giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Igiene del sonno: via tutte le luci e rispettate le buone 7 ore

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riferiscono che un terzo della popolazione degli Stati Uniti non ha abbastanza sonno. Il CDC avverte anche che la privazione del sonno aumenta il rischio di varie patologie croniche come il diabete, le malattie cardiovascolari, l’obesità e la depressione. Ma, secondo una nuova ricerca che appare nell’European Heart Journal, dormire troppo può influire negativamente sulla salute tanto quanto dormire troppo poco. Chuangshi Wang, un dottorando alla McMaster University in Ontario, in Canada, è l’autore principale del nuovo documento. Il suo team ha esaminato le abitudini del sonno di oltre 116.000 persone di età compresa tra i 35 e i 70 anni che si erano iscritte allo studio PID (Prospective Urban Rural Epidemiology). Nella loro analisi, i ricercatori hanno incluso anche informazioni sullo stato socioeconomico dei partecipanti, abitudini di vita, attività fisica, dieta, uso di vari farmaci e storia familiare di condizioni croniche.

Complessivamente, 4.381 persone sono morte e 4.365 persone hanno avuto un infarto o ictus durante il periodo di follow-up di 8 anni dello studio PURE. L’analisi di Wang e del suo team ha rivelato che le persone che dormivano regolarmente più delle 6-8 ore raccomandate a notte avevano più probabilità di morire prematuramente o sviluppare malattie cardiovascolari. Più specificamente, il rischio di morte prematura o di condizioni cardiovascolari era del 5% più alto per le persone che dormivano 8-9 ore rispetto alle persone che dormivano nella quantità raccomandata. Coloro che dormivano 9-10 ore avevano il 17% in più di probabilità di morire o sviluppare condizioni cardiache e dei vasi sanguigni. Allo stesso modo, le persone che dormivano regolarmente più di 10 ore avevano il 41% in più di probabilità di morire prematuramente o sviluppare problemi cardiovascolari. Inoltre, lo studio ha rilevato un rischio maggiore del 9% dei risultati sopra menzionati tra coloro che dormivano 6 ore o meno. Tuttavia, gli autori avvertono che questo aumento non è statisticamente significativo.

Wang commenta i risultati, dicendo: “Il nostro studio mostra che la durata ottimale del sonno stimato è di 6-8 ore al giorno per gli adulti. Dato che questo è uno studio osservazionale che può solo mostrare un’associazione piuttosto che provare una relazione causale, noi non possiamo dire che il troppo sonno di per sé causa malattie cardiovascolari: Tuttavia, un sonno troppo piccolo potrebbe essere un fattore sottostante alla morte e casi di malattie cardiovascolari, e un sonno eccessivo può indicare condizioni sottostanti che aumentano il rischio. Le ore ottimali di sonno sono circa sette al giorno; d’altra parte, se dormi troppo, diciamo più di nove ore al giorno, allora potresti voler visitare un dottore per controllare la tua salute generale. La durata del sonno e dei sonnellini diurni nelle storie cliniche dei pazienti può essere utile per identificare le persone ad alto rischio di problemi cardiaci e circolatori o morte”.

L’insonnia a breve termine colpisce circa il 30% degli adulti negli Stati Uniti. Un altro 10 percento delle persone nel paese ha l’insonnia cronica. La connessione tra luce e sonno è ben documentata. Risultati recenti, ad esempio, indicano che la luce emessa dagli schermi può influenzare le cellule sensibili alla luce nella retina e ripristinare l’orologio biologico che controlla il ciclo sonno-veglia. Anche se può sembrare intuitivo che la luce proveniente da computer portatili e smartphone interrompa il nostro sonno, può sorprendere che la luce artificiale notturna notturna possa avere un effetto simile. Una nuova ricerca trova una connessione tra l’eccessiva esposizione all’inquinamento luminoso e l’uso di sonniferi negli anziani. Una squadra del Dipartimento di medicina del lavoro e ambientale del Collegio Nazionale di Medicina dell’Università di Seoul in Corea del Sud, ha condotto uno studio per esplorare il possibile legame con la salute del sonno negli anziani.

I ricercatori hanno analizzato i dati del National Health Insurance Service-National Sample Cohort (NHIS-NSC), uno studio di coorte basato sulla popolazione condotto in Corea del Sud tra il 2002 e il 2013. La popolazione dello studio comprendeva 52.027 adulti di 60 anni o più. Nessuno era stato formalmente diagnosticato con un disturbo del sonno e le femmine costituivano circa il 60%. I ricercatori hanno utilizzato i dati satellitari per mappare la luce artificiale esterna e abbinare questi dati ai distretti residenziali di ogni individuo per determinare l’entità della loro esposizione alla luce. Il team ha anche raccolto dati dallo studio NHIS-NSC sull’uso di due farmaci ipnotici: zolpidem e triazolam. Circa il 22% della popolazione studiata aveva prescrizioni per questo tipo di farmaci. I ricercatori hanno stratificato l’esposizione individuale alla luce artificiale esterna notturna per quartile, e hanno scoperto che una maggiore esposizione alla luce è correlata a un numero significativamente maggiore di prescrizioni per questi farmaci.

Gli anziani esposti a più luce notturna durante l’orario notturno tendevano anche a prendere sonniferi per periodi di tempo più lunghi, oltre a una dose giornaliera più elevata. Lo studio ha osservato un’associazione significativa tra l’intensità dell’illuminazione artificiale notturna all’aperto e la prevalenza di insonnia, come indicato dalle prescrizioni di agenti ipnotici per gli anziani in Corea del Sud. Nel complesso, i risultati sono dati di supporto che la luce notturna artificiale esterna potrebbe essere collegata alla privazione del sonno, aggiunge il ricercatore. Date le crescenti prove scientifiche, gli scienziati avvertono che l’illuminazione esterna brillante può essere un nuovo fattore di rischio per la prescrizione di farmaci ipnotici. Questo vuol dire che il sonno notturno deve venire protetto dalle fonti di luce esterne, perché non condizioni l’orologio interno ed i ritmi circadiani ad esso connessi. Negli anziani questo può risultare più deleterio, data la loro vulnerabilità in caso di patologie concomitanti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Min JY, Min KB. J Clin Sleep Med. 2018; 14(11):1903-1910.

Raap T et al. Environ Pollut. 2018 Dec; 243(Pt B):1317-1324. 

Leocadio-Miguel MA et al. Sleep Health 2018; 4(6):572-578.

Suh YW et al. J Korean Med Sci. 2018 Aug 17; 33(38):e248.

 

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Latte e latticini a tavola: i dati delle biobanche dicono che non sono un problema per il cuore

Il latte è un nutriente complesso. Ad esempio, contiene proteine e aminoacidi essenziali, ma contiene anche grassi saturi. Forse è per questo che i...

Il belzutifan per il tumore renale: la nuova speranza viene riposizionando il farmaco

William G. Kaelin Jr., MD, del Dana-Farber Cancer Institute, ha ricevuto un premio Nobel per la fisiologia e la medicina nel 2019, per la...

La colite collagenica: un altro aspetto infiammatorio dell’intestino

La colite collagenica è un tipo di colite microscopica, caratterizzata da una fascia spessa e non elastica di collagene sotto il rivestimento del colon....

Questo si chiuderà in 20 secondi