Artrite reumatoide: come l’infiammazione cambia il cervello

Più di 1,3 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con l’artrite reumatoide. Questa è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario non riconosce il liquido sinoviale nelle articolazioni e lo attacca, causando infiammazione cronica. Ma questa infiammazione cronica interessa anche il cervello? E se sì, come? Questa domanda ha spinto i ricercatori – coadiuvati da Andrew Schrepf e Chelsea Kaplan, dell’Università del Michigan ad Ann Arbor – a esaminare il cervello di 54 persone affette da artrite reumatoide. Il team ha ora pubblicato i loro risultati sulla rivista Nature CommunicationsAnche se per molto tempo è stato ipotizzato che l’infiammazione che vediamo nel sangue abbia un impatto sul cervello, fino ad ora gli scienziati non sapevano esattamente dove e come stavano effettivamente avvenendo quei cambiamenti nel cervello. Inoltre, gli effetti dell’infiammazione sono più facili da capire quando la malattia è di breve durata, come nel caso dell’influenza. I ricercatori ora volevano capire cosa sta accadendo in condizioni in cui i pazienti hanno un’infiammazione per settimane, mesi o anni, come nell’artrite reumatoide.

Più nello specifico, Schrepf e colleghi volevano vedere come l’infiammazione periferica che è un segno distintivo dell’artrite influenzi la struttura e la connettività del cervello. A tal fine, hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale e la risonanza magnetica strutturale per analizzare il cervello di 54 partecipanti di età compresa tra 43 e 66 anni. Le scansioni del cervello sono state prese sia all’inizio dello studio che 6 mesi dopo. I partecipanti allo studio avevano vissuto con l’artrite reumatoide per un periodo medio compreso tra 2,85 e oltre 20 anni. I livelli di infiammazione sono stati studiati tramite analisi del sangue (markers), proprio come sarebbe stato fatto clinicamente da un reumatologo per monitorare la gravità della loro malattia e il modo in cui viene controllata In breve, hanno monitorato le citochine infiammatorie. Bene, i ricercatori hanno trovato risultati profondi e coerenti in un paio di aree del cervello che stavano diventando collegate a diverse reti cerebrali. Abbiamo quindi esaminato di nuovo 6 mesi più tardi e abbiamo visto modelli simili, e questa replica dei risultati non è così comune negli studi di neuroimaging. Per studiare come l’infiammazione influenzi i modelli di connettività funzionale in modo più dettagliato, i ricercatori hanno esaminato le connessioni tra 264 regioni del cervello.

Il Dr. Kaplan, ricercatore di anestesiologia presso la Michigan Medicine, spiega: “In un grafico di analisi teorica su tutta la rete cerebrale e correlandolo con i livelli di infiammazione, abbiamo visto molta convergenza tra metodi e punti temporali per la quantità di connettività nel lobo parietale inferiore e nella corteccia prefrontale mediale. Il lobulo parietale inferiore è un’area cerebrale che si trova all’intersezione tra la corteccia visiva, uditiva e somato-sensoriale, ed è la chiave per l’elaborazione visuo-spaziale. Il ruolo della corteccia prefrontale mediale non è alcuni scienziati suggeriscono che ci aiuta a prendere decisioni e recuperare informazioni dalla nostra memoria a lungo termine, mentre altri credono che ci aiuti a consolidare nuovi ricordi a breve termine. In generale, quindi, il cervello non funziona I risultati hanno anche dimostrato come l’infiammazione misurata nel sangue possa effettivamente alterare le connessioni funzionali nel cervello e svolgere un ruolo in alcuni aspetti cognitivi e sintomi che vediamo nell’artrite reumatoide. Infatti, molte persone affette da artrite reumatoide hanno riferito di sentirsi il “cervello annebbiato”, rendendo difficile per loro pensare, concentrarsi e imparare cose nuove. Gli studi supportano l’idea che non è un aneddoto, confermando che un significativo deficit cognitivo nell’artrite reumatoide sia possibile.

Questi dati intriganti supportano l’idea che l’infiammazione dell’artrite reumatoide colpisca il cervello e non solo le articolazioni, dando la possibilità di migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da questa malattia.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Schrepf A, Kaplan C et al. Nat Commun 2018; June 8; 9(1):2243

Joaquim AF, Appenzeller S. Autoimmun Rev. 2015; 14(12):1116-22.

Le Guern V et al., Guillevin L. Ann Rheum Dis. 2010; 69(1):132-37. 

Bartolini M et al., Danieli G.Clin Exp Rheumatol. 2002; 20(4):491-97.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it