venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Depressione e traumi: fanno invecchiare il DNA con tanto di prova

Vi è una crescente evidenza che la depressione grave e il trauma sono associati a periodi di vita più brevi. Ora un team internazionale di ricercatori ha dimostrato che la depressione maggiore provoca cambiamenti misurabili nel DNA dei pazienti, fornendo valori che corrispondono a quelli delle persone anziane. Il DNA delle persone che soffrono di depressione maggiore è biologicamente più vecchio di quello delle persone sane in media 8 mesi, suggerendo che sono biologicamente più anziani della corrispondente età del calendario. Questo effetto è stato maggiore nelle persone che hanno subito traumi infantili, come violenza, abbandono o abuso sessuale, che mostrano un’età biologica di circa un anno più vecchia della loro età reale. Questo lavoro è presentato alla conferenza ECNP di Barcellona. Lavorando con 811 pazienti depressi e 319 soggetti di controllo provenienti dallo Studio Olandese di Depressione e Ansia, il team ha studiato come il loro DNA estratto da campioni di sangue sia stato modificato con l’età. Il DNA del materiale genetico viene spesso processato nel corpo dalla metilazione, che avviene quando il DNA riceve un gruppo metilico (CH3). La metilazione del DNA è un modo in cui il corpo consente di modificare l’espressione genica senza modificare la sequenza del DNA stesso.

In media, il team ha scoperto che i pazienti con disturbo depressivo maggiore (MDD) mostravano un grado di metilazione del DNA che corrispondeva ad un aumento dell’età; biologicamente, erano in media 8 mesi più anziani dei soggetti sani di controllo. In alcuni casi di depressione estrema, è stato riscontrato che i pazienti avevano un’età biologica di 10-15 anni più vecchia rispetto all’età cronologica. Il team ha verificato il risultato esaminando campioni di cervello post-mortem, di 74 pazienti depressi e 64 soggetti di controllo, e ha trovato risultati simili nel tessuto cerebrale. I partecipanti sono stati anche interrogati sui traumi, come la negligenza emotiva, l’abuso sessuale o fisico vissuto prima dei 16 anni. In media, quelli nello studio che avevano subito un trauma infantile avevano un orologio biologico di 1.06 anni più vecchio dei controlli. Questa scoperta che la metilazione del DNA cambia con l’età può avere diverse conseguenze pratiche. Ad esempio, può essere utile come un segnale di rischio precoce per determinate malattie legate all’età, specialmente con quelle agli estremi che mostrano cambiamenti significativi nel loro orologio epigenetico. Il fatto che risultati simili sono apparsi sia nel sangue che nel tessuto cerebrale di cadaveri, aiuta a sostenere che questo è un vero effetto che si osserva.

Tuttavia, l’uso maggiore di questa tecnica potrebbe essere meno correlato alla salute individuale, ma più a che fare con il modo in cui potrebbe aiutare gli scienziati a vedere l’invecchiamento a livello epidemiologico. La ricercatrice principale, Laura Han, della UMC di Amsterdam, ha spiegato l’intero lavoro: “Quello che vediamo è in realtà un ‘orologio epigenetico’, in cui i modelli di modifica del DNA del corpo sono un indicatore dell’età biologica. più veloce in coloro che sono attualmente depressi o stressati. loci specifici aumentano e diminuiscono con l’età, e quindi questo modello di metilazione è un buon indicatore dell’età biologica. Questa differenza diventa più evidente con l’aumentare dell’età, specialmente quando le persone si spostano tra i 50 ei 60. Abbiamo anche scoperto che le persone erano state oggetto di a fattori di stress come il trauma infantile o il disturbo depressivo maggiore, hanno mostrato un grado di metilazione del DNA che corrispondeva a quello delle persone anziane. Quando guardiamo all’interno del gruppo di individui depressi, vediamo e che i traumi dell’infanzia vissuti prima dei 16 anni erano associati ad un invecchiamento epigenetico ancora più pronunciato più tardi nella vita. Naturalmente, queste sono associazioni, quindi abbiamo bisogno di studi collegati a lungo termine per poter trarre conclusioni sul fatto che il trauma causi l’invecchiamento epigenetico”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Han LKM et al. Am J Psychiatry. 2018 Aug; 175(8):774-82.

McKinney BC et al. Schizophr Res. 2018 Jun; 196:39-44.

Kim HN, Chang J et al. Aging Cell 2017 Aug;16(4):693-703.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Piscina: attenti ai germi, ma anche a troppo cloro…

Informazioni generali Le piscine, nelle quali ci si bagna durante i giorni estivi o le si frequenta per attività agonistica invernale, possono nascondere alcuni ospiti...

Nanocorpi: gli anticorpi rivoluzionari anti-allergia primaverile

Una reazione allergica coinvolge normalmente gli allergeni che entrano in contatto con gli anticorpi IgE prodotti durante una sensibilizzazione. Queste cellule specifiche sono in...

Identificata l’ennesima variante di forma depressiva, il “biotipo cognitivo”: in cosa consiste?

Gli scienziati della Stanford Medicine hanno condotto uno studio che descrive una nuova categoria di depressione (denominata biotipo cognitivo) che rappresenta il 27% dei...

Questo si chiuderà in 20 secondi