venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Chirurgia bariatrica: per ridurre tanto il rischio di tumori femminili

L’obesità è un fattore di rischio ben definito per lo sviluppo del cancro e si stima che contribuisca al 9,4% di tutti i tumori nelle donne e al 3,5% di tutti i tumori negli uomini nel Nord America. L’obesità è associata al 15-20% di tutte le morti per cancro. Sono stati proposti molteplici meccanismi biologici per il legame tra obesità e cancro, tra cui aumento dell’insulina e fattori di crescita simili all’insulina (IGFs), aumento di estradiolo, meccanismi meccanici e infiammazione. Questi meccanismi biologici associati all’obesità che portano a un rischio di rischio di cancro sono potenzialmente modificabili dalla perdita di peso. Dopo la perdita di peso tramite dieta o esercizio fisico, l’espressione genica del tessuto adiposo cambia a sei mesi sia per il metabolismo degli ormoni steroidi che per la segnalazione dell’IGF. Inoltre, oltre 60 studi hanno dimostrato che la dieta e l’esercizio fisico riducono i markers infiammatori che possono potenzialmente ridurre il rischio di cancro nel tempo. Secondo il National Cancer Institute, negli Stati Uniti, circa 72000 nuovi casi di cancro nelle donne e 28.000 negli uomini sono stati causati per eccesso di peso nel 2012. Si stima inoltre che oltre un terzo degli adulti statunitensi vive con l’obesità, anche se più donne sono colpite rispetto agli uomini. Un anno fa uno studio retrospettivo dell’Università di Cincinnati College of Medicine in Ohio ha ora analizzato i dati di oltre 22.000 persone sottoposte a chirurgia bariatrica, per verificare l’impatto sul rischio di sviluppare il cancro. Il Dr. Daniel Schauer ha guidato la ricerca.

I dati provenivano da cinque diversi centri Kaiser Permanente: in Colorado, nella California settentrionale, nell’Oregon, nel sud della California e a Washington DC. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Annals of Surgery. Il dottor Schauer e il suo team hanno confrontato i dati medici di 22.198 persone che avevano subito un intervento chirurgico di perdita di peso tra il 2005 e il 2012 con quello di 66.427 persone che non hanno subito un intervento chirurgico. Oltre l’80% della coorte totale erano donne. I ricercatori hanno utilizzato modelli statistici per studiare l’incidenza del cancro nelle persone che hanno subito un intervento bariatrico fino a 10 anni dopo la procedura. Hanno anche preso in considerazione la coorte che non ha optato per un intervento chirurgico. I due gruppi sono stati abbinati a fattori di impatto rilevanti, tra cui sesso, età e indice di massa corporea (BMI). Tutte le persone i cui dati sono stati analizzati sono stati seguiti per i risultati medici fino al 2014. Il team ha identificato un totale di 2.543 tumori incidenti dopo un follow-up medio di 3,5 anni. I ricercatori hanno scoperto che la chirurgia bariatrica ha portato a un rischio inferiore del 33% di qualsiasi tipo di cancro, ma il maggior beneficio è stato osservato per i tumori associati all’obesità. Più specificamente, tra coloro che sono stati sottoposti a chirurgia bariatrica, vi era un 42% di rischio inferiore di carcinoma mammario in postmenopausa e un rischio inferiore del 50% di cancro dell’utero. Anche il rischio di cancro al colon era inferiore del 41% e il rischio di cancro al pancreas è diminuito del 54%.

Una spiegazione fornita dagli scienziati per il ridotto rischio di sviluppare alcuni tumori legati all’obesità è stata legata a livelli modificati di estrogeni, legati al sistema riproduttivo femminile. Un’altra spiegazione è che la chirurgia per la perdita di peso riduce anche la resistenza all’insulina e riduce il rischio di diabete, che è un fattore di rischio per il cancro del pancreas. Inoltre, sebbene il rischio di cancro fosse significativamente diminuito nelle donne in chirurgia post-chirurgica, tale associazione non è stata confermata per gli uomini. Ma è stato suggerito che ciò potrebbe essere dovuto all’elevata percentuale di donne in questo studio. Un’altra possibile spiegazione potrebbe essere che il maggior beneficio è stato notato in relazione al carcinoma mammario in menopausa e al carcinoma dell’endometrio. Ciò che sorprende è quanto è stato ridotto il rischio di cancro, fra il 42 ed il 50%. I rischi di cancro per il carcinoma mammario post-menopausa e il cancro dell’endometrio sono strettamente correlati ai livelli di estrogeni; avere un intervento chirurgico di perdita di peso li riduce. Alla fine, la ricerca che un minor rischio di cancro può essere un fattore motivante significativo per sottoporsi a chirurgia bariatrica per le persone che vivono con l’obesità, ma è solo una delle ragioni per cui questa linea d’azione dovrebbe essere presa seriamente in considerazione. Riduzioni di diabete e ipertensione e miglioramenti nella sopravvivenza o qualità della vita sono una ragione più che sufficiente. Secondo gli scienziati, lo studio fornisce un motivo in più per considerare la chirurgia bariatrica.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wiggins T et al., Markar SR. Obes Surg. 2018 Dec 27.

Dhalwani NN, Zaccardi F et al. J Diabetes. 2018 Sep 7.

Schauer DP et al. Obesity 2017 Nov; 25 Suppl 2:52-57.

Maestro A et al. Endocrinol Nutr. 2015 Mar; 62(3):138-43.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Tirzepatide: l’ennesima promessa per perdere peso. I risultati di un trial clinico recentissimo

Le associazioni americane ed europee per il diabete concordano sul fatto che la riduzione del peso dal 5 al 15% è la chiave per...

Brain metabo-PET to anticipate Alzheimer onset: astrocytes and their anomalous cycles under the spotlights

Alzheimer's disease (AD), one of the major causes of dementia, is known to be associated with neuroinflammation in the brain. While traditional neuroscience has...

Voglia di cioccolata e calorie: nuovo studio scruta il DNA

Ricercatori spagnoli hanno identificato alcune varianti genetiche che influenzano le preferenze alimentari di una persona, come ad esempio il gusto per il cioccolato e...