroinfiammazione nel contesto dell’Alzheimer e del Parkinson. Ma l’impatto clinico sarà in molte, molte aree diverse. Molti dei farmaci che usiamo in questo momento per trattare l’infiammazione, noti come biologici, non funzionano nel cervello perché non riescono a passare “.

I recettori Toll-like (TLR) rilevano i pattern molecolari associati ai patogeni per attivare la produzione di mediatori dell’infiammazione. TLR4 riconosce il lipopolisaccaride batterico (LPS) e guida la secrezione di citochine infiammatorie, spesso contribuendo alla sepsi. LPS ha innescato l’aumento del Ca2 + dipendente dal TRPM7 essenziale per l’endocitosi del TLR4 e la successiva attivazione del fattore di trascrizione IRF3. In un percorso parallelo, la segnalazione di ioni Ca2+ iniziata da TRPM7 è anche essenziale per la traslocazione nucleare di NFκB. Di conseguenza, i macrofagi con carenza di TRPM7 hanno mostrato deficit maggiori nei loro programmi di trascrizione in quanto non sono riusciti a produrre IL-1β e altre citochine proinfiammatorie chiave. La sua nuova scoperta, che coinvolge importanti cellule immunitarie conosciute come macrofagi (e microglia), potrebbe offrire un modo per aggirarlo. Lui e il suo team hanno identificato un interruttore elettrico specifico, noto come un canale ionico, all’interno dei macrofagi che controlla il flusso di calcio nelle cellule. Senza calcio, le cellule non possono causare infiammazioni.

Puntando questo interruttore con minuscole molecole, i ricercatori potrebbero negare il calcio dei macrofagi e prevenire l’infiammazione, anche nel cervello. Ciò potrebbe consentire ai ricercatori di sviluppare un modo nuovo e migliore per fermare l’infiammazione. Desai ha osservato che le case farmaceutiche sono già al lavoro con farmaci che potrebbero essere indirizzati a questo tipo di switch. E questa potrebbe essere una buona notizia per i pazienti con molte malattie infiammatorie. “In questo momento, hai condizioni come l’artrite o la malattia infiammatoria intestinale (IBD), in cui l’infiammazione gioca un ruolo enorme. Hanno farmaci molto buoni per loro, ma questi farmaci sono estremamente costosi e possono essere presi per via orale dai pazienti. costano fino a $ 20.000 all’anno”, ha detto. “La ragione è che sono biologici, sono molecole proteiche che sono molto difficili da produrre e distribuire, ma aver identificato un canale ionico come bersaglio in questo contesto ti permette di usare piccole molecole, che sono ridicolmente economiche rispetto a ai biologici e può essere assunto per via orale dai pazienti”.

Questione di punti di vista, ma la salute dei pazienti viene al primo posto.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Schappe MS et al., Desai BN. Immunity. 2018 Jan 16; 48(1):59-74.

Desai BN et al., Clapham DE. Dev Cell. 2012 Jun 12; 22(6):1149-62.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI