martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Gli ormoni della socializzazione: le prove sulle scimmie

In un nuovo studio, gli investigatori dell’Università della Pennsylvania di Filadelfia si sono rivolti ai macachi rhesus per studiare gli effetti di due ormoni, ossitocina e vasopressina sul comportamento sociale. Questi primati sono noti per il loro comportamento aggressivo e competitivo in gruppi altamente gerarchizzati, che tipicamente dividono i membri tra individui dominanti e sottomessi. Ma macachi rhesus sono stati scelti anche per un’altra ragione; secondo i ricercatori coinvolti nel recente studio, questi primati – come gli umani – vivono in ampi gruppi sociali, formano connessioni a lungo termine e presentano alcuni comportamenti sociali simili. Gli autori dello studio, Michael Platt e Yaoguang Jiang, hanno prima rivolto la loro attenzione ai possibili effetti dell’ossitocina sul comportamento sociale poiché questo ormone è stato precedentemente legato al legame tra madre e bambino e il legame di coppia.

Come hanno notato nel documento di studio hanno recentemente pubblicato sulla rivista Scientific Reports, “Una singola dose intranasale di ossitocina in uomini sani è stata vista anche per migliorare la fiducia, la generosità e l’empatia”. Ma, accanto all’ossitocina, è stato osservato un altro ormone chiamato vasopressina per contribuire a plasmare vari comportamenti sociali, tra cui l’aggressività e il legame di coppia – almeno negli animali. Alcuni studi hanno suggerito che la vasopressina potrebbe essere implicata anche nella regolazione del comportamento sociale negli esseri umani. Lo studio prevedeva di somministrare un macaco rhesus una dose di ossitocina, vasopressina o soluzione salina – applicata come metodo di controllo – attraverso l’iniezione o l’inalazione. Sette scimmie hanno ricevuto iniezioni mentre sette sono state scelte per ricevere l’ossitocina, la vasopressina o la soluzione salina attraverso l’inalazione. Dopo questo processo, la scimmia è stata abbinata sei volte con diversi macachi rhesus e una volta con una sedia vuota (di nuovo, come misura di controllo).

Mentre le scimmie non erano in grado di toccarsi, al fine di prevenire possibili lesioni, erano in grado di interagire in altri modi; potevano vedere, annusare e ascoltarsi a vicenda. Il team ha notato che le scimmie che avevano ricevuto ossitocina o vasopressina tendevano ad equalizzare il loro comportamento in modo tale che l’altro macaco sarebbe stato in grado di raccogliere le indicazioni. In altre parole, l’aggressività è stata tolta di norma nelle scimmie normalmente dominanti, mentre gli animali solitamente sottomessi sono diventati più audaci, così che l’interazione tra le coppie di scimmie coinvolte è diventata più equa. Questo è noto come sincronia comportamentale. Platt spiega: “Le scimmie sincronizzano più strettamente le loro espressioni facciali e il loro comportamento nel tempo, prestano maggiore attenzione l’una all’altra e quando lo fai, ottieni le informazioni più rapidamente e rispondi più rapidamente”.

Quelle scimmie che di solito prosperano per essere competitive, diventano molto più sensibili l’una all’altra grazie all’ossitocina e alla vasopressina, è certamente significativa. “La gerarchia nelle scimmie è un grosso problema”, dice Jiang, “ma qui la curva si è appiattita: se eri in mezzo, rimanevi nel mezzo, ma se eri di grado inferiore o timido, diventavi un po’ più assertivo. Ma se tu fossi ultra-dominante, sapevi comunque che eri il capo ma eri un po’ più freddo a riguardo, non cercavi sempre di combattere”. Ancora più interessante, tuttavia, gli effetti persistono anche quando solo una delle due scimmie in una data coppia aveva ricevuto una dose di uno degli ormoni, mentre l’altra aveva saltato questo trattamento. Questo, suggeriscono gli autori, indica che una quantità di comunicazione non verbale – basata sul linguaggio del corpo – si svolge tra le due scimmie, permettendo che la sincronia comportamentale si verifichi ancora. In qualche modo trasmettevano queste informazioni l’una all’altra: la comunicazione non era ovviamente verbale, ma piccoli gesti.

Ma il fatto che sia la vasopressina che l’ossitocina abbiano lo stesso effetto sui macachi rhesus rende le cose molto più complicate. Sebbene i recettori per ciascuno di questi ormoni si trovino in diverse parti del cervello, possono legarsi sia alla vasopressina che all’ossitocina. E, quando i ricercatori hanno iniettato piccole quantità di entrambi gli ormoni in una regione del cervello in cui sono stati trovati i recettori della vasopressina, hanno visto che l’ossitocina ha finito per legarsi a quei recettori. Una migliore comprensione dei meccanismi a cui accede l’ossitocina e la vasopressina può portare a trattamenti molto più efficaci per i disturbi psichiatrici, come la schizofrenia e l’autismo. I ricercatori sono particolarmente interessati a vedere se questi ormoni potrebbero essere sfruttati per migliorare i disturbi del comportamento sociale in queste e simili condizioni. I ricercatori spiegano che l’effetto di questi ormoni sembra essere molto simile in queste scimmie e negli umani.

Tuttavia, al momento, il modo in cui questi ormoni funzionano effettivamente nelle persone è abbastanza poco compreso.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jiang Y, Platt ML. Sci Rep. 2018 May 29; 8(1):8201.

Rogers CN et al. Am J Primatol. 2018 May 24:e22875. 

Weinstein TA et al. Front Behav Neurosci. 2014; 8:295. 

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Stili alimentari e rischio di osteoporosi: le ossa si fanno più forti variando dieta e nutrizione

L’invecchiamento ha un impatto sulla salute delle ossa e sui livelli ormonali, che potrebbero ridurre la densità minerale ossea (BMD). L’osteoporosi, una malattia ossea...

Caffè: gli effetti sulla salute provati dalla scienza

Senza dubbio, il suo caffè è una bevanda dal contenuto culturale unico e molti considerano la pausa caffè come un piacevole rituale di condivisione,...

Autismo: i farmaci ossitocin-like per facilitare le interazioni sociali

I disturbi dello spettro autistico (ASD) colpiscono circa uno su ogni 59 bambini, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle...

Questo si chiuderà in 20 secondi