venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Terapia genica: le prime prove per l’insufficienza renale cronica

L’insufficienza renale cronica è un problema enorme e in crescita. Negli Stati Uniti, la malattia renale cronica colpisce circa 30 milioni di persone, la maggior parte delle quali non si rende conto di avere la condizione fino a quando non si verifica un danno irreparabile agli organi perché sintomi come nausea, vomito e gonfiori sono così comuni e non specifici per la malattia. Non esiste anche una cura per la condizione e i principali approcci terapeutici alla malattia allo stadio terminale sono la dialisi e il trapianto di rene. Sfortunatamente, nel corso degli anni, gli scienziati non hanno sviluppato farmaci più efficaci per la condizione, e questa realtà li sta portando ad esplorare la terapia genica come possibile alternativa. Come riportato nel Journal of American Society of Nephrology, il dott. Benjamin Humphreys e il suo team hanno testato se sei ceppi di virus adeno-associato (AAV), sia naturali che sintetici, potevano fornire materiale genetico alle cellule renali nei topi e nelle cellule staminali. organoidi dei reni umani derivati ​​dalle cellule. Dopo un trauma renale, i progenitori mesenchimali nell’interstizio renale si differenziano in miofibroblasti, cellule che hanno un ruolo fondamentale nella fibrosi renale. La capacità di fornire materiale genetico ai progenitori miofibroblastici potrebbe consentire nuovi approcci terapeutici per il trattamento della fibrosi renale.

Studi pre-clinici e clinici mostrano che i virus adeno-associati (AAV) trasducono in modo efficiente e sicuro vari bersagli tissutali in vivo. Questo è il motivo per cui il team ha testato l’effetto di un AAV sui miofibroblasti renali. Hanno modificato il virus al fine di cancellare nelle cellule la proteina Gli2. Questa proteina appartiene alla via di segnalazione Wnt-catenina beta, che serve alla organogensi embrionale. Dopo l’attivazione del recettore Wnt, Gli2 lega il DNA per stimolare la produzione di collagene. Hanno scoperto che un ceppo sintetico, Anc80, è riuscito a colpire due tipi di cellule coinvolte nel causare il danno irreparabile che si verifica nella malattia renale cronica. I ricercatori hanno anche scoperto che questo stesso virus potrebbe essere usato come terapia genica per trattare i topi con fibrosi renale. Per quanto riguarda gli AAV, un lato positivo è che questi virus persistono nel corpo per molti mesi, il che potenzialmente consente al tempo per la terapia genica di fare il suo lavoro. La malattia renale cronica è una malattia lentamente progressiva, e questo è un vantaggio. Dopo molti anni di ricerca, questo potrebbe prevedere che i pazienti avrebbero bisogno di iniezioni forse due volte l’anno rispetto a ogni settimana, come con la chemioterapia antitumorale.

Data la mancanza di innovazione finora, questo trattamento rappresenta un incoraggiante e positivo passo in avanti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ikeda Y et al., Humphreys B. J Am Soc Nephrol. 2018 Jul 5.

Aguti S et al. Expert Opin Biol Ther. 2018 Jun;18(6):681-693. 

Carvalho LS, Xiao R et al. Hum Gene Ther. 2018 Mar 20.

Kramann R. Nephrol Dial Transplant. 2016; 31(12):1989-95.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Digitalizzazione e salute mentale: cosa è cambiato e cosa rischia di aggravarsi?

I tassi di prevalenza di depressione e ansia stanno aumentando in tutto il mondo, soprattutto dopo lo scoppio pandemia da coronavirus SARS-CoV2, l'agente patogeno...

Malattie reumatiche: il punto dall’incontro annuale internazionale oltreoceano

Si conclude oggi l”incontro annuale del Collegio Americano di Reumatologia (ACR/ARP) tenutosi ad Atlanta dall’8 al 13 Novembre, dive sono stati presentati posters dei...

Puberty: overweight girls might have their own “way to go”

Girls have been experiencing puberty earlier in life for the last 150 years or so, with 12.5 years being the average age girls start...

Questo si chiuderà in 20 secondi