HomeMALATTIEMALATTIE APPARATO DIGERENTEPolipi del colon: una breve rassegna pratica

Polipi del colon: una breve rassegna pratica

Introduzione

Un polipo del colon è una piccola crescita di tessuto che sporge dal rivestimento di una sezione dell’intestino crasso conosciuta come colon. I polipi sono comuni e sempre più così come le persone invecchiano. I polipi colorettali, che sono polipi nel colon o nel retto, sono stimati in almeno il 30% degli adulti che hanno 50 anni o più negli Stati Uniti. I polipi colorettali si verificano anche nei bambini con una percentuale stimata del 6%, che sale al 12% in coloro che soffrono di emorragia intestinale. La maggior parte dei polipi del colon o dell’intestino sono innocui, ma alcuni possono trasformarsi in cancro. Se lo fanno, possono volerci molti anni prima che diventino cancerogeni. Diversi tipi di polipi portano diversi fattori di rischio. Inoltre, la dimensione del polipo è correlata alla sua gravità potenziale.Una revisione del 2014 ha concluso che i polipi di 5 millimetri (mm) o meno avevano poco rischio di diventare cancerosi mentre quelli tra 1,5 e 3,5 centimetri avevano un potenziale di malignità dal 19 al 43%.

I tipi più comuni di polipi sono i polipi iperplastici e adenomatosi. I polipi iperplastici o i polipi infiammatori sono in genere innocui e non sono motivo di preoccupazione per un basso potenziale di malignità. Questi polipi raramente diventeranno cancerosi. Gli adenomi, o polipi adenomatosi, non sono cancerosi ma possono diventare cancerogeni in futuro. Gli adenomi più grandi hanno maggiori probabilità di diventare tumorali: i medici di solito raccomandano di rimuoverli. I polipi maligni sono polipi che contengono già cellule cancerose. Il miglior trattamento per questi polipi dipenderà dalla gravità del cancro e dalla salute generale di ognuno.

Cause e fattori di rischio

Le persone sono nate con polipi del colon o sviluppate durante la loro vita. I medici non conoscono ancora le cause esatte dei polipi del colon, ma il loro aspetto può essere legato ai seguenti fattori dello stile di vita: una dieta ricca di grassi, mangiare molta carne rossa, non mangiare abbastanza fibre e fumare sigarette. In alcune persone, i fattori genetici fanno sì che le cellule del colon si moltiplichino più del dovuto. Quando questo accade nel colon, la gente ottiene polipi del colon. Quando si verifica nel retto, si chiamano polipi colorettali. Alcuni fattori di rischio rendono una persona più propensa a sviluppare polipi del colon. Questi includono: obesità, mancanza di esercizio fisico, alcolismo, coesistenza di malattie infiammatorie intestinali (IBD), come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn e una storia familiare di polipi del colon.

Un diabete di tipo 2 non controllato può migliorare l’insorgenza in persone con altri fattori di rischio. Le persone hanno maggiori probabilità di sviluppare polipi del colon se presentano le seguenti condizioni ereditarie: poliposi adenomatosa familiare (FAP), sindrome di Gardner (voce disponibile della sezione MALATTIE del sito) e sindrome di Peutz-Jeghers (PJS). Le persone con queste condizioni hanno un aumentato rischio di sviluppare il cancro in diversi organi, tra cui l’intestino tenue e il colon. Questo è dovuto a mutazioni in geni specifici che sono coinvolti nella proliferazione cellulare. Nel caso della FAP il gene responsabile è chiamato APC. Questo è un onco-soppressore, ovvero reprime normalmente il rischio di degenerazioni cellulari maligne. Nella FAP, il gene APC è mutato e non esplica correttamente il suo dovere, comportandosi anzi quasi da oncogene.

La sindrome di Gardner, in cui i tumori benigni sono anche nella retina, a livello osseo (osteomi) e del tessuto connettivo (fibromi), è una variante della FAP con una mutazione differente del gene APC. La sindrome di Peutz-Jeghers, invece, dipende dalla mutazione in una proteina chiamata STK11. Questa è una protein-chinasi, un enzima che modifica certe proteine cellulari aggiungendo loro dei gruppi fosforo per variarne la funzione biologica. Nel caso della PJS, la chinasi STK11 da oncosoppressore diventa francamente oncogene, e stimola la duplicazione cellulare in modo sregolato.

Sintomi

Le persone con polipi del colon spesso non hanno segni o sintomi della condizione. I medici di solito trovano questi polipi durante test o test di routine per un altro disturbo. Un medico può raccomandare che gli anziani e le persone con fattori di rischio per i polipi del colon abbiano uno screening regolare. Quando i medici rilevano i polipi in anticipo, c’è una migliore possibilità che possano rimuovere completamente le escrescenze senza complicazioni. Quando i polipi del colon causano sintomi, le persone possono notare o subire quanto segue.

Sanguinamento dal retto. Questo è il sintomo più comune dei polipi, sebbene possa anche essere un segno di altre condizioni, come le emorroidi o le lacrime minori nell’ano.

Dolore addominale. I grandi polipi che bloccano parzialmente l’intestino possono causare crampi addominali e dolore al passaggio delle feci.

