mercoledì, Febbraio 28, 2024

Alga Spirulina: nutriente e nutraceutica per trattare ipertensione, diabete ed altro ancora

Spirulina: il supernutriente che ha pure azioni farmacologiche La Spirulina...

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Pessimismo: serve, specialmente se diventa costruttivo

Introduzione

La nostra cultura è satura di messaggi ottimistici, che ci incoraggia a pensare positivamente, dalla strada alla televisione.  Messaggi per indurci a credere che tutto va bene. Per tutto il tempo, il pessimismo è generalmente considerato un difetto o un ostacolo, ma potrebbe effettivamente portare i suoi benefici? Il pessimismo è spesso definito come l’aspettativa di esiti negativi, specialmente nella coscienza collettiva. Le persone che tendono a vedere il bicchiere mezzo vuoto anziché mezzo pieno, sono quindi percepite come messaggeri di rovina e negatività. Ancora più importante, il pessimismo è a volte legato ai rischi per la salute. Uno studio riportato l’anno scorso, ad esempio, ha concluso che i pessimisti erano ad alto rischio di morte per malattie cardiache. Questo potrebbe avere senso per noi dato che i pessimisti sono, per loro stessa natura, dei preoccupati che si aspettano il peggior risultato possibile in tutte le situazioni di incertezza. Ma potremmo sbagliare nel respingere il pessimismo? Ci manca un trucco quando insistiamo nel pensare positivamente?

Il pessimismo difensivo

Julie Norem, ricercatrice in psicologia al Wellesley College in Massachusetts, sostiene che un certo grado di pessimismo ha i suoi benefici. In un libro intitolato The Positive Power of Negative Thinking, che ha ottenuto notevole attenzione dai media, Norem si basa su ricerche precedenti per sostenere che in molti casi il pessimismo è un utile strumento di affrontare e pianificare una strategia. Lei chiama questo “pessimismo difensivo”. In un’intervista, Norem ha definito il “pessimismo difensivo” come una “strategia efficace per affrontare l’ansia e aiutare a gestire l’ansia in modo che non influenzi negativamente le prestazioni”. “Se ti senti ansioso”, ha aggiunto, “devi fare qualcosa al riguardo, di solito le persone cercano di scappare da qualsiasi situazione ti rende ansioso, ma ci sono altri modi per affrontarlo: il pessimismo difensivo è unidirezionale”.

L’aspetto chiave del pessimismo difensivo, secondo Norem, è immaginare possibili risultati negativi per sviluppare strategie di azione, qualora fossero necessarie, la quale commenta così: “Quando le persone sono difensivamente pessimiste, mettono basse aspettative, ma poi fanno il passo successivo che è quello di riflettere in modo concreto e vivido su cosa esattamente potrebbe andare storto. Ciò consente ai pessimisti difensivi di pianificare in anticipo e sentirsi meglio preparati per tutti gli ostacoli che potrebbero dover affrontare in futuro. Quello che abbiamo visto nella ricerca è se lo fanno (immaginando scenari negativi) in modo specifico e vivido, li aiuta a pianificare per evitare il disastro. Finiscono per esibirsi meglio di sé non hanno usato la strategia. Li aiuta a dirigere la loro ansia verso l’attività produttiva”.

Immaginate il peggio, ma rendetelo specifico

Detto questo, riconosce che ci sono anche alcuni potenziali inconvenienti al pessimismo difensivo. Un lato negativo, dice Norem, potrebbe essere il modo in cui gli altri ti percepiscono, specialmente se si esprimono a voce alta i propri scenari negativi. Altre persone potrebbero fraintendere questa tattica di auto-preparazione e prenderla come un segno che, per esempio, non sei pronto per il lavoro da svolgere. Un altro potenziale problema potrebbe sorgere dalla visualizzazione di scenari catastrofici non specifici. Come dice Norem: “Gli inconvenienti più interni sono se invece di pensare a possibilità negative in termini molto specifici, inizi a spirale fuori controllo. Questo è ciò che i medici considerano catastrofici. Invece di pensare a cose specifiche che possono andare storte e che puoi prevenire, tu dici: ‘Questo discorso sarà un disastro. La mia intera vita è un disastro”. E invece, la specificità è la chiave per avere effetti positivi rispetto agli effetti negativi”.

Effetti collaterali del pensiero positivo

L’ottimismo a volte può trattenerti dal raggiungere i migliori risultati, sia nella tua vita personale che al lavoro. Avere grandi speranze per il futuro potrebbe anche portare a decisioni sbagliate. Uno studio mostra che i sopravvissuti al tornado tendono a diventare insalubri ottimisti, pensando che quando un terremoto o un tornado ti colpiscono direttamente, dopo è improbabile che vengano colpiti. Questo perché credono che se la sfortuna ti manca una volta, è improbabile che colpisca ancora in futuro. Eppure questo tipo di pensiero ignora il fatto che questa non è necessariamente una prospettiva realistica, e impedisce alla gente di prepararsi per eventi negativi.

