giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Leucopenia ovvero i globuli bianchi bassi: cause, conseguenze e trattamenti

Introduzione

Il sangue è costituito da molti diversi tipi di cellule. I globuli bianchi, noti anche come leucociti, aiutano a combattere l’infezione. I leucociti sono una parte vitale del sistema immunitario. Sono prodotti nel midollo osseo e sono fondamentali per il sistema immunitario. Averne troppo pochi significa che il corpo è meno in grado di combattere infezioni e malattie. La condizione in cui una persona ha meno globuli bianchi nel sangue rispetto al dovuto si chiama leucopenia. La leucopenia viene diagnosticata attraverso un semplice esame del sangue chiamato emocromo completo. Una conta dei globuli bianchi sana è compresa tra 3.500 e 11.000 cellule per microlitro; se si ha leucopenia i valori sono inferiori a 3.500.

Esistono cinque tipi di globuli bianchi; ognuno aiuta a proteggere il corpo da un diverso tipo di infezione:

• Neutrofili: rappresentano il 55-70% dei globuli bianchi totali. Aiutano a combattere le infezioni fungine e batteriche.

• Linfociti: questi sono il secondo tipo più comune di globuli bianchi. Proteggono il corpo dalle infezioni virali.

• Basofili: questi sono il tipo meno comune di globuli bianchi. Sono coinvolti in reazioni infiammatorie agli allergeni.

• Monociti: questi sono i più grandi dei globuli bianchi. Svolgono un ruolo nel combattere batteri, funghi e virus. Aiutano anche a riparare i tessuti che sono stati danneggiati dall’infiammazione.

• Eosinofili: questi combattono i parassiti e svolgono un ruolo nelle reazioni allergiche e nelle condizioni, come l’asma.

Leucopenia vs neutropenia

Esistono cinque tipi di leucopenia, ciascuna corrispondente al tipo di globuli bianchi che ne è affetto. I termini leucopenia e neutropenia sono spesso usati in modo intercambiabile. Tuttavia, si riferiscono a condizioni leggermente diverse. Leucopenia è un termine generico che si riferisce a una riduzione di uno qualsiasi dei tipi di globuli bianchi. La neutropenia è un tipo di leucopenia ma si riferisce specificamente a una diminuzione dei neutrofili, il tipo più comune di globuli bianchi. La conta dei neutrofili di una persona è un indicatore importante del loro rischio di infezione. Una conta assoluta dei neutrofili (ANC) è un test che i medici possono eseguire per decidere la salute generale di una persona. Questo test può aiutare a diagnosticare condizioni che includono la leucemia, ed aiutare a valutare la risposta dell’organismo ai trattamenti, compresa la chemioterapia.

Condizioni che possono causare leucopenia

Le seguenti condizioni possono causare leucopenia:

• Disturbi ereditari: diversi disturbi congeniti possono portare a leucopenia. Esempi includono la sindrome di Wiskott-Aldrich, la sindrome di Kostmann e la sindrome granulomatosa cronica.

• Infezioni virali: le infezioni virali acute, come raffreddore e influenza, possono portare a leucopenia temporanea. A breve termine, un’infezione virale può interrompere la produzione di globuli bianchi nel midollo osseo di una persona.

• Malattie infettive: esempi includono AIDS e tubercolosi. Secondo uno studio del 2015, le donne con tubercolosi hanno maggiori probabilità di sviluppare leucopenia rispetto agli uomini.

• Condizioni mediche del midollo osseo: esempi includono anemia aplastica, policitemia e sindromi mielodisplastiche o pre-leucemie.

• Malattie autoimmuni: esempi includono lupus sistemico, artrite reumatoide e sarcoidosi.

• Tumori: la leucemia e altri tumori possono danneggiare il midollo osseo e portare a leucopenia.

• Malnutrizione: alcune carenze di vitamine e minerali possono portare a leucopenia. Gli esempi includono carenze di vitamina B-12, acido folico, rame e zinco.

