venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Sclerosi multipla: due novità, dal laboratorio e dalla tavola

L’encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE), il modello più comune per la sclerosi multipla, è caratterizzata dall’infiltrazione di cellule infiammatorie nel sistema nervoso centrale e dalla demielinizzazione. La microglìa, i fagociti del sistema nervoso centrale (SNC), sono importanti per il mantenimento dell’omeostasi cerebrale, ma contribuiscono anche in modo critico alla sua patologia. Un team di ricerca congiunto delle Università di Leipitz e Ghent, in Belgio, hanno dimostrato che la proteina regolatrice A20 del fattore nucleare kappa B (NF-κB), è cruciale nella regolazione dell’attivazione della microglia in condizioni normali o di patologia del SNC. Questo perché essa blocca normalmente la via IKK-NF-kB fino a quando ce ne sia bisogno. Nei topi, la delezione del gene di A20 nella microglia aumenta il numero di cellule microgliali e influenza il modo di come essa regoli le sinapsi neuronali.

I ricercatori hanno provato che attivando la microglia in modo massiccio (con endotossina LPS) nei topi con deficit di A20, questi muoiono con un’infiammazione cerebrale fulminante. La carenza di A20 aggrava anche il modello sperimentale di sclerosi multipla (MS), a causa dell’iperattivazione dell’inflammasoma NLRP3. Questo complesso di proteine si attiva per le infiammazioni in assenza di batteri e fa secernere interleuchina-1β, una delle citochine più potenti dell’infiammazione. Infatti, il team ha trovato una firma molecolare dell’inflammasoma NLRP3 e l’espressione di IL-1β, nel cervello e nel liquido cerebrospinale dai pazienti con SM. Collettivamente, questi dati rivelano un ruolo fondamentale per la proteina A20 nel controllo dell’attivazione della microglia e della neuro-infiammazione.

Studi precedenti hanno dimostrato che la somministrazione di alcuni polifenoli può ridurre le alterazioni neurologiche dell’EAE. In un lavoro pubblicato sulla rivista Biochimica Biophysica Acta, un team spagnolo ha provato che l’acido ellagico, un composto polifenolico, è benefico nell’EAE, molto probabilmente attraverso la stimolazione della biosintesi della ceramide all’interno del cervello. Dopo aver indotto la EAE in ratti di Lewis mediante iniezione di tessuto del midollo spinale di cavia con adiuvante completo di Freund, i ricercatori hanno monitorato i topi. I segni clinici sono comparsi per la prima volta all’8° giorno post-immunizzazione e hanno raggiunto un picco entro 3 giorni, coincidente con la riduzione della proteina basica della mielina (MBP) nella corteccia. Anche gli sfingolipidi, i principali grassi componenti della mielina, sono diminuiti nella fase acuta dell’EAE, sia nella corteccia cerebrale che nel midollo spinale.

Nei ratti che hanno ricevuto acido ellagico nell’acqua da bere da 2 giorni prima dell’immunizzazione, l’insorgenza della malattia è stata ritardata e i segni clinici sono stati ridotti. Questo miglioramento dei segni clinici è stato accompagnato da livelli sostenuti di MBP e sfingolipidi nella corteccia, senza apparenti cambiamenti nell’infiltrazione di linfociti T infiammatori, attivazione microgliale o perdita di peso, che insieme suggeriscono un effetto neuroprotettivo dell’acido ellagico. Infine, I riceratori hanno trattato le cellule di glioma e oligodendroglioma in coltura con urolitine. Questi sono i metaboliti dell’acido ellagico che circolano nel plasma dopo aver mangiato alimenti ricchi di questo composto (es. fragole, pesche, melograno, lamponi, noci, ecc.). Le urolitine stimolano la sintesi della ceramide come primo mattone della mielina.

Insieme questi dati suggeriscono che il consumo alimentare di acido ellagico protegge i ratti con EAE indotta dalla perdita di mielina, probabilmente tramite un meccanismo che coinvolge la sintesi dei suoi grassi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Voet S et al. Nat Commun. 2018 May 23; 9(1):2036.

Busto R et al. Biochim Biophys Acta. 2018 May 21.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

There is no “playing dices” where it comes with cancer: genetics and immunity always get in the way

A Stanford Medicine study of thousands of breast cancers has found that the gene sequences we inherit at conception are powerful predictors of the...

SERDegrons: gli anti-cancro mammario rivoluzionari

I ricercatori dello Stevens Institute of Technology e colleghi hanno progettato e sviluppato una nuova classe di molecole che utilizzano un meccanismo mai conosciuto...

Dieta occidentale: come spiana le “vie” del cancro intestinale

Il cancro del colon-retto - un cancro che inizia nel colon o nel retto - è il terzo tumore più comunemente diagnosticato negli Stati...

Questo si chiuderà in 20 secondi