giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sclerosi multipla: e se i funghi fossero responsabili?

La sclerosi multipla (SM) è la causa più comune di disabilità neurologica non traumatica nei giovani adulti. È un disturbo infiammatorio caratterizzato da assoni nervosi nel sistema nervoso centrale che perdono la loro guaina mielinica. I fattori di rischio meglio definiti della SM sono la sieropositività del virus Epstein-Barr (EBV), i principali alleli HLA-DRB1*15 complessi di istocompatibilità di classe II, il tabagismo, la carenza di vitamina D e il sesso femminile. La SM è considerata una malattia autoimmune in cui il ruolo delle infezioni è attivamente discusso, anche se la prova dell’autoimmunità è attualmente carente. Numerosi agenti infettivi sono sospettati di scatenare la SM, e prove emergenti suggeriscono collegamenti tra la SM e il microbiota intestinale. Sebbene la maggior parte degli studi si concentri sui batteri, i funghi possono anche svolgere un ruolo importante. Recentemente sono stati trovati molti collegamenti tra funghi e malattie che coinvolgono l’infiammazione idiopatica: ad esempio, la candidosi intestinale è associata alla psoriasi e alla malattia di Crohn. Gli anticorpi contro i funghi sono un fattore di rischio per la psoriasi e i farmaci antimicotici migliorano i sintomi. Gli anticorpi contro le manno-proteine ​​fungine, inoltre, sono un fattore di rischio di spondilite anchilosante, lupus eritematoso sistemico, sarcoidosi e malattia di Crohn.

Le mannoproteine ​​sono una componente base delle pareti delle cellule fungine, composte da polimeri di mannosio ramificati legati alle proteine. Rispetto alle pareti cellulari dei batteri Gram-negativi o del Saccharomyces cerevisiae (il lievito di birra), le mannoproteine ​​di C. albicans inducono una forte produzione di IL-17. IL-17 è una citochina prodotta da linfociti T (in particolare cellule Th17) e cellule del sistema immunitario innate, in risposta a infezioni batteriche e fungine intracellulari ed extracellulari. Ad esempio, le infezioni croniche da Helicobacter pylori dello stomaco inducono la produzione di IL-17. Difetti genetici nella via IL-17 inibiscono la clearance di infezioni fungine come C. albicans. IL-17 è anche elevata in molte malattie infiammatorie idiopatiche che non hanno conosciuto eziologie infettive, come la psoriasi, il lupus eritematoso sistemico, la malattia di Chron, la stessa SM e la spondilite anchilosante. Quindi la IL-17 sembra giocare un ruolo nell’infiammazione cronica in cui mancano gli stimoli infettivi.

Le specie di Candida sono il fungo più comune sulle superfici mucose umane, tipicamente colonizzando l’ospite in modo asintomatico. Quasi la metà degli adulti ha la Candida in bocca o nell’intestino e la maggior parte delle donne ha avuto un’esposizione genitale. Sebbene l’ipotesi di candidosi che raggiungono il sistema nervoso centrale e causi direttamente la sclerosi multipla sussista, è improbabile che ciò sia passato inosservato. Gli anticorpi anti-candida indicano che una precedente infezione fungina produceva linfociti B di memoria che riconoscono epitopi fungini. Le cellule B di memoria che riconoscono sia un epitopo fungino che un epitopo nel SNC, potrebbero spiegare il legame tra gli anticorpi anti-candida e il rischio di SM. Inoltre, il rischio elevato di sclerosi multipla delle donne potrebbe essere spiegato da titoli anticorpali più elevati contro la C. albicans misurati in donne sane rispetto agli uomini, il che suggerisce una maggiore probabilità di infezioni fungine nelle donne, forse a causa dell’esposizione genitale.

La sclerosi multipla è rara nei bambini, seguita da un improvviso aumento del rischio nell’adolescenza. Quasi tutti i tipi di infezioni (tra cui EBV e funghi) sono molto comuni nei bambini, eccetto le infezioni trasmesse sessualmente (STIs). Non sono noti fattori di rischio per la SM che spiegano la bassa incidenza di SM nei bambini. Mentre la Candida è molto comune nei bambini, le infezioni vaginali da Candida sono rare nelle ragazze. La distribuzione dell’età al primo episodio di candidosi vulvo-vaginale e l’insorgenza di SM corrispondono bene. Forse l’esposizione genitale alle specie Candida può preparare il terreno alla SM. Le donne adulte hanno titoli anticorpali più elevati nei confronti di Candida rispetto agli uomini, per i quali la candidosi vulvo-vaginale è la spiegazione più semplice. Questa differenza può contribuire al maggiore rischio di SM delle donne rispetto agli uomini. Poiché gli anticorpi anti-candida sono comuni nei bambini, le risposte immunitarie umorali alle infezioni genitali da Candida non possono spiegare direttamente l’incidenza molto bassa della SM nei bambini.