L’ottimismo influenza prestazioni, successo e longevità

Le persone che tendono a immaginare un futuro brillante per sé stessi hanno meno probabilità di perseguire attivamente questo scenario nella vita reale, suggerisce la ricerca. Una serie di studi condotti sui giovani negli Stati Uniti ha rilevato che, quando i partecipanti si lasciavano andare a fantasie positive sul futuro, l’atto di immaginare il successo dei loro obiettivi, in realtà li prosciugava delle energie di cui avevano bisogno per perseguire quegli obiettivi reali. Gli Autori dello studio hanno commentato così: “Anche se si è tentati di credere che le semplici visioni positive possano generare un reale successo, questa convinzione non è sempre giustificata. Invece di promuovere il successo, le fantasie positive faranno vacillare coloro che cercano lavoro dall’energia. perché drenano l’amore dell’energia per avvicinarsi a quello che vogliono. Ogni desiderio espresso, infatti, ha la sua energia che deve essere fatta lavorare col tempo. Ingolfarla di continue richieste e fantasie, la rallenta fino a non realizzarla mai”.

Alcuni tipi di ottimismo sembrano anche danneggiare la capacità delle coppie sposate di risolvere qualsiasi problema che si trovano ad affrontare nella loro relazione, portando potenzialmente a un deterioramento del loro legame. Uno studio ha scoperto che, nei matrimoni precoci, i coniugi che mostravano un ottimismo disposizionale – o l’abitudine di pensare che le cose sarebbero andate bene, non importa quale – era correlato con una migliore risoluzione dei problemi all’interno della relazione. I coniugi che mostravano un ottimismo relazionale specifico, tuttavia, cioè quelli che erano eccessivamente ottimisti riguardo alle loro aspettative nei confronti del loro partner, non avevano un approccio costruttivo alla risoluzione dei problemi e non erano altrettanto efficienti nell’affrontare le difficoltà. In conclusione, c’entra poco il classico “pensa male prima di pensare bene”; in realtà, ogni cosa deve fatta fluire con suo verso, e se accade c’è un motivo. Restare ottimisti ha sicuramente i suoi risvolti positivi, anche dimostrati dalla scienza.

Uno studio del 2019, pubblicato sulla famosissima rivista PNAS USA, ha trovato una correlazione diretta fra ottimismo e longevità definita “eccezionale” in una grossa coorte mista di soggetti presi da due noti e usatissimi studi clinici: il Nurses’ Health Study (NHS 1) per le donne e il Veterans Affairs Normative Aging Study (NAS) per gli uomini. I partecipanti con livelli di ottimismo più alti rispetto a quelli più bassi avevano 1,5 (donne) e 1,7 (uomini) maggiori probabilità di sopravvivere all’età di 85 anni; queste relazioni sono state mantenute dopo l’adeguamento per i comportamenti di salute. Sicuramente, rimanere ottimisti evita sentimenti negativi di ruminazione ed ossessione di pensiero, che possono condurre nel tempo ad una cattiva igiene mentale, per cui anche la presente redazione scientifica è tendenzialmente e raccomanda di essere ottimisti.

Poi, il carattere è carattere….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lee LO et al PNAS USA 2019; 116(37):18357-18362.

James P et al. Amer J Prev Med. 2019; 56(1):116-124.

Latest

Alga Spirulina: nutriente e nutraceutica per trattare ipertensione, diabete ed altro ancora

Spirulina: il supernutriente che ha pure azioni farmacologiche La Spirulina...

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Newsletter

Don't miss

Alga Spirulina: nutriente e nutraceutica per trattare ipertensione, diabete ed altro ancora

Spirulina: il supernutriente che ha pure azioni farmacologiche La Spirulina...

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Stress ossidativo: invisibile nelle ossa, visibile negli effetti

Lo stress ossidativo genera un danno cellulare a causa dell'ossidazione lipidica, l'alterazione strutturale delle membrane, l'ossidazione delle proteine ​​e degli acidi nucleici; il danno...

Burro a tavola: quanto se ne può mangiare e se fa bene

In che modo il burro influisce sul colesterolo? Il burro contiene grassi saturi e trans, entrambi i quali possono aumentare il colesterolo delle lipoproteine a...

Lombalgie e mal di schiena: una facile rassegna dalle cause ai trattamenti

La lombalgia (cioè il dolore alla colonna vertebrale, il complesso funzionale che fa da pilastro all’organismo umano) non è una malattia ma un sintomo...