Ospedalizzazione anziani: se attiva, i costi si riducono e la degenza è migliore

Ospedalizzazione: se attiva, i costi si riducono e la degenza è migliore

Ricercatori presso Navarrabiomed, il Centro di ricerca biomedica del governo della Navarra e l’Università Pubblica della Navarra (NUP / UPNA), hanno appena stato pubblicato un nuovo studio sul Journal of American Medical Association (JAMA Internal Medicine). Questi risultati aprono la possibilità di unità di ospedalizzazione medica cambiando il loro paradigma tradizionale, che si concentra principalmente sulla malattia, a un altro che riconosce lo stato funzionale della persona come un segno clinico che può essere negativamente influenzato da questo ricovero tradizionale (classicamente basato sul riposo a letto). Le persone che hanno partecipato a questa ricerca hanno partecipato a un programma personalizzato e controllato di esercizi di forza, equilibrio e camminata adattati alle loro possibilità, anche durante la fase acuta delle loro malattie. A seconda dello stato di ciascun paziente, è stata specificata un’intensità di allenamento compresa tra il 30% e il 60% della loro capacità muscolare, quindi hanno eseguito esercizi con le gambe e le braccia. Queste sessioni sono durate venti minuti due volte al giorno (mattina e pomeriggio), tra cinque e sette giorni consecutivi (compresi i fine settimana) sotto la supervisione individuale di esperti nel campo dell‘esercizio fisico per gli anziani.

I risultati dello studio mostrano che, quando dimesso dall’ospedale, il gruppo che aveva partecipato al programma di esercizio prescritto ha ottenuto, rispetto a chi non l’ha fatto, un totale di 2,2 punti sopra la media su un punteggio massimo di 12 in lo strumento di valutazione funzionale SPPB (Short Physical Performance Battery), che misura l’equilibrio, la velocità di camminata e la forza delle gambe, e 6,9 ​​punti sopra il punteggio medio dell’Indice Funzionale di Barthel per le attività della vita quotidiana, che ha un punteggio massimo di 100 punti. Questi risultati sono particolarmente importanti, poiché esiste un consenso scientifico che riguarda un aumento di un punto della scala SPPB e cinque sulla scala di Barthel come clinicamente significativi. Rispetto agli interventi effettuati finora con pazienti che si adattano a questo profilo, questo è nuovo e costituisce un progresso significativo nel trattare gli aspetti funzionali quando si abbandonano i modelli di ospedalizzazione che incoraggiano il riposo a letto e l’immobilizzazione del paziente. Sono stati trovati anche significativi benefici dell’intervento dal punto di vista della qualità cognitiva e della qualità della vita. I miglioramenti sopra menzionati sono stati raggiunti senza effetti collaterali o aumento della degenza ospedaliera.

I Drs. Nicolás Martínez-Velilla e Mikel Izquierdo hanno sottolineato: “Il programma di attività fisica adattato dal programma di formazione VIVIfrail (già sperimentato con successo su quasi mille persone con problemi di fragilità e residenti in sette paesi europei) è stato adattato in ogni momento al circostanze cliniche di ciascun paziente. Lungi dal portare a complicazioni nel loro stato di salute iniziale, è stato trovato un supporto significativo nella prevenzione della fragilità, un fattore nell’eliminazione delle complicazioni legate alla permanenza passiva in ospedale e un mezzo di motivazione per il superamento delle malattie. Coinvolgere con l’esercizio fisico multicomponente innovativo personalizzato, che include un allenamento di resistenza di intensità moderata in un brevissimo periodo di tempo, cinque giorni in media, ha un beneficio significativo sull’assistenza di routine e può aiutare a invertire il deterioramento funzionale e cognitivo associato all’ospedalizzazione degli anziani. Fino ad ora nessuno aveva suggerito che i pazienti di questo tipo (anziani con una serie di malattie) potessero beneficiare in soli cinque giorni di un programma di esercizi personalizzati ben lontano dal solito messaggio di “alzarsi e camminare lungo il corridoio per un po” e poi “riposo a letto o in poltrona”.

Tuttavia, questo intervento non ha modificato il tasso di riammissione o di mortalità tre mesi dopo. In una popolazione anziana come quella dello studio e con una aspettativa di vita teoricamente breve dopo il ricovero, lo scopo del nostro intervento non era quello di aumentare la quantità ma la qualità della vita. Il dott. Mikel Izquierdo ha concluso: “A volte crediamo che i miglioramenti nelle tecnologie o l’ultima terapia innovativa possano fornire tutte le soluzioni per i nostri problemi, ma non siamo consapevoli che la disabilità generata dall’ospedalizzazione possa esercitare un impatto maggiore della stessa malattia che ha indotto l’ammissione a il primo posto. In questo senso viene reiterato l’effetto estremamente positivo che l’esercizio fisico può avere sulla prevenzione e sul trattamento delle malattie”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it