Diversi farmaci antifungini hanno dimostrato di migliorare i sintomi della psoriasi: nistatina, ketoconazolo e itraconazolo. Anticorpi elevati contro Malassezia furfur e C. albicans sono fattori di rischio della psoriasi, così come la colonizzazione dell’intestino con Candida. L’esposizione cutanea alle cellule di morte di Malassezia (pitirìasi) fa scattare la psoriasi in individui sensibili. Questi collegamenti tra psoriasi e funghi suggeriscono che le proprietà antimicotiche del dimetil-fumarato (DMF) possono essere importanti. La scarsità di studi che collegano composti antifungini diversi dal DMF con una riduzione dei sintomi della SM, impedisce una conclusione simile. Se studi futuri dimostreranno l’efficacia di molti farmaci antifungini nella SM, ciò fornirebbe una forte evidenza dell’eziologia fungina. L’effetto della nistatina orale sulla psoriasi è sorprendente, in quanto non viene assorbita, quindi non può raggiungere i funghi oltre l’intestino. Eppure la nistatina orale è stata ripetutamente dimostrata per ridurre i sintomi della psoriasi, nonostante non raggiunga mai i siti di infiammazione psoriasica.

Dovranno essere eseguiti molti studi sul microbiota della bocca, dell’intestino e dei genitali in associazione con la SM. Particolare attenzione dovrà essere prestata alle infezioni fungine che generalmente non colpiscono i bambini, come la candidosi vulvo-vaginale. Uno studio molto recente suggerisce fortemente che molti microbi presenti negli esseri umani devono ancora essere scoperti. Le più vecchie indagini molecolari sui funghi orali e genitali in individui sani, hanno trovato molte nuove specie: il fungo più comune trovato nella vagina non era una specie di Candida come previsto, ma piuttosto una specie sconosciuta rilevata in circa il 25% di individui sani. Questo vuol dire che nonostante ci sia positività di indici di laboratorio per infezione da Candida nella SM, o in altre condizioni di autoimmunità, è possibile che questa sia postuma alla presenza di un altro fungo microscopico che potrebbe, invece, essere il reale responsabile.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura scientifica

Ascherio A, Munger KL. Ann Neurol (2007) 61:288–99.

Benito-Leon J et al. Eur J Clin Microbiol Infect Dis (2010) 29:1139.

Crutcher N et al. Arch Dermatol (1984) 120:435–36.

Dooley CP et al. N Engl J Med (1989) 321:1562–66.

Faergemann J. Mycoses (1985) 28:612–18.

Farr P, Marks J et al. Lancet (1985) 326:921–22.

Ganor S. Int J Dermatol (1988) 27:420–423.

Gerard R et al. Crit Rev Microbiol (2015) 41:135–39.

Ghannoum MA et al. PLoS Pathog (2010) 6:e1000713.

Hoarau G et al. MBio (2016) 7:e1250–1216.

Kose O et al. J Eur Acad Dermatol Venereol (2005) 19:172–5.

Pisa D et al. Eur J Clin Microbiol Infect Dis (2013) 32(6):795–801.

Ramos M et al. Open Mycol J (2008) 2:22–28.

Rosenberg EW, Belew PW Arch Dermatol (1982) 118:370–71.

Sepahi S et al. Rev Clin Med (2016) 3(3):122–27.

Tabarkiewicz J et al. Arch Immunol Ther Exp (2015) 63:435–49.

Venkatesan A, Johnson RT Handb Clin Neurol (2014) 122:151–71.

Waldman A et al. Mycoses (2001) 44:77–81.

Yamada H. J Inflamm Res (2010) 3:33–44.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sigaretta e fegato grasso: legami e meccanismi sotto indagine

A meno che non si realizzino progressi radicali nel diminuire l'iniziazione e aumentare la cessazione del consumo di tabacco, è stimato si possano verificare...

La vitamina B6 ad alto dosaggio per la bioterapia di ansia e depressione: cosa ha trovato la scienza?

Le vitamine del gruppo B svolgono ruoli vitali nei processi metabolici cellulari, essenziali per la funzione cerebrale e del sistema nervoso, compresi quelli che...

Is COVID infection increasing autoimmunity risk? What science has found until now?

COVID-19 has caused unprecedented morbidity and mortality across the globe. The immune protection conferred by SARS-CoV2 vaccines and prior COVID-19 history, coupled with developing...

Questo si chiuderà in 20 secondi