Un cambiamento nel colore delle feci. Un lieve sanguinamento da poliposi può causare strisce rosse nelle feci e un sanguinamento più pesante può far apparire le feci nere. Tuttavia, altri fattori possono anche cambiare il colore delle feci, come cibi, medicine e integratori.

Anemia carenziale. Se i polipi di una persona sanguinano lentamente nel tempo, possono sviluppare una carenza di ferro. L’anemia può causare debolezza, pelle pallida, mancanza di respiro, tachicardia in assenza di stimoli e sensazione di testa vuota o svenimento.

Infine, un cambiamento delle abitudini intestinali che dura più a lungo di una o due settimane, compresa la stitichezza o la diarrea, è bene che venga indagato.

Diagnosi

Un medico può iniziare dalla storia medica di una persona, valutando i fattori di rischio ed eseguendo un esame fisico. Se si sospettano polipi del colon, possono raccomandare ulteriori test. La cattura precoce dei polipi del colon può ridurre il rischio di complicanze. Gli esami di screening possono includere:

Colonscopia. Durante una colonscopia, il medico inserisce nell’ano un tubo della fotocamera illuminato chiamato colonscopio per esaminare il colon. Possono quindi rimuovere qualsiasi polipo o effettuare una biopsia, che è dove un campione di tessuto viene rimosso e inviato a un laboratorio per l’esame al microscopio.

Sigmoidoscopia flessibile. Una versione più breve di un colonoscopio chiamato sigmoidoscopio viene utilizzata per esaminare una porzione limitata del colon. Se il medico trova polipi, sarà necessario eseguire una colonscopia per rimuoverli.</span></li>

Colonscopia virtuale. Questa è una procedura non invasiva in cui un medico utilizza metodi di imaging per esaminare i due punti. Questi possono includere raggi X, scansioni TC o scansioni MRI. Questi test possono essere meno sensibili dei test colonscopici. Una persona potrebbe dover ingoiare una soluzione di bario per rendere più chiare le immagini a raggi X.

Esame delle feci. I medici possono anche cercare la presenza di sangue nelle feci o esaminare il DNA delle feci. A seconda dei risultati, possono eseguire una colonscopia per indagare ulteriormente.

Terapia medica

I medici di solito trattano i polipi del colon rimuovendoli. Possono anche suggerire alcuni cambiamenti nello stile di vita per prevenire il ripetersi di polipi del colon. I medici possono rimuovere polipi del colon usando i seguenti metodi:

Colonscopia. Si può utilizzare uno strumento da taglio o un anello di filo elettrificato all’estremità di un colonscopio per eseguire una polipectomia (la rimozione del polipo. Per i polipi più piccoli, i medici possono iniettare un liquido sotto il polipo per sollevarlo e isolarlo dall’area circostante per una rimozione più facile.

Laparoscopia. Durante una laparoscopia, il medico eseguirà una piccola incisione nell’addome o nel bacino e inserirà uno strumento chiamato laparoscopio nell’intestino. Usano questa tecnica per rimuovere polipi che sono troppo grandi o non possono essere rimossi in modo sicuro mediante colonscopia.

Rimozione del colon e del retto. Questa procedura, nota come una proctocolectomia totale, è necessaria solo quando una persona ha una condizione grave o un cancro. I medici raccomandano questa opzione per quelli con condizioni ereditarie rare, come FAP o PJS. Questo perché il rischio di trasformazione maligna in queste sindromi genetiche è elevatissimo (da 50 fino a 800 volte superiore).

Dopo aver rimosso un polipo, il medico lo invierà per i test di laboratorio in cui gli esperti studieranno la biopsia. Un patologo esaminerà istologicamente il tessuto al microscopio e verificherà se è benigno o precanceroso. Baserà l’intervallo di tempo raccomandato per la colonscopia successiva su queste informazioni, più il numero e la dimensione dei polipi.

Interventi medici preventivi

Nelle persone che hanno già polipi o cancro del colon, il medico può prescrivere aspirina e farmaci del gruppo coxib (inibitori della COX-2) per impedire la formazione di nuovi polipi. Per le persone con una storia familiare di polipi del colon, si raccomanda la consulenza genetica per prevenire il loro sviluppo. Le persone possono ridurre il rischio di sviluppare polipi del colon adottando abitudini di vita sane, come: mangiare una dieta a basso contenuto di grassi, seguire una dieta ricca di frutta, verdura e fibre; mantenere un peso corporeo normale, evitando il fumo di sigaretta e l’uso eccessivo di alcol. Le persone che hanno avuto polipi del colon dovrebbero ottenere controlli regolari del colon, in quanto hanno una maggiore probabilità di svilupparne altri. Il medico può raccomandare che gli anziani e le persone con fattori di rischio accertati per i polipi del colon abbiano esami di screening regolari, soprattutto dopo i 50 anni di età.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bolshinsky V. Dis Colon Rectum 2019 Jul; 62(7):781-785.

Verma AM et al. Front Gastroenterol. 2019; 10(2):120-127.

Angarita A et al. Int J Colorectal Dis. 2018; 33(2):115-129.

Waller A et al. J Pediatric Genet. 2016 Jun; 5(2):78-83.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI