Cancro cerebrale: la vitamina C come supporto terapeutico al vaglio

Cancro cerebrale: la vitamina C come supporto terapeutico al vaglio

Il glioblastoma multiforme è un tumore maligno di alto grado con una prognosi infausta; la sopravvivenza mediana è di 12 mesi e il 2% sopravvive per tre anni. La chemioterapia, la radioterapia e l’eventuale chirurgia di svuotamento sono le principali opzioni di attacco. Le cure palliative sono importanti anche per la qualità della vita in questi pazienti. Un singolo caso studio è riportato da un gruppo di ricerca che ha testato l’effetto della mega-dose di vitamina C in una donna affetta da cancro al cervello. L’uso di ascorbato farmacologico come terapia adiuvante per il cancro è stato proposto già nel 1976. Studi più recenti hanno costantemente dimostrato tossicità selettiva per le cellule tumorali rispetto alle cellule normali in vitro e in vivo. Il meccanismo d’azione per la tossicità selettiva delle cellule tumorali non è completamente compreso, sebbene diversi studi abbiano suggerito che l’effetto citotossico è mediato dalla riduzione mediata da ascorbato di certi ioni metallici (es. rame e ferro). La successiva generazione di perossido di idrogeno, può indurre stress ossidativo, esaurire i depositi di energia cellulare e quindi causare la morte cellulare. Un altro meccanismo d’azione plausibile è stato recentemente proposto, poiché è stato dimostrato che la somministrazione di ascorbato ad alte dosi rallenta la crescita del tumore sopprimendo l’attività del fattore inducibile dall’ipossia (HIF-1), che è noto per contribuire alla progressione del tumore.

La dott.ssa Anitra Carr, del Dipartimento di Patologia e Scienze Biomediche dell’Università di Otago, in Nuova Zelanda, ha commentato: “Dopo l’inizio dei trattamenti con vitamina C (Gennaio 2011), la paziente ha riferito miglioramenti clinici che sono stati mantenuti per quasi quattro anni dopo la diagnosi. Ha notato un miglioramento dell’energia e la durata del cammino quattro settimane dopo l’inizio iniziale della vitamina C, prima di iniziare il suo primo ciclo di radioterapia. Ha scelto di continuare la vitamina C e.v. durante i suoi due cicli di chemioterapia e radioterapia, nonostante sia stato consigliato di non raccomandare vitamina C in concomitanza con questi trattamenti, in quanto vi è una ricerca limitata sui benefici o le interazioni in quest’area. Ha sentito che ha aiutato i suoi sintomi e ha riferito di tollerare abbastanza bene la radioterapia”. Sebbene la vitamina C e.v. fosse l’unico trattamento aggiuntivo che il paziente stava intraprendendo, i ricercatori non possono concludere che fosse il fattore principale nella sua maggiore sopravvivenza libera da progressione. Sono stati risolti sintomi clinici come affaticamento, dispnea, insonnia, perdita di appetito e diarrea e il funzionamento fisico e di ruolo del paziente è aumentato in modo significativo, così come lo stato di salute globale, che è migliorato da “molto scarso a eccellente”.

All’inizio di novembre si è deteriorata con ridotta vigilanza, debolezza ai lati destro e disfasia espressiva. Ha cessato l’IV vitamina C in questo momento. Ha continuato a deteriorarsi fino al 26 febbraio 2015 quando è morta a casa, quattro anni e tre mesi dalla diagnosi iniziale. Non ci sono stati calcoli renali o compromissione della funzione renale in tutti i quattro anni di trattamento con vitamina C endovena in questo caso. Complessivamente, la vitamina C somministrata in concomitanza con chemioterapia e radioterapia, non ha avuto apparenti reazioni avverse e ha contribuito a migliorare la qualità della vita, e potenzialmente un aumento della sopravvivenza libera da progressione e della sopravvivenza globale. Gli studi clinici sull’uso di vitamina C e.v. nei pazienti critici e nei pazienti con cancro, hanno dimostrato mancanza di tossicità, buona sicurezza e tollerabilità. Studio clinico di fase 1 nell’uso concomitante di vitamina C e.v. in pazienti con glioblastoma sottoposti a chemioterapia e radioterapia. Tuttavia, è interessante notare che la modifica epigenetica della DNA idrossilasi TET2 è osservata nel glioblastoma umano. Questo enzima ha bisogno di vitamina C come cofattore e la riduzione dell’idrossimetil-citosina nel DNA è associata alla minore sopravvivenza dei pazienti. Ciò suggerirebbe un possibile meccanismo mediante il quale la vitamina C potrebbe aiutare nella terapia del glioblastoma.

La vitamina C per via endovenosa anche a dosi superiori a 1g/kg di peso corporeo è stata molto ben tollerata. Oltre a quelle già esistenti (vedere bibliografia), ulteriori prove cliniche sull’uso di vitamina C e.v. come terapia adiuvante nelle persone con glioblastoma sono garantite.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Baille N, Carr AC et al. Antioxidants 2018 Aug; 7:115-120.

Polireddy K, Dong R. et al. Sci. Reports 2017; 7:17188.

Hoffer L, Robitaille L et al. PLoS ONE 2015; 10:e0120228.

Carr AC, Vissers MCM, Cook JS Front. Oncol. 2014; 4:1–7.

Welsh JL et al. Cancer Chemother. Pharm. 2013; 71:765–75.

Stephenson C et al. Cancer Chemother. Pharm. 2013; 72:139.

Monti DA et al., Levine M. PLoS ONE 2012; 7:e29794.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1337 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it