Ovaio policistico: i batteri intestinali come possibile punto di intervento

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) colpisce circa il 10% delle donne in età fertile, e le cause esatte sono sconosciute, secondo la rete di salute degli ormoni. Non ha cura, ma i sintomi sono trattati con farmaci e cambiamenti nella dieta e nell’esercizio fisico. I segni del disturbo comprendono i follicoli cistici nelle ovaie, livelli più elevati di testosterone, eccesso di peli corporei, irregolarità o assenza di cicli mestruali e talvolta aumento di peso e resistenza all’insulina. Le donne affette mostrano iper-androgenismo, iperinsulinemia, anovulazione, morfologia dell’ovaio policistico e hanno una prevalenza dell’obesità quasi tripla rispetto alle donne senza PCOS. Sebbene i fattori genetici, gestazionali e di stile di vita siano stati suggeriti per coinvolgere nello sviluppo della PCOS, i trigger esatti per queste importanti alterazioni biochimiche e metaboliche rimangono ancora poco chiari. Poiché alti livelli di insulina circolante che stimolavano le cellule della teca ovarica per produrre androgeno erano stati supportati da vari esperimenti, una nuova ipotesi microbiologica suggeriva che la disbiosi intestinale potesse cambiare le ovaie per produrre androgeni, interferendo con lo sviluppo normale del follicolo attraverso una risposta infiammatoria cronica e insulino-resistenza.

Ulteriori prove suggeriscono che il microbiota intestinale e i suoi metaboliti hanno la capacità di regolare l’attivazione del processo infiammatorio, la secrezione di peptidi cerebrali e la proliferazione delle cellule beta dell’isoletta, portando così ad un accumulo di grasso anormale o eccessivo, insulino-resistenza e iperinsulinemia compensativa. Inoltre, la ridotta produzione normale di acidi grassi a catena corta (SCFA) da parte di batteri buoni può avere un impatto in questo contesto. Possibili conseguenze a lungo termine sulla salute comprendono infertilità, aborto, complicanze della gravidanza, diabete di tipo 2, ipertensione e depressione. Secondo un recente studio su un modello murino di questa comune malattia endocrina femminile, i sintomi della PCOS sono migliorati con l’esposizione a batteri sani nell’intestino. I risultati dello studio sono stati presentati lo scorso lunedì all’ENDO 2019, l’Incontro annuale della Società Endocrina a New Orleans, e si basa su recenti ricerche condotte dagli stessi investigatori che dimostrano che il microbioma intestinale umano (la composizione batterica intestinale), è meno diversificato nelle donne con PCOS. Responsabile di questa ricerca è la ricercatrice senior Varykina Thackray, PhD, presso l’Università della California, San Diego School of Medicine.

Thackray e il suo gruppo di ricerca hanno indotto la PCOS in topi femmina che stavano attraversando la pubertà dando loro il letrozolo, un inibitore dell’aromatasi. Bloccando la conversione del testosterone in estrogeni, questo farmaco ha come risultato livelli elevati di testosterone e nei topi anche altri segni della PCOS. Un altro gruppo di controllo di topi ha ricevuto un trattamento con un placebo in questo studio, che ha ricevuto finanziamenti dall’Istituto Nazionale per la Salute Infantile e lo Sviluppo Umano (NICHD). Per cinque settimane i ricercatori hanno tenuto due topi per gabbia in tre diversi sistemi di alloggiamento: topi PCOS insieme, topi trattati con placebo insieme e topi di entrambi i gruppi di trattamento insieme. I risultati di Co-housing sono esposti al microbioma intestinale dell’altro, ha spiegato Thackray. Topi PCOS che vivevano con topi trattati con placebo avevano sostanzialmente migliorato i livelli di testosterone, i cicli normalizzati e l’ovulazione rispetto ai topi PCOS alloggiati l’uno con l’altro. Inoltre, topi PCOS alloggiati con topi placebo avevano ridotto peso, glicemia e livelli di insulina a digiuno più bassi e minore insulino-resistenza (un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2).

L’anno scorso, il team ha applicato un piano sperimentale per gli umani per analizzare la composizione microbica tra la donna e la PCOS. I soggetti sono stati reclutati presso l’Università di Scienze Mediche di Poznan. Profili di diversità microbica fecale di donne sane (n = 48), donne con morfologia dell’ovaio policistico ma non-PCOS (n = 42) e donne con diagnosi di PCOS (n = 73) sono state analizzate utilizzando il sequenziamento del gene RNA batterico. Le analisi molecolari hanno mostrato che l’eccesso di androgeni, il testosterone totale e l’irsutismo erano negativamente correlati con la diversità batterica. In una ricerca indipendente di un’altra squadra, gli scienziati hanno osservato che alcuni batteri Gram-negativi appartenenti ai generi Bacteroides ed Escherichia / Shigella aumentavano significativamente nell’intestino delle donne PCOS con obesità. È stato dimostrato che l’LPS batterico prodotto da batteri gram-negativi induce infiammazione cronica, obesità e insulino-resistenza nei topi trattati con LPS. Al contrario, hanno scoperto che i batteri del genere Akkermensia diminuivano nell’obesità e nella PCOS. Pertanto, viene stabilito un sicuro intervento dello squilibrio del microbiota intestinale nella condizione.

Il Dott. Thackray ha commentato: “Sono necessarie ulteriori ricerche per capire in che modo specifici batteri intestinali contribuiscono alla PCOS e se il microbiota offre potenziali vie per trattare la condizione. Riteniamo che alterare il microbioma intestinale attraverso terapie prebiotiche o probiotiche possa essere una potenziale opzione di trattamento per la PCOS”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zeng B et al. Research Microbiol. 2019 Jan – Feb; 170(1):43-52.

Insenser M et al. J Clin Endocrinol Metab. 2018; 103(7):2552-62.

Torres PJ et al. J Clin Endocrinol Metab. 2018; 103(4):1502-1511. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1559 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it