Home BIOMEDICINA & SALUTE Rischio ictus: come è coinvolto lo stato organico del ferro

Rischio ictus: come è coinvolto lo stato organico del ferro

Negli Stati Uniti, più di 795.000 persone hanno un ictus ogni anno e circa 140.000 muoiono, pari a 1 su 20 decessi. La maggior parte degli ictus è di tipo ischemico, che si verifica quando un blocco in un vaso sanguigno ha interrotto il sangue ricco di ossigeno e sostanze nutritive raggiungendo la parte interessata del cervello. Gli scienziati dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito hanno esaminato il rischio di ictus nelle persone per le quali avevano informazioni sui loro livelli di ferro e se avevano differenze genetiche che alteravano il loro stato di ferro organico. Questo ha prodotto prove che suggeriscono che quelli con livelli di ferro “geneticamente determinati più alti” erano a maggior rischio di avere un ictus, notano in un rapporto sullo studio che ora compare nella rivista Stroke. Inoltre, sembra che “questo effetto sia guidato da un aumentato rischio di ictus cardioembolico“, un tipo di ictus in cui il sangue in un vaso che rifornisce il cervello è bloccato a causa di un’ostruzione partita dal cuore. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 15 milioni di persone hanno un ictus ogni anno. Di questi, 5 milioni muoiono di conseguenza e altri 5 milioni saranno disabilitati per il resto della loro vita.

L’ictus cardioembolico rappresenta una notevole percentuale di ictus ischemici ed è spesso collegato a una condizione cardiaca chiamata fibrillazione atriale, in cui il cuore batte in modo irregolare e spesso più veloce del normale. Il ferro ha molti usi nel corpo, il principale è quello di trasportare l’ossigeno nei globuli rossi. Gli autori spiegano che gli studi hanno esaminato i legami tra i livelli di ferro e il rischio di ictus, ma i risultati sono stati “contrastanti”. Alcuni studi, ad esempio, hanno legato un elevato rischio di ictus a bassi livelli di ferro, mentre altri lo hanno legato ad alti livelli di ferro. Inoltre, ci sono stati anche studi che non hanno trovato alcun collegamento. Gli scienziati hanno deciso di indagare ulteriormente, perché ci sono stati anche studi che hanno suggerito che in alcuni casi il ferro in realtà innesca la formazione di un coagulo. La prima parte dell’indagine del team ha riguardato l’identificazione di differenze genetiche che influenzano la quantità di ferro posseduta, nota come “stato di ferro”. Hanno cercato fonti di dati pubbliche che contenevano informazioni genetiche su oltre 48.000 persone.

Usando una tecnica chiamata randomizzazione mendeliana, gli scienziati hanno identificato tre “alterazioni a lettera singola” o polimorfismi a singolo nucleotide (SNP), nel loro DNA che può aumentare o ridurre lo stato di ferro di un individuo. Hanno quindi utilizzato i tre SNP per esaminare un altro set di dati genetici che copriva 60.000 persone che avevano subito ictus. Hanno scoperto che le persone con SNP che possono aumentare lo stato di ferro erano quelle con maggiori probabilità di avere ictus cardioembolici. Il team ha anche utilizzato la randomizzazione mendeliana per esplorare altri fattori che potrebbero avere un impatto sul rischio di ictus. Questo ha rivelato che le persone che hanno più piastrine nel sangue (le cellule che promuovono la coagulazione), potrebbero essere a più alto rischio di ictus ischemico. Un’altra indagine ha portato alla scoperta che gli individui a basso contenuto di fattore XI, che è un composto che aiuta anche la coagulazione del sangue, potrebbe essere a rischio ridotto di ictus cardioembolico.

Gli autori dello studio, tuttavia, avvertono che le persone non dovrebbero usare questi risultati come una ragione per cercare di alterare i loro livelli di ferro, e chiedono ulteriori ricerche per confermare i loro risultati e anche scoprire perché il ferro può avere questo effetto. Il Dr. Dipender Gill, della School of Public Health dell’Imperial College di Londra, ha commentato: “Questa è una scoperta nella fase iniziale, e non raccomanderemmo sicuramente che i pazienti a rischio di ictus riducano il loro apporto di ferro, poiché ha molti ruoli cruciali in il corpo. Tutti questi risultati evidenziano potenziali trattamenti o interventi sullo stile di vita che possono aiutare a ridurre il rischio di ictus e che possono offrire strade per ulteriori studi”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Hindy G, Engström G, Larsson SC, Traylor M, Markus HS, Melander O, Orho-Melander M; Stroke Genetics Network (SiGN). Stroke. 2018 Apr;49(4):820-827.

Korchagin VI et al. Nevrol Psikhiatr Im S S Korsakova. 2017;117(12. Vyp. 2):11-18. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI