Uveite: dai tumori forse il farmaco anti-infiammatorio perfetto

Uveite: dai tumori forse il farmaco anti-infiammatorio perfetto

Si stima che l’uveite rappresenti il ​​10% di tutti i casi di cecità negli Stati Uniti, compresi 30.000 nuovi casi di cecità legale ogni anno. È affetto da circa 200.000 persone negli Stati Uniti. Anche se di solito si verifica negli adulti, circa il 5-10% dei casi inizia prima dei 16 anni. Circa 43.000 nuovi casi vengono diagnosticati negli Stati Uniti ogni anno. La malattia è causata da risposte infiammatorie all’interno dell’occhio, forse a causa di un attacco dal sistema immunitario del corpo. Infezioni o tumori, lividi e tossine che penetrano nell’occhio potrebbero anche portare alla malattia. I sintomi includono visione offuscata, dolore agli occhi e arrossamento. La consapevolezza della malattia è aumentata mentre celebrità come Mila Kunis hanno pubblicamente commentato le lotte che i pazienti con uveite hanno con problemi di vista. L’uveite da infiammazione oculare è una malattia grave che può distruggere il tessuto oculare e causare cecità irreversibile. Fortunatamente, la cecità e il danno agli occhi possono essere prevenuti sopprimendo il sistema immunitario e trattando la malattia con corticosteroidi.

Mentre i corticosteroidi sono efficaci nel trattamento dell’infiammazione e nella prevenzione della cecità, diventano spesso intollerabili nel tempo. C’è il rischio di effetti collaterali sistemici come intolleranza al glucosio, ipertensione e osteoporosi con steroidi per via orale nel tempo. Il trattamento con steroidi intraoculari riduce gli effetti avversi sistemici. Ma questo trattamento può causare perdita della vista a causa dello sviluppo di una cataratta o di un glaucoma indotto da steroidi. Ma una classe di farmaci noti come inibitori di MDM2 potrebbe potenzialmente essere un nuovo trattamento promettente per questa malattia cronica, che colpisce in genere giovani e adulti di mezza età. MDM2 è attualmente in corso di valutazione come terapia del cancro negli studi clinici. Ma gli scienziati hanno scoperto che la stessa classe di farmaci può inibire l’infiammazione oculare, il che è stato un vantaggio sorprendente. Il gruppo di ricerca guidato dal Dr. Chavala, ha studiato gli effetti di MDM2 nei topi utilizzando Nutlin-3, un agente che blocca MDM2. L’infiammazione è stata quasi abolita con il rilascio sistemico e oculare dell’inibitore MDM2.

In precedenza ha dimostrato che Nutlin-3, un inibitore della piccola molecola dell’omologo murino doppio minuto 2 (MDM2), sopprime l’angiogenesi patologica della retina attraverso un meccanismo p53-dipendente, ma le funzioni non-pancali p53-indipendenti non sono state adeguatamente chiarite. Nelle loro nuove serie di esperimenti, i ricercatori sono stati in grado di trovare una funzione imprevista dell’inibizione di MDM2, in cui Nutlin-3 abrogava potentemente l’infiammazione oculare indotta dal lipopolisaccaride, una componente batterica. Inoltre, hanno identificato un meccanismo mediante il quale la trascrizione e la traduzione di NF-KB sono mediate da MDM2, indipendentemente da p53, nell’infiammazione oculare. NF-kB è il principale fattore di trascrizione che consente alle cellule immunitarie di elaborare le citochine più comuni, che sviluppano l’infiammazione. Nutlin-3 e relativi derivati ​​futuri, quindi, rappresenteranno una nuova classe di agenti anti-infiammatori che potrebbero essere applicati per curare l’uveite cronica. I risultati sono pubblicati sulla rivista American Journal of Pathology.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Fan Y et al., Chavala SH. Am J Pathol. 2018; 188(9):2087-2096.

Zhou G et al. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2017; 58(12):5361-67.

McEvoy JD, Dyer MA. Crit Rev Oncogen. 2015; 20(3-4):217-25. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it