Fumo in gravidanza: la vitamina C protegge i polmoni del piccolo

 1

La vitamina C può ridurre il danno arrecato ai polmoni nei bambini nati da madri che fumano durante la gravidanza, secondo uno studio randomizzato e controllato pubblicato online sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Cindy T. McEvoy, MD, MCR, autrice principale di studio e professore di Pediatria all’Oregon Health & Science University, e il suo team riferiscono che a tre mesi di età, i bambini le cui madri hanno preso 500 mg di vitamina C in aggiunta alla loro vitamina prenatale avevano flussi espiratori forzati significativamente migliori (FEF). I FEF misurano la velocità con cui l’aria può essere espirata dal polmone e sono una misura importante della funzione polmonare perché possono rilevare l’ostruzione delle vie aeree. I ricercatori hanno anche scoperto un’associazione tra i FEF infantili e una variante genetica che alcune madri possedevano, che sembra amplificare l’impatto negativo della nicotina sui bambini prima che nascessero. Fumare durante la gravidanza riflette la natura altamente coinvolgente della nicotina che colpisce in modo sproporzionato le popolazioni più vulnerabili. Altri studi hanno collegato questo fattore genetico, in particolare per il recettore nicotinico alfa-5, a un aumento del rischio di cancro del polmone e malattia broncopolmonare ostruttiva (BPCO).

La nicotina non è solo una sostanza che causa fenomeni di dipendenza su base cerebrale. E’ dotata di altre proprietà biologiche esterne al sistema nervoso centrale. A bassi dosaggi, la nicotina ha un effetto stimolante: aumenta leggermente il battito cardiaco (tachicardia) e la pressione arteriosa che poi tende a ridursi (ipotensione) ai dosaggi più elevati; aumenta il metabolismo principalmente su base epatica, ma dato che si scioglie nei grassi è probabile che essa possa esercitare anche un modesto effetto sul tessuto adiposo. Inoltre sopprime la fame e riduce lo stress (vedere anche l’articolo appena pubblicato: Nicotina, dipendenza e fame: come si correlano?). Non è direttamente cancerogena, né per le cellule normali né per quelle tumorali. Tuttavia, è considerata dai ricercatori oncologici un “promotore” (tumor promoter), ovvero una sostanza che spiana il terreno alla proliferazione cellulare ed alle mutazioni indotte dai cancerogeni. Questo effetto è stato visto proprio a carico delle cellule delle vie respiratorie. Come tale essa può mediare parte dei suoi effetti attraverso lo stress ossidativo. Il polmone è soggetto a danno ossidativo a prescindere dal suo metabolismo dipendente dall’ossigeno, ed è un organo necessita di vitamina C non solo per la sua stabilità strutturale, ma anche di difesa attiva.

In uno studio precedente, gli autori avevano dimostrato che 72 ore dopo la nascita, i bambini delle madri che fumavano avevano una migliore funzione polmonare se le loro madri erano randomizzate alla vitamina C (500 mg / die) durante le loro gravidanze rispetto a quelle nate da madri che fumavano e sono stati randomizzati al placebo. Lo studio ha utilizzato metodi passivi per misurare la funzionalità polmonare e gli autori osservano che i FEF forniscono una valutazione più diretta della funzionalità delle vie aeree e sono simili ai metodi utilizzati per diagnosticare la malattia polmonare negli adulti e nei bambini più grandi. Nello studio corrente, 251 donne incinte fumatrici sono state assegnate casualmente a 13-23 settimane di gestazione per ricevere vitamina C (125 donne) o un placebo (126 donne). Il fumo è stato definito come se avesse avuto una o più sigarette nell’ultima settimana. Tutti i partecipanti hanno ricevuto consulenza per smettere di fumare durante lo studio e circa il 10% delle donne ha smesso di fumare durante lo studio. Nel momento in cui si sono arruolate nello studio, le donne avevano livelli più bassi di acido ascorbico rispetto a quelli che sono stati segnalati tra le donne che non fumavano. Questi livelli sono aumentati nei partecipanti allo studio che hanno ricevuto vitamina C per diventare paragonabili alle donne che non fumavano.

I risultati dello studio supportano l’ipotesi che lo stress ossidativo causato dal fumo di sigaretta riduce la quantità di acido ascorbico disponibile per il corpo. Gli autori hanno già dimostrato l’anno scorso che tale integrazione con vitamina C corregge buona parte delle modifiche al DNA apportate dal fumo di tabacco (metilazione delle isole CpG del DNA, ovvero cambiamenti epigenetici), e che ad un anno di vita i bambini hanno avuto minore incidenza di problemi respiratori. Riassumendo i risultati del presente studio, la Dr.ssa McEvoy ha commentato: “Un dosaggio relativamente basso di vitamina C può presentare un intervento sicuro e poco costoso che ha il potenziale per aiutare la salute dei polmoni di milioni di bambini in tutto il mondo. Tuttavia, aiutare le madri a smettere di fumare dovrebbe rimanere l’obiettivo primario per i professionisti della salute e per i funzionari della sanità pubblica. Trovare un modo per aiutare i bambini esposti al fumo e la nicotina in utero riconosce i pericoli unici posti da un prodotto altamente pubblicizzato, che crea dipendenza e gli effetti della vita sulla prole che non hanno scelto di essere esposti. “Sebbene l’integrazione di vitamina C possa proteggere in una certa misura il polmoni di bambini nati da madri che fumano durante la gravidanza, questi bambini saranno ancora a maggior rischio di obesità, disturbi comportamentali e altri gravi problemi di salute”.

Cosa dura di più? Cinque minuti di sigaretta o il dolore di una vita?

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specilista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

McEvoy CT et al., Morris CD. Am J Respir Crit Care Med. 2018 Dec 7.

Scherman A et al. Ther Adv Drug Saf. 2018 May 28; 9(8):457-474.

Shorey-Kendrick LE et al. Am J Respir Crit Care Med. 2017; 196(6):745.

McEvoy CT, Spindel ER. Paediatr Respir Rev. 2017 Jan21: 27-33.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1181 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it