Sintomi generali

Non ci sono sintomi specifici di avere un basso numero di globuli bianchi. Tuttavia, quando qualcuno ha la leucopenia, è più probabile che si verifichino infezioni. I principali sintomi di infezione comprendono febbre, sudorazione e brividi. Una persona con leucopenia può avere altri sintomi che si riferiscono alla causa del loro basso numero di globuli bianchi. Anche una semplice influenza ricorrente può essere una spia per una leucopenia; il susseguirsi di bronchiti, otiti o raffreddori rafforza ulteriormente la probabilità di trovarsi di fronte ad una diagnosi di leucopenia.

Trattamenti e farmaci che possono causare leucopenia

I trattamenti contro il cancro possono influenzare il numero di globuli bianchi di una persona, portando a leucopenia. Esempi che possono avere questo effetto includono: chemioterapia, radioterapia e trapianto di midollo osseo. Alcuni farmaci possono anche influenzare il numero di globuli bianchi nel sangue di qualcuno e possono portare a leucopenia. I farmaci che possono avere questo effetto includono:

  • interferoni per il trattamento della sclerosi multipla
  • lamotrigina e valproato per l’epilessia e come stabilizzatori dell’umore
  • tutti gli immunosoppressori come steroidi, tacrolimus e ciclosporina.
  • bupropione, un antidepressivo e farmaci per smettere di fumare
  • antibiotici come penicillina, minociclina e cloramfenicolo
  • Clozapina, un farmaco antipsicotico.

Trattamento

Il trattamento si basa solitamente sulla causa specifica della leucopenia. Se un farmaco sta causando leucopenia, un medico potrebbe raccomandare che una persona smetta di prenderlo o ne provi un altro tipo. Una persona non dovrebbe mai smettere o cambiare i farmaci senza aver prima consultato un medico. Coloro che sono affetti da una neoplasia e la chemioterapia sta causando leucopenia, potrebbe essere necessario sospendere il trattamento per permettere ai propri globuli bianchi di rigenerarsi. I trattamenti che utilizzano fattori di crescita, come il fattore stimolante le colonie dei granulociti (G-CSF), possono aiutare la leucopenia. Questi sono spesso usati quando  la causa è la chemioterapia oppure una condizione genetica. Uno studio del 2015 ha rilevato che quando la chemioterapia veniva utilizzata insieme a un farmaco chiamato erlotinib, un inibitore della tirosin-chinasi, il rischio di leucopenia era molto più basso.

Gestione personale

I seguenti trattamenti e comportamenti domiciliari possono aiutare una persona con leucopenia a migliorare le proprie condizioni e a ridurre il rischio di infezione: eventuali trattamenti antibiotici o farmaci antimicotici, riposo adeguato, evitare tagli e graffi e praticare una buona igiene a casa per evitare i germi. Il trattamento può anche essere necessario per tutte le infezioni che risultano da una conta dei globuli bianchi ridotta. Questo potrebbe includere .

La dieta può avere un influsso positivo sull’evoluzione del disturbo. Consumare alimenti ricchi di rame, zinco e selenio (cacao, mandorle, noci, nocciole, crusca e frutti di mare) e vitamine (verza, spinaci, peperoni, piselli e latticini) può contribuire alla ripresa delle difese immunitarie. L’integrazione alimentare è disponibile e comprende preparati multivitaminici, o mirati alla stimolazione selettiva delle popolazioni leucocitarie (es. estratti di Echinacea, Eleuterococco, Ganoderma, ecc.).

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Recensioni dedicate

Harrison. Principi di Medicina Interna. Ediz. 2016.

Parham P. Il sistema immunitario. Ediz. 2011.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Internet e malattie rare: usare il web può facilitare l’identificazione di casi ignoti

Internet può diventare uno strumento prezioso per aiutare a diagnosticare le persone con disturbi rari, afferma un nuovo studio. Un team di ricercatori del...

Psilocibina: il giusto “defrag” per la depressione?

Il prof. David Nutt, direttore dell'unità di Neuro-psicofarmacologia nella divisione Brain Sciences presso l'Imperial College di Londra nel Regno Unito, è il caporicerca del...

Nicturia: il fastidio che viene dall’abitudine errata di non bere durante il giorno

L'idratazione è essenziale per la salute, ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di bere prima di andare a letto? Il corpo umano...