Psoriasi: spunta un meccanismo rivoluzionario per la terapia vera?

La psoriasi è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario non riconosce il proprio tessuto e inizia ad attaccarlo. Questo accelera il ciclo di crescita delle cellule della pelle, che le fa accumulare in eccesso sulla superficie della pelle. Negli Stati Uniti, circa 6,7 ​​milioni di adulti hanno questa condizione, per la quale non esiste ancora una cura. Ma una nuova ricerca offre speranza, come gli scienziati della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, MO, rivelano un nuovo modo di usare l’immunità del corpo per combattere la psoriasi. I ricercatori – guidati dal Dr. Maxim Artyomov, professore associato di Patologia e Immunologia presso l’Università – hanno scoperto che un composto blocca un percorso infiammatorio che è coinvolto in molte altre malattie autoimmuni. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature. In precedenti ricerche, un team guidato dallo stesso Artyomov ha mostrato che le cellule immunitarie chiamate macrofagi producono quantità significative di itaconato quando rilevano i batteri.

Hanno anche dimostrato che, in modo interessante, itaconato ha un effetto anti-infiammatorio quando questi macrofagi vengono attivati. Per illuminare i meccanismi alla base di questa osservazione, hanno trattato i macrofagi di topi e umani con dimetil-itaconato, che è una versione di itaconato che lo rende più facile da attraversare la membrana cellulare. Hanno rivelato che il dimetil-itaconato inibisce una via infiammatoria guidata dall’interleuchina IL-17. Questo percorso è fondamentale nella capacità del nostro corpo di combattere gli agenti patogeni, ma il suo “lato oscuro” è che facilita la distruzione autoimmune in condizioni come la sclerosi multipla, la psoriasi e l’artrite reumatoide. In questo caso, in particolare, il nuovo composto ha inibito la IL-17 diminuendo una proteina chiamata I-kappaB-zeta. Precedenti studi hanno suggerito che le variazioni genetiche di questa proteina  possono aumentare il rischio di psoriasi. Quindi i ricercatori hanno ipotizzato che l’abbassamento di I-kappaB-zeta con itaconato possa trattare la psoriasi.

Per testare questa ipotesi, gli scienziati hanno indotto sintomi simili alla psoriasi nelle orecchie dei roditori. Hanno poi trattato i topi con dimetil-itaconato al giorno per una settimana. Un altro gruppo di topi ha ricevuto solo un placebo. Dopo una settimana, i topi che hanno ricevuto il trattamento avevano orecchie normali e dall’aspetto sano, mentre i topi placebo mostravano segni di peggioramento della psoriasi. Il team di ricercatori hanno già iniziato a esaminare l’effetto della sostanza su un modello murino di sclerosi multipla. “Stiamo sfruttando il potere anti-infiammatorio del corpo e dimostrando che può aiutare in situazioni reali quando il sistema immunitario ti sta danneggiando”, afferma Artyomov. “Da quando abbiamo collegato l’itaconato all’attivazione delle cellule infiammatorie nel 2016, ci ha sorpreso. Tutti pensavano che essendo prodotto da cellule infiammatorie, avrebbe dovuto combattere le infezioni; e invece no; è anti-infiammatorio”.

Quando si dice che “il segreto della cellula è dentro la cellula”….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mills EL et al. Nature. 2018 Apr 5; 556(7699):113-117.

Williams NC, O’Neill LAJ. Front Immunol. 2018 Feb 5; 9:141. 

Domingo-Gonzalez R et al. JCI Insight. 2017 Oct 5; 2(19).

Ferris ST et al. J Exp Med. 2017 Aug 7; 214(8):2369-2385. 

Artyomov MN et al. Semin Immunol. 2016; 28(5):417-424. 

Lampropoulou V et al., Artyomov MN. Cell Metab. 2016; 24(1):158.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it