martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Coliti infiammatorie e Parkinson: la possibile connessione a sorpresa

Un nuovo studio nazionale danese su una popolazione che copre quasi 40 anni, ha rivelato che le persone con malattia infiammatoria intestinale hanno un rischio maggiore del 22% di sviluppare il morbo di Parkinson rispetto alle persone senza il disordine intestinale a lungo termine. Lo studio supporta la nozione di “asse intestino-cervello”, osservano i ricercatori in un articolo sul loro lavoro che è ora pubblicato sulla rivista Gut. La teoria dell’asse intestinale suggerisce che ciò che accade nel tratto gastrointestinale (GI) colpisce il sistema nervoso centrale. È supportato da prove che dimostrano che l’intestino e il sistema nervoso comunicano tra loro e che l’attività del microbiota intestinale può regolare la chimica del cervello. La pubblicazione dello studio danese giunge subito dopo un’altra relazione di uno studio osservazionale condotto negli Stati Uniti che ha rilevato che il fatto di avere una malattia infiammatoria intestinale (IBD) era associato a un rischio maggiore del 28% di sviluppare la malattia di Parkinson. Le stime suggeriscono che circa 3 milioni di adulti negli Stati Uniti sono stati diagnosticati con IBD in qualche momento della loro vita.

Sebbene IBS danneggi l’intestino, la causa non è l’infiammazione. E, mentre la celiachia infiamma l’intestino, la causa è una reazione specifica al glutine, che è un complesso proteico del grano e di altri cereali. La malattia di Parkinson è un progressivo peggioramento del disturbo del movimento causato dalla morte delle cellule cerebrali. I sintomi più comuni includono rigidità muscolare, tremori, lentezza del movimento e compromissione della coordinazione e dell’equilibrio. Può anche presentarsi con sintomi non movimento come depressione, ansia, stanchezza, sonno disordinato e problemi correlati all’intestino. Le stime suggeriscono che oltre 10 milioni di persone in tutto il mondo hanno il morbo di Parkinson, circa 1 milione di loro vive negli Stati Uniti. Studi precedenti hanno proposto che l’infiammazione dell’intestino influenzi lo sviluppo della malattia di Parkinson e dell’atrofia multisistemica (MSA), che è una rara malattia neurologica che ha sintomi simili al morbo di Parkinson. Nel loro studio, i ricercatori osservano che le disfunzioni gastrointestinali insorgono precocemente nel morbo di Parkinson e aumentano in modo significativo le complicanze correlate alla malattia.

La dott.ssa Brudek e i suoi colleghi hanno deciso di indagare se potesse esistere un legame tra IBD e rischio di sviluppare il morbo di Parkinson o la MSA. Hanno identificato tutti i residenti della Danimarca che sono stati diagnosticati con IBD tra il 1977 e il 2014 e hanno abbinato ciascuno di loro a membri “comparabili” della popolazione in generale che non avevano IBD. Complessivamente, lo studio ha seguito 76.477 individui con IBD e più di 7,5 milioni senza IBD. I 37 anni di follow-up sono iniziati dal giorno della diagnosi fino alla comparsa del morbo di Parkinson o della MSA, che è stato determinato dai registri del Registro nazionale dei pazienti danese. L’analisi ha rivelato che le persone con diagnosi di IBD avevano un rischio maggiore del 22% di sviluppare Parkinson rispetto alle loro controparti non-IBD. Il più alto rischio di Parkinson non era influenzato dal sesso, dall’età alla diagnosi di IBD o dalla durata del follow-up.

Gli autori dello studio osservano, tuttavia, che le persone con IBD con colite ulcerosa avevano un rischio leggermente più alto rispetto a quelli con malattia di Crohn. L’analisi ha anche suggerito che potrebbe esserci un rischio maggiore del 41% di MSA in soggetti con IBD rispetto ai loro omologhi non-IBD, ma questo era basato su un’incidenza molto bassa di MSA. I ricercatori sottolineano che, poiché il loro era uno studio osservazionale, non possono dire con certezza se l’IBD aumenta il rischio di malattia di Parkinson. Tuttavia, poiché hanno trovato un collegamento, e poiché il loro studio è il primo studio epidemiologico che studia il rischio di parkinsonismo in una coorte non selezionata di pazienti con IBD con follow-up a lungo termine, insinuano che i medici dovrebbero essere consapevoli dei sintomi di parkinsonismo in pazienti con IBD. Il team suggerisce inoltre che l’identificazione dei fattori di rischio associati alle fasi antecedenti al Parkinson, possa consentire studi di intervento precoce che potrebbero modificarne o rallentarne la progressione.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Villumsen M et al., Brudek T. Gut. 2018 May 21.

Weimers P et al. Inflamm Bowel Dis. 2018 May 16.

Camacho-Soto A et al. Parkinsonism Relat Disord. 2018 May; 50:23-28.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Diabete: il veleno dell’ornitorinco ha la soluzione permanente?

L'ornitorinco è probabilmente l'animale più iconico e strano dell'Australia. È classificato fra i monotremi, che è un gruppo di mammiferi che include solo cinque...

Salute a tavola: cos’è la dieta senza lectine?

Introduzione Prove di lunga data suggeriscono che il consumo di una dieta ricca di alimenti a base vegetale svolge un ruolo significativo nella prevenzione e...

Spazi verdi e salute mentale: dai parchi cittadini ai boschi, alla ricerca del nostro benessere

La ricerca passata ha trovato benefici per la salute e il benessere della natura per gli esseri umani, ma questo è il primo studio...

Questo si chiuderà in 20 secondi