mercoledì, Febbraio 28, 2024

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Diabete della pillola: lo si evita con dieta vegetale ed esercizio intenso

Oggi negli Stati Uniti più di 114 milioni di adulti hanno o il diabete o il pre-diabete. A livello mondiale l’OMS ha stimato che nel 2017 ben 380 milioni di persone avevano il diabete tipo 2. La diffusione di questa condizione è considerate dall’OMS una pandemia di proporzioni allarmanti e la sua maggiora causa è legata ad un cattivo stile alimentare. La cosiddetta “dieta occidentale”, ricca di alimenti processati e ad alto contenuto di zuccheri e grassi saturi, è un fattore di rischio tra i maggiori per sviluppare la condizione. Esso agisce principalmente causando squilibrio della composizione della flora batterica intestinale (microbiota). Per maggiore informazioni sul fenomeno, si può cercare nell’archivio del sito la combinazione keyword “diabete e microbiota”. Uno studio precedente aveva dimostrato che una dieta a base vegetale condotta per 16 settimane in soggetti adulti sovrappeso, ha migliorato l’insulino-resistenza e la funzione pancreatica globale. La funzione delle cellule beta è tipicamente deficiente in coloro che sono affetti da diabete tipo 2, e preservare la loro funzionalità è l’obiettivo primario nel trattamento della condizione. Altre ricerche hanno pure provato che le diete a base vegetale riescono a migliorare il profilo glicemico e invertire la tendenza verso il diabete; e che coloro che approcciano stabilmente un tale tipo di alimentazione hanno il 50% di rischio in meno di sviluppare le patologia.

Secondo una nuova ricerca pubblicata su Nutrients, una dieta a base vegetale migliora la secrezione di insulina e incretina in quelli con diabete tipo 2. I ricercatori hanno confrontato gli effetti di un pasto a base vegetale con un pasto contenente carne sui livelli ormonali di un gruppo di 20 uomini con diabete tipo 2 in uno studio randomizzato crossover. I pasti consistevano in un hamburger vegetariano a base di tofu o in un hamburger a base di carne e contenevano la stessa quantità di calorie e il rapporto di macronutrienti. I risultati mostrano che la secrezione postprandiale di insulina dei partecipanti è aumentata di più dopo il pasto a base vegetale rispetto al pasto a base di carne. Anche la secrezione di ormoni incretinici, in particolare il peptide glucagone-simile (GLP-1), è aumentata di più dopo il pasto vegano. L’incretina amplifica il rilascio di insulina dopo i pasti e aiutano anche a ridurre i livelli di glucosio nel sangue. I parametri della funzione delle cellule beta sono migliorati anche dopo la dieta vegana. Hana Kahleova, MD, PhD, direttore della ricerca clinica presso il Physicians Committee for Responsible Medicine, ha dichiarato giustamente: “Con l’aumento dei tassi di diabete e dei costi dell’insulina, questo studio offre la speranza che la soluzione più semplice possa essere a portata di mano: il cibo sulle nostre tavole. I risultati aggiungono all’evidenza che una dieta a base vegetale dovrebbe essere considerata un trattamento di prima linea per il diabete tipo 2”.

Un altro studio pubblicato su Diabetes / Metabolism Research and Reviews, invece, sottolinea i benefici dell’esercizio fisico, in particolare l’allenamento di resistenza (RT), per prevenire il diabete di tipo 2. Nello studio randomizzato controllato, 172 persone di età compresa tra 55 e 75 anni e pre-diabete erano state assegnate a un gruppo di controllo, un gruppo di allenamento aerobico (AT), un gruppo RT o un gruppo AT plus RT. I programmi di esercizio supervisionati sono stati completati per 60 minuti al giorno, tre giorni non consecutivi alla settimana per 24 mesi. I dati di follow-up erano disponibili per 137 partecipanti. L’incidenza del diabete tipo 2 è stata ridotta del 74%, 65% e 72% con AT più RT, RT e AT, rispettivamente, rispetto al controllo. Dopo 24 mesi, l’incidenza cumulativa del diabete era significativamente più bassa nei gruppi AT più RT, RT e AT rispetto al gruppo di controllo (21%, 26% e 22% rispetto al 69%, rispettivamente). Questo studio ha dimostrato che RT e RT più AT erano efficaci quanto l’AT isolata nella prevenzione del diabete tipo 2 manifestato nei pazienti con pre-diabete. Gli scienziati hanno dimostrato che la RT è una valida opzione per i pazienti che cercano di prevenire o ritardare il diabete tipo 2. Questa scoperta espande ulteriormente i paradigmi del cambiamento dello stile di vita per prevenire il diabete tipo 2 e può informare le discussioni clinico-paziente sul ritardare l’insorgenza della malattia.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kahleova H et al., Pelikanova T. Nutrients 2019 Feb 26; 11(3).

Feito Y et al., Heinrich KM. Sports (Basel). 2019 Feb 22; 7(2).

Liu L, Shao Z, Xia Y et al. Endocrinology Connect. 2019 Jan 1.

Sawada SS et al., Miyachi M. J Diabetes Investig. 2018 Dec 18. 

Latest

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Newsletter

Don't miss

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Medicina rigenerativa per il rene: la possibilità che si apre capendo tutti gli stadi molecolari del danno

Come si forma il rene nell’embriogenesi? Il rene dei mammiferi,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il rifiuto degli operatori sanitari al vaccino anti-COVID: una estesa indagine su motivi e paure

La vaccinazione di massa è considerata una delle misure principali per ridurre la diffusione del coronavirus SARS-CoV2 e controllare la pandemia di COVID-19. Tuttavia,...

Arancia rossa: migliora l’infiammazione per sistemare il metabolismo

L'obesità è ben riconosciuta come uno dei principali problemi di salute pubblica in tutto il mondo e la sua diffusione è in aumento. I...

Avena e segale: i cereali che sistemano colesterolo e trigliceridi

Fino a poco tempo fa, i meccanismi alla base degli effetti sulla salute o delle fibre di crusca di avena e segale non erano...