Home RICERCA & SALUTE Infiammazioni intestinali: va rivisto anche il microbiota dei virus

Infiammazioni intestinali: va rivisto anche il microbiota dei virus

Uno studio condotto da un team di ricercatori presso l’Università del Colorado Anschutz Medical Campus rivela una connessione chiave tra virus e malattie infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn. Breck Duerkop, PhD, assistente professore di immunologia e microbiologia presso la School of Medicine dell’Università del Colorado, e un team di scienziati focalizzati sui virus che popolano i batteri nell’intestino noti come batteriofagi o semplicemente fagi. “I numeri dei fagi sono elevati alla superficie della mucosa intestinale e aumentano in abbondanza durante la malattia infiammatoria intestinale (IBD), suggerendo che i fagi svolgano un ruolo non identificato nelle IBD”, ha detto Duerkop, autore principale dello studio pubblicato lunedì sulla rivista Nature Microbiology. Il morbo di Crohn e patologie simili pongono significativi oneri sanitari in tutto il mondo e ha ispirato un’intensa indagine sui fattori ambientali che causano l’infiammazione persistente dell’intestino.

Le comunità microbiche (microbiota) sono fondamentali per il mantenimento della salute intestinale, ma i cambiamenti nella composizione di questi organismi possono causare una risposta infiammatoria da parte dell’organismo. Secondo Duerkop, la maggior parte degli studi sul modo in cui queste comunità microbiche potrebbero scatenare l’infiammazione si sono concentrate principalmente sui batteri piuttosto che sui virus che risiedono al loro interno. Quando si verifica l’infiammazione, Duerkop ha scoperto che le comunità di batteriofagi cambiano casualmente portando a una firma genetica indicativa dell’ambiente infiammatorio. Il team ipotizza che l’infiammazione o altre difese dell’ospite alterino l’abbondanza dei fagi durante la colite. Tali tensioni potrebbero produrre disturbi ecologici nell’ambiente intestinale, causando alterazioni all’interno della comunità virale. Tali disturbi potrebbero essere il risultato di virus che uccidono i batteri benefici nell’intestino, e permettono ai batteri “cattivi” di causare infiammazione e malattie intestinali.

Gli esperimenti sono stati condotti con topi; ciò che il team ha visto con gli animali è coerente con ciò che è stato visto negli esseri umani con IBD. Mentre i meccanismi di funzionamento di questi fagi richiederà ulteriori studi, Duerkop ha affermato che questa scoperta potrebbe portare a nuovi tipi di terapia per queste malattie spesso debilitanti. Duerkop ha commentato: “I medici potrebbero bersagliare determinati batteri con virus per eliminare i batteri che portano all’infiammazione. I batteri potrebbero essere manipolati per aggirare lo sviluppo della malattia. Potremmo promuovere la crescita di batteri buoni – una sorta di fagoterapia, e forse usare i fagi come marcatori per identificare qualcuno predisposto a sviluppare queste malattie. Sebbene ci sia chiaramente più ricerca da fare, il potenziale è molto eccitante”. Ma questi risultati sembrano ribaltare le credenze precedenti ed impongono nuove indagini.

  • a cura del Dott. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Duerkop BA et al., Hooper LV. Nat Microbiol. 2018 Jul 23.

Chatterjee A, Duerkop BA. Front. Microbiol. 2018 Jun 27; 9: 1394.

Zhu W et al., Winter SE. Nature 2018 Jan 11; 553 (7687): 208-211.

Hughes ER et al. Cell Host Microbe 2017; 21 (2): 208-219.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI