lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Neuromielite ottica: l’antistaminico giova alla qualità di vita

L’aggiunta di cetirizina (la popolare terapia di allergia venduta con il marchio Zyrtec) alla terapia standard è sicura, ben tollerata e può ridurre le recidive nei pazienti con neuromielite ottica (NMO), una malattia rara e grave che causa infiammazione e demielinizzazione (danno alla mielina, il rivestimento protettivo delle cellule nervose), principalmente nel nervo ottico (neurite ottica), midollo spinale (mielite) e tronco cerebrale. Gli attuali trattamenti standard per NMO si sono concentrati sui linfociti; tuttavia, l’infiltrazione dei granulociti ha dimostrato di svolgere un ruolo importante nella distruzione infiammatoria correlata a NMO. Oltre alle sue funzioni antistaminiche, è noto che la cetirizina possiede proprietà di stabilizzazione dell’eosinofilo. La cetirizina ha anche altri effetti su altri componenti del sistema immunitario, inclusa l’inibizione della chemiotassi dei linfociti e dei macrofagi. Il lavoro sul modello animale ha dimostrato che lo sviluppo di lesioni di tipo NMO potrebbe essere bloccato con la somministrazione di cetirizina, quindi è stato emozionante vedere se potesse essere sicuro ed efficace per i pazienti di NMO umani.

Pertanto, un gruppo di ricerca ha avviato un trial pilota, in aperto, con aggiunta di cetirizina, seguito da 16 pazienti NMO che assumevano 10 mg / die di cetirizina somministrati per via orale per un anno. I partecipanti sono stati arruolati / seguiti da aprile 2014 a febbraio 2016. Lo studio ha misurato l’ARR dei pazienti prima di iniziare la cetirizina rispetto a dopo aver assunto la cetirizina. I partecipanti hanno iniziato con 10 mg di cetirizina al giorno per via orale e hanno continuato per un anno, in aggiunta alla terapia di modificazione della malattia (DMARD). Sono stati monitorati per nuovi episodi neurologici e potenziali eventi avversi correlati al farmaco in studio. Le valutazioni formali di recidive e la scala di sonnolenza di Epworth sono state completate a 3, 6, 9 e 12 mesi. L’endpoint primario era il tasso di recidiva annualizzato (ARR) mentre si effettuava la stessa terapia modificante la malattia prima di iniziare la cetirizina rispetto a dopo aver assunto la cetirizina. L’ARR prima della cetirizina era 0,4 ± 0,80 e dopo la cetirizina era 0,1 ± 0,24 (p = 0,047). La conclusione è che la cetirizina è sicura, ben tollerata e può aiutare a prevenire le ricadute della NMO.

Il design in aperto e la piccola dimensione del campione in questo studio precludono conclusioni definitive; tuttavia, questi risultati giustificano ulteriori studi. La cetirizina somministrata cronicamente può essere in grado di prevenire l’attivazione e la chemiotassi degli eosinofili e di altre cellule infiammatorie, qualora si verifichi l’inizio di una cascata di recidive; tuttavia, per determinarlo definitivamente sarebbe necessario un campione più ampio con una raccolta di campioni più frequente. Tra parentesi, non è il primo antiistaminico testato per cercare di curare le malattie neurodegenerative. Anche il ketotifene, un antiistaminico di seconda generazione è stato trovato efficace in modelli sperimentali di meuromielite ottica ed encefalomielite allergica sperimentale (EAE), il modello di laboratorio della sclerosi multipla. Più recentemente, un altro antiistaminico trovato efficace in modelli sperimentali è l’astemizolo. Ed esistono dati non ancora pubblicati per la loratadina, un antiallergico che non passa la barriera ematoencefalica evitando così il fastidioso effetto collaterale della sonnolenza. E’ augurale che questa classe di farmaci subentri nel trattamento di queste gravi patologie, non fosse altro che si riduce l’assunzione degli steroidi, i cui effetti collaterali nel tempo sono noti a tutto il pubblico.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Landi  D et al. PLoS One 2017 Jul 7; 12(7):e0165415. 

Kim J, Song JH. Eur J Pharmacol. 2017; 798:122-128. 

Zhang H, Verkman AS. J Clin Invest. 2013; 123(5):2306.

Podoji JR et al. Cell Immunol. 2011; 270(2):237-50.

Pardo G et al. J Neurosci Nurs. 2010 Feb; 42(1):40-6.

Jadidi-Niaragh F et al. Neuropharmacology. 2010; 59(3):180

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Caffeine “to drink”: randomized studies to avoid health going random with obesity and diabetes

Caffeine in coffee and tea has thermogenic and psychostimulant effects. Several short-term randomized controlled trials (RCTs) have found that caffeine (even in trivial amounts)...

Colon irritabile: l’esercizio fisico giova senz’altro al benessere intestinale

La sindrome del colon irritabile (IBS; irritable bowel syndrome) è una malattia gastrointestinale comune, caratterizzata da dolore e malessere allo stomaco e alto ventre,...

Sul buon sonno in tempi di lockdown: due studi fanno il resoconto dei vantaggi per la salute

Gli ordini di confinamento a casa e i “blocchi” legati alla pandemia di COVID-19 hanno avuto un impatto importante sulla vita quotidiana delle persone...

Questo si chiuderà in 20 